Un grido per le scienze umane

Anni fa mi sono seduto in un altro interminabile incontro universitario riguardante incombenti tagli al budget. Anni fa! "Costruisci un caso per gli studi umanistici", ci ha sfidato il presidente, un vero sostenitore delle arti. Non riuscivo a pensare a nessun altro modo per esprimere la mia risposta: "Lo studio degli studi umanistici potrebbe salvare il pianeta". Sono più convinto che mai.

È con orrore che guardo i finanziamenti per gli studi umanistici tagliati fino all'osso o eliminati a tutti i livelli dell'istruzione pubblica. In qualche modo, la musica e l'arte non sono più essenziali per il benessere degli studenti. Come possiamo vivere privati ​​dell'esposizione alla ricchezza della creatività umana? Come faremo senza cibo per il cuore e per l'anima?

Questa mancanza di accessibilità alle arti era nella mia mente mentre leggevo il giornale di domenica. Nell'edizione del 20 febbraio del New York Times, Bob Herbert scrive irresistibilmente su "Il costo umano del taglio del budget". Mentre oltre "20 milioni di persone ricevono una qualche forma di assistenza da parte delle agenzie di azione della comunità nel corso dell'anno", il Presidente Obama prevede una riduzione del 50% dei finanziamenti per tali agenzie, mentre i repubblicani di casa vogliono che il finanziamento venga cancellato del tutto. Questo risparmio di 350 milioni di dollari è "penny-wise e pound-foolish", insiste Herbert. "La povertà e i suoi costi associati al governo aumentano" come risultato. Mentre le agenzie di azione comunitaria offrono vari servizi, i bambini e gli anziani saranno i più colpiti. Che mi dici dell'Umanità? E le nostre priorità? E il mondo?

Ieri ho preso un caffè con un autore che sta scrivendo un libro su Guerra e pace di Leone Tolstoj. Il sole stava tramontando in una insolitamente calda e ventosa giornata di febbraio, e una luce arancione rappresentava lo scenario perfetto per l'animazione di Andy. Potrei quasi toccare e assaggiare ciò che quel libro in particolare e le opere di Tolstoy in generale significano per lui. "Siamo stati insieme per oltre venti anni", ha detto, dando un'occhiata dura con la sua guida russa a temi universali come la perseveranza, il ruolo della sofferenza come insegnante e un apprezzamento non adulterato per il dono della vita. La passeggiata di Andy attraverso la vita è stata segnata dalle orme letterarie di Tolstoy; la sua brama di condividere con i suoi lettori il suo amore per la guerra e la pace è palpabile. Sarò il primo in fila per il suo libro.

La letteratura conta. La musica conta. Il teatro conta. La scultura conta. La poesia conta. La storia conta. E, naturalmente, la filosofia conta. L'Esposizione alle scienze umane amplia e approfondisce la nostra stessa umanità . Lo studio e la discussione allargano il nostro senso di possibilità. Siamo senza povertà senza guardare Michelangelo o ascoltare Mozart, una notte di teatro con August Wilson o Puccini e le arie verdiane cantate da Kiri Te Kanawa, una lettura di Brokeback Mountain di Annie Proulx o una recita dei versi di Maya Angelou. Tre esempi del potere degli studi umanistici di dare speranza, di offrire una nuova direzione e di cambiare vita mi vengono in mente:

Per prima cosa, un viaggio alla Rafe Esquith's Room 56 alla Hobart Elementary School di Los Angeles. Bande e mendicanti pattugliano le strade e la polizia fa conoscere la loro presenza nei corridoi. Nel calore della sua classe, tuttavia, Esquith ogni anno dirige i suoi alunni di quinta elementare in uno sforzo di un anno che culmina nella loro esibizione di Amleto di Shakespeare. I bambini per i quali l'inglese è una seconda lingua contemplano e poi memorizzano i soliloqui di Polonio e Ofelia. Che cosa?! Perché? Come? Guarda come accade su DVD in "The Hobart Shakespeareans", diretto da Mel Stuart. Questa esperienza sarà viva per questi bambini per attingere fiducia e coraggio per il resto della loro vita. "Essere o non essere …." Sì, questa è la domanda.

Secondo, uno sguardo alla lotta contro la povertà generazionale condotta da guerrieri improbabili come Platone ed Emily Dickinson. In che modo il mondo può leggere e riflettere sul mito della caverna di Platone assistere un genitore single sul benessere? Cosa può significare "I Dwell in Possibility" di Dickinson per qualcuno senza lavoro o le competenze necessarie per trovare un impiego? Earl Shorris, che è stato la forza trainante del Corso Clemente nelle Humanites, ci dà la risposta:

"Se uno è stato" addestrato "nei modi della povertà, non ha lasciato opportunità di fare altro che reagire al proprio ambiente, ciò che è necessario è un inizio, non una ripetizione. Le scienze umane ci insegnano a pensare in modo riflessivo, a cominciare, a trattare con il nuovo come ci viene in mente, a osare. Se i poveri multi-generazionali devono fare il salto dalla povertà, richiederà un nuovo tipo di riflessione-pensiero. E questo è un inizio … La filosofia del Corso di Clemente nasce da un'idea di Robert Maynard Hutchins: "La migliore educazione per il meglio è la migliore educazione per tutti." L'applicazione di questa tesi all'alleviamento della povertà non era interamente di mia creazione , però. È venuto da me mentre ero in una prigione di massima sicurezza a Bedford Hills, New York, solo a visitare, naturalmente. Ho chiesto a un prigioniero, Viniece Walker, perché pensava che le persone fossero povere. Nicie, che da allora è diventata una buona amica, ha detto che era perché "non hanno la vita morale del centro", con cui intendeva Manhattan a sud di Harlem, dove è cresciuta. Pensando che probabilmente aveva subito una conversione religiosa mentre era in prigione, il che non è insolito, ho chiesto piuttosto casualmente cosa intendesse per "la vita morale". Che sorpresa quando ha detto: "Giochi, musei, concerti, conferenze, sai. "Ho detto," Intendi le scienze umane. "E mi guardò come se fossi una specie di cretino:" Sì, Earl, le scienze umane. "Sulla strada del ritorno in città, ho fatto il collegamento tra l'idea di Nicie e il mio propria educazione. Era l'inizio del Corso di Clemente. "(Puoi leggere l'intervista nella sua interezza qui.)

Il mio amico Andy Kaufman e i suoi studenti universitari condividono la saggezza che attende in Guerra e pace con i giovani incarcerati in una struttura giovanile correzionale. Il suo progetto "Books Behind Bars" tocca tutti i soggetti coinvolti mentre condividono pensieri su: "Cosa rende una vita" di successo "? Come posso essere fedele a me stesso? Qual è la mia responsabilità nei confronti degli altri? Dato che morirò, come dovrei vivere? "(Clicca qui per una breve intervista con Andy).

"La migliore educazione per il meglio è la migliore educazione per tutti." Che ne dici? Cosa significa per te un libro prezioso? Un poeta speciale ti calma e ti motiva? Come ti fa sentire quel pezzo di musica ogni volta? Quale rivelazione storica ti ha aiutato a dare un senso alla tua vita? Riesci a contare sulle ricchezze intellettuali per alleggerire il tuo passo e mostrarti la via? Quando hai visto alternative all'unica vita che tu abbia mai conosciuto? Perché questa particolare teoria filosofica serve da catalizzatore per il cambiamento?

Cosa succederebbe se tutti potessero rispondere a queste domande? Immaginare. Perché non dovrebbe essere data a tutti l'opportunità di rispondere a queste domande? Chi decide chi è idoneo a leggere un sonetto o qualificato per ascoltare una sinfonia? Perché un accondiscendente accaparramento degli umaniti, perché una convinzione di fondo che le arti non sono necessarie in alcune vite o non possono essere afferrate? La filosofia o la storia del jazz possono essere apprezzate solo da alcuni gruppi di particolare status socio-economico? Questa mentalità condivide la sfortunata parentela con i tagli alle agenzie di azione della comunità: "È una misura di dove siamo come un paese che questa non è stata una notizia più grande", si lamenta Herbert. Perché le notizie sulla prima pagina di Hobart Shakespeare non sono? Che dire di tutto il bene realizzato dagli operatori di azioni comunitarie? Perché non abbiamo sentito da alcuni dei laureati del corso di Clemente? Perché le interviste a Andy non sono state notizie nazionali? Cosa si può imparare sulla nostra società dai quaderni scritti da giovani incarcerati in risposta a Tolstoj?

John Stuart Mill sosteneva nell'Inghilterra del XIX secolo che, nonostante tutte le nostre invenzioni e il progresso materiale, lo sviluppo dell'essere umano rimaneva indietro dolorosamente. Ricordo che un amico del suo ultimo anno di facoltà di medicina mi rimproverava che lo studio di Etica non era che uno dei tanti elettivi che gli studenti potevano scegliere durante il loro ultimo semestre; dopo i loro seri studi, finalmente i residenti dell'ospedale potrebbero rilassarsi. Un elettivo! Cosa penserebbe Mill ora?

Il credito per l'immagine va a: http://podularity.com/oxford-worlds-classics-audio-guides/leo-tolstoy-wa…

Solutions Collecting From Web of "Un grido per le scienze umane"