Un lato negativo per le mogli trofeo: mariti sessualmente diminuiti

Original cartoon by Alexandra Martin
Fonte: cartone originale di Alexandra Martin
Public domain image by BurgererSF of a painting in the National Museum in Warsaw.
The Ill-Matched Couple di Lucas Cranach the Elder (1550)
Fonte: immagine di pubblico dominio di BurgererSF di un dipinto nel Museo Nazionale di Varsavia.

Ogni volta che un ricco eminente sposa una sposa molto più giovane del nubile – chiamata in modo disordinato una "moglie trofeo" – di solito segue una tempesta mediatica. Un caso estremo è il matrimonio nel 1994 del miliardario di petrolio di 89 anni, J. Howard Marshall, con la ventiseienne Anna Nicole Smith, ex Playmate di Playboy. Eppure nel mondo occidentale tali unioni sono apparentemente rari da secoli. Il titolo del dipinto di Lucas Cranach il vecchio del 1550 La coppia malata corrisponde alla pubblica condanna di vecchi che sposano donne molto più giovani. La mano della giovane moglie che si immerge discretamente nella borsa del marito allude al duro interesse finanziario comunemente attribuito a un "cercatore d'oro". In effetti, la grande maggioranza dei matrimoni nella società occidentale ha solo minori differenze di età, con gli sposi per lo più di 2-5 anni più grandi delle loro spose. Le mogli dei trofei di 20 anni più giovani o più stanno sbalordendo. E l'antitesi di una donna che sposa un "ragazzo giocattolo" decisamente più giovane è ancora più rara. Questi matrimoni affrontano la perdita della fertilità femminile imposta dalla menopausa a circa 50 anni. Anche se non esiste un limite così brusco con l'invecchiamento dei mariti, le prove indicano che coppie mal assortite affrontano problemi riproduttivi che aumentano gradualmente con l'età maschile.

//onlinestatbook.com/). Project Leader: David M. Lane, Rice University.
Età dei partner matrimoniali maschili e femminili rispetto. La maggior parte dei punti si trova al di sotto della linea rossa obliqua che indica i partner della stessa età, perché i mariti tendono ad essere alcuni anni (1-10) più anziani delle loro mogli. Le donne più giovani di 20 anni rispetto ai loro mariti sono "mogli trofeo", mentre gli uomini più giovani di 20 anni rispetto alle loro mogli sono "ragazzini".
Fonte: diagramma dell'autore basato su un diagramma a dispersione di pubblico dominio, da Online Statistics Education: A Multimedia Course of Study (http://onlinestatbook.com/). Capo progetto: David M. Lane, Rice University.

Test e testosterone

Gli scrittori implicano spesso che la fertilità maschile umana è praticamente illimitata e che gli uomini di 80 anni e oltre possono ancora generare figli con facilità. Tuttavia – in netto contrasto con l'intensa attenzione dedicata alla cessazione della fertilità nella menopausa nelle donne – relativamente poca è stata la ricerca condotta sui cambiamenti legati all'età nella capacità riproduttiva negli uomini. Contro questa omissione, in diverse pubblicazioni pubblicate negli anni '80, Larry Johnson e colleghi hanno esaminato le relazioni tra l'età degli uomini, i pesi dei testicoli e la produzione giornaliera di spermatozoi. Un articolo del 1984 confrontava i risultati per due gruppi di uomini, di età compresa tra 21 e 50 anni e 51-80, rispettivamente. La produzione giornaliera di spermatozoi diminuiva con l'età ed era significativamente più bassa, di circa il 25%, nel gruppo più anziano. È interessante notare che l'intero peso del testicolo non ha mostrato alcun cambiamento apprezzabile con l'età. Ma un esame più approfondito ha rivelato che la tunica del testicolo (il suo strato protettivo esterno) si è ingrossata con l'età e rappresentava quasi un terzo in più del peso dei testicoli negli uomini più anziani. Quindi i testicoli di uomini di età compresa tra 21 e 50 anni hanno in particolare più tessuto che produce spermatozoi: più bang per il dollaro. In una panoramica del 1989, Johnson ha riportato che i livelli circolanti di alcuni ormoni (LH, FSH, estradiolo) sono più alti negli uomini più anziani, mentre i livelli di testosterone e la capacità del testicolo di secernere il testosterone quando viene stimolato sono ridotti. Altre alterazioni legate all'età nei testicoli umani comprendono una ridotta attività sessuale e una ridotta produzione di spermatozoi che a volte portano a una completa assenza di sperma.

Scatter plots redrawn from Eskenazi et al. (2003).
Diagrammi di volume dello sperma e concentrazione di spermatozoi per uomini di età diverse, che mostrano valori più bassi soprattutto durante gli ultimi due decenni (60-80). Si noti che la scala logaritmica utilizzata per il conteggio degli spermatozoi comprime un forte calo.
Fonte: diagrammi di dispersione ridisegnati da Eskenazi et al. (2003).

Un rapporto del 2003 di Brenda Eskenazi e colleghi ha esplorato ulteriormente l'associazione tra la qualità dello sperma e l'età degli uomini. Questi ricercatori hanno condotto uno studio trasversale con 97 uomini sani di età compresa tra 22 e 80 anni. Gli eiaculati sono stati valutati per il volume dello sperma, la concentrazione di spermatozoi, il numero totale di spermatozoi e vari indicatori di motilità dello sperma. Rifiuti continui senza effetto soglia si sono verificati con tutte le misure. Dopo aver consentito l'interazione tra le variabili, il volume dell'eiaculato era approssimativamente dimezzato tra i 20 e gli 80 anni, mentre il numero di spermatozoi progressivamente mobili diminuiva di quasi il 5% all'anno. È importante sottolineare che la proporzione di uomini con volume anormale dello sperma, concentrazione spermatica e motilità degli spermatozoi è aumentata in modo significativo in tutta la fascia di età. È noto che l'alterazione della fertilità maschile si verifica se le concentrazioni di spermatozoi scendono al di sotto di circa 20 milioni per millilitro di sperma e un numero crescente di uomini è sceso al di sotto di tale livello, in particolare dopo i 60 anni.

Nella sua panoramica del 1989, Larry Johnson ha registrato un'associazione tra riduzione correlata all'età nella produzione di spermatozoi e calo della produzione di testosterone, accompagnata dalla diminuzione della reattività dei testicoli alla stimolazione. Peter Ellison e colleghi hanno fornito un'interessante prospettiva interculturale su questo cambiamento dopo aver misurato i livelli di testosterone nei campioni di saliva di uomini di diverse popolazioni: Boston, Congo, Nepal e Paraguay. Un declino progressivo con l'età si è verificato in tutti i casi. Tuttavia, a 20 anni i livelli medi di testosterone mostravano differenze marcate tra le popolazioni, più alte per Boston e più basse per il Paraguay. Ma il tasso di declino era più alto con alti valori di partenza, quindi dall'età di 80 anni gli uomini raggiungevano un livello altrettanto basso in tutte le popolazioni.

Mutazioni e anomalie cromosomiche

Adapted from a figure in Crow (1997).
Grafici che mostrano cambiamenti in due condizioni congenite a causa di mutazioni dominanti (sindrome di Apert, acondroplasia) con l'età del padre. (Dati effettivi indicati in blu, curve levigate mostrate in rosso.)
Fonte: adattato da una figura di Crow (1997).

È stato a lungo riconosciuto che le mutazioni spontanee nel materiale genetico fondamentale, il DNA, si verificano molto più frequentemente negli spermatozoi che nelle uova e si moltiplicano man mano che l'uomo invecchia. Ciò si verifica principalmente perché la produzione di spermatozoi comporta molte più divisioni cellulari rispetto alla produzione di uova. Poiché si sono verificate più divisioni cellulari con gli spermatozoi prodotti dagli uomini anziani, si prevede che le mutazioni si accumulino con l'età. Al contrario, non è previsto un tale effetto dell'età nelle donne. Quindi è ragionevole chiedersi, come ha fatto il genetista James Crow in un documento di revisione del 1997, se la proliferazione delle mutazioni negli spermatozoi rappresenti un rischio per la salute. I progressi nella genetica molecolare hanno permesso la determinazione diretta della fonte genitoriale di specifiche mutazioni, portando alla scoperta che determinati difetti evolutivi sono prevalentemente attribuibili a mutazioni negli spermatozoi del padre. Questi includono la sindrome di Apert (caratterizzata da malformazioni della testa, delle mani e dei piedi) e acondroplasia (una causa comune di nanismo). Crow ha mostrato che tali mutazioni diventano più frequenti con l'età maschile come previsto e lo fanno più velocemente del numero di divisioni cellulari: le curve adattate alle frequenze della sindrome di Apert e l'acondroplasia tracciata contro l'età paterna accelerano verso l'alto. Crow ha concluso: "Questo suggerisce che il maggior rischio di mutazioni per la salute nella popolazione umana al momento è costituito da maschi anziani fertili".

Oltre alle mutazioni del DNA, possono verificarsi anomalie anche nei cromosomi. Forse l'esempio umano più conosciuto è la sindrome di Down, con una copia aggiuntiva del cromosoma 21 nei nuclei delle cellule degli individui affetti. Questa è un'anomalia congenita relativamente comune che colpisce circa uno su mille neonati. Un notevole aumento nell'insorgenza della sindrome di Down con l'età materna è un esempio fondamentale nei libri di testo di genetica. Tuttavia, poca attenzione è stata data agli effetti dell'invecchiamento sulle aberrazioni cromosomiche negli spermatozoi umani. In un nuovo approccio, nel 2001 Elza Maria Prestes Sartorelli e colleghi hanno pubblicato uno studio in cui uova di criceto sono state fecondate individualmente in vitro con campioni di sperma provenienti da cinque uomini di età compresa tra 23-39 e sette di età compresa tra 59-74. L'esame successivo dei cromosomi ha rivelato che le aberrazioni numeriche e strutturali erano significativamente più comuni con lo sperma dei donatori più anziani.

Aborto e difetti di nascita

L'aumento correlato all'età delle mutazioni e delle aberrazioni cromosomiche negli spermatozoi umani ha implicazioni per l'aborto, come hanno dimostrato Elise de La Rochebrochard e Patrick Thonneau in un documento del 2002. Partendo dal consueto approccio, hanno preso in considerazione sia le influenze materne che paterne. Più di 3.000 gravidanze pianificate che finiscono con la nascita o l'aborto sono state valutate in uno studio retrospettivo su donne di età compresa tra 25 e 44 anni in quattro paesi europei. Dopo essersi adeguati a fattori come la storia riproduttiva, questi ricercatori hanno confermato che il rischio di aborto era più alto per le donne sopra i 35 anni. Ma con donne più anziane l'aumento del rischio era molto maggiore quando il partner maschile aveva 40 anni o più. In uno studio successivo pubblicato nel 2005, gli stessi autori hanno esaminato 19 rapporti epidemiologici che esaminano gli effetti dell'età paterna. Tutti gli studi che hanno analizzato la relazione tra età paterna e aborto hanno identificato un rischio maggiore con uomini di età pari o superiore a 35 anni. Altri studi hanno riportato evidenza di un'influenza dell'età paterna sulle morti fetali tardive.

Un rapporto del 2003 di Harry Fisch e colleghi ha esaminato specificamente la relazione tra età paterna e sindrome di Down. Precedenti studi sui possibili effetti dell'età paterna hanno prodotto risultati contrastanti, quindi Fisch e colleghi hanno esaminato un campione molto più ampio. Hanno raccolto dati per oltre 3.400 casi di sindrome di Down dal 1983 al 1997 dal registro delle malformazioni congenite del Dipartimento di Sanità dello Stato di New York. Nessuna influenza dell'età dei genitori sulla sindrome di Down è stata osservata a età inferiore ai 35 anni. Gli effetti dell'età sono stati più pronunciati quando l'età materna ha superato i 40 anni, con un rischio di sindrome di Down sei volte superiore rispetto ai partner di età inferiore ai 35. A partire dall'evidente cambiamento nei tassi di sindrome di Down con l'età materna, Fisch e colleghi hanno stimato che, per le madri all'età di 40 anni o più, circa la metà era dovuta al contributo paterno. Fisch e colleghi hanno concluso: "È nostra convinzione che l'aumento dell'età paterna e dell'età materna possano essere responsabili di un'ampia varietà di problemi di salute nei bambini. Questo effetto è stato sottovalutato e richiede ulteriori ricerche ".

Frequenza della sindrome di Down (numero di casi per 1000 nascite) con aumento dell'età materna. La correzione per l'età paterna riduce notevolmente l'associazione con l'età della madre. Infatti, per le età materne superiori a 40 l'effetto dell'età del padre è particolarmente pronunciato.

Fonte: adattato da una figura in Fisch et al. (2003).

Conservazione della fertilità attraverso i giovani uomini

Molto è stato scritto sull'età in costante aumento alla prima nascita per le donne nella società occidentale. Una contromisura suggerita è la "preservazione della fertilità" in cui le uova raccolte da una donna nei suoi primi anni riproduttivi vengono utilizzate in futuro per la fecondazione in vitro . (Vedi il mio post sul blog Beating the Biological Clock with Eggs in the Freezer , pubblicato l'11 aprile 2016.) Ma è stato detto molto poco sui problemi paralleli con il declino progressivo correlato all'età nella salute riproduttiva degli uomini. Eppure i partner invecchiano in tandem. Quindi dobbiamo considerare un approccio radicalmente diverso alla conservazione della fertilità, con la raccolta e la conservazione di campioni di sperma di uomini di 20 anni per un uso successivo da parte di donne che ritardano la gravidanza. È molto più semplice e meno invasivo raccogliere campioni di sperma piuttosto che uova, e la semplice procedura di inseminazione artificiale potrebbe essere utilizzata (almeno inizialmente) per ottenere un concepimento al momento prescelto. Poi di nuovo, ovviamente, c'è sempre la possibilità di aggirare i medici del tutto cercando un Toy Boy ………

Riferimenti

Crow, JF (1997) L'alto tasso di mutazione spontanea: è un rischio per la salute? Atti della National Academy of Sciences USA 9 : 8380-8386.

de La Rochebrochard, E. & Thonneau, P. (2002) L'età paterna e l'età materna sono fattori di rischio per aborto spontaneo; risultati di uno studio europeo multicentrico. Human Reproduction 17 : 1649-1656.

de La Rochebrochard, E. & Thonneau, P. (2005) Età paterna: i rischi di infecondità e aborto sono più alti quando l'uomo ha 40 anni o più? Revue d'Epidemiologie et de Santé Publique 53 Spec. N. 2 : 2S47-42S55.

Ellison, PT (2008) Energetica, ecologia riproduttiva e evoluzione umana. Paleoantropologia 2008 : 172-200.

Eskenazi, B., Wyrobek, AJ, Slot, E., Kidd, SA, Moore, L., Young, S. & Moore, D. (2003) L'associazione tra età e qualità dello sperma in uomini sani. Riproduzione umana 18 : 447-454.

Fisch, H., Hyun, G., Golden, R., Hensle, TW, Olsson, CA & Liberson, GL (2003) L'influenza dell'età paterna sulla sindrome di Down. Journal of Urology 169 : 2275-2278.

Johnson, L. (1986) Spermatogenesi e invecchiamento nell'umano. Journal of Andrology 7 : 331-354.

Johnson, L. (1989) Valutazione del testicolo umano e della sua disfunzione legata all'età. Progressi nella ricerca clinica e biologica 302 : 35-60.

Johnson, L., Petty, CS & Neaves, WB (1984) Influenza dell'età sulla produzione di spermatozoi e pesi testicolari negli uomini. Journal of Reproduction & Fertility 70 : 211-218.

Lian, Z.-H., Zack, MM & Erickson, JD (1986) Età paterna e il verificarsi di difetti alla nascita. American Journal of Human Genetics 39 : 648-660.

Sartorelli, EMP, Mazzucatto, LF e de Pina-Neto, JM (2001) Effetto dell'età paterna sui cromosomi dello sperma umano. Fertilità e sterilità 76 : 1119-1123.

Solutions Collecting From Web of "Un lato negativo per le mogli trofeo: mariti sessualmente diminuiti"