Un gameplan per combattere l’oppressione

Esaminare le radici psicologiche dell’oppressione razziale può aiutare varie cause.

Le politiche di identità sono state oggetto di un intenso dibattito sulla sinistra americana dalle elezioni del 2016. Ci sono alcuni che lo denigrano come un fallimento del tutto inefficace. Ma gran parte del dibattito riguarda l’identità che è fondamentale per una corretta comprensione dell’attuale situazione politica della sinistra e, in relazione, una strategia pragmatica per trovare una via d’uscita.

Questo è lo sfondo del recente articolo di opinione di Cornel West, “Ta-Nehisi Coates è il volto neoliberale della lotta per la libertà nera.” West sostiene che Coates “feticizza la supremazia bianca” a costo sia di un’accurata comprensione della situazione degli oppressi in questo paese e un’adeguata comprensione della forma necessaria che deve assumere la lotta per la libertà. Al contrario, West vede se stesso come parte dell ‘”ala radicale della lotta per la libertà nera”, che “rifiuta di scardinare la supremazia bianca dalle realtà della classe, dell’impero e di altre forme di dominio – sia esso ecologico, sessuale, o altri. “Questa critica di Coates non è esattamente nuova. Ma potrebbe avere più morso proveniente dall’Occidente.

aspeninstitute-internal/Flickr

Fonte: aspen institute-internal / Flickr

Non sono qui per argomentare a favore di un’identità (o identità) fondamentale per una corretta comprensione dei nostri problemi attuali e delle loro soluzioni. Sembra chiaro che varie identità si intersecano e che non possiamo spiegare adeguatamente dove siamo, individualmente o collettivamente, senza riconoscere questo. Sembra anche chiaro che qualcuno come Coates sia vivo fino a questo punto, molto più di quanto i suoi critici sembrerebbero permettere. Ma non sono qui nemmeno per difendere Coates.

Piuttosto, sono qui per dimostrare che si può fare un buon lavoro combattendo varie forme di oppressione concentrandosi strettamente su un aspetto del problema. Un intenso lavoro sulla supremazia bianca può, in effetti, informare un’azione efficace contro le dinamiche di classe prevalenti. Questo perché l’oppressione umana è, in definitiva, radicata in elementi di psicologia umana. E diverse forme di oppressione possono essere radicate nelle stesse caratteristiche della psicologia umana. Vale la pena di indagare se la comprensione di come i meccanismi psicologici rilevanti operano in un dominio può aiutare a tracciare una resistenza efficace anche negli altri.

Perché concentrarsi sulla psicologia umana? Perché viviamo in un mondo di nostra creazione. Le istituzioni umane possono essere in grado di vivere una vita propria. Ma non sono sorti dal nulla. Hanno avuto origine nella mente delle persone e sono, sotto molti aspetti, plasmati e mantenuti dalla stessa. Un cambiamento sociale efficace richiede la comprensione del modo in cui pensano gli esseri umani.

Quali sono le caratteristiche rilevanti della psicologia umana? In un post precedente, ho sostenuto che la teoria del confronto al ribasso può insegnarci qualcosa sulle forze che guidano il Trumpismo. Abbiamo una naturale tendenza a confrontarci con gli altri che stanno facendo peggio di noi per aumentare la nostra autostima, specialmente quando le nostre concezioni di sé sono minacciate. Questo aiuta a dare un senso al motivo per cui qualcuno nel paese del carbone sarebbe fissato sulle proteste della NFL. Il suo sostentamento e la sua identità possono essere minacciati dalle forze economiche, ma almeno non è nero, come i giocatori inginocchiati. Denigrandoli in termini razziali, può sentirsi meglio, anche se le sue circostanze materiali rimangono tenui.

Qui vediamo una tendenza psicologica umana documentata che si svolge nel contesto dell’intersezione di razza e classe in America. Il ruolo del bianco nel plasmare l’America è una vecchia (e complicata) storia. L’appello ai principi della teoria del confronto al ribasso non è un tentativo di appiattire ciò che è senza dubbio terreno irregolare. È un tentativo di caratterizzare il tocco umano che ha plasmato il nostro mondo sociale.

È illuminante osservare lo sviluppo e il mantenimento del sistema di casta razziale americano come risultato della nostra tendenza a sentirci meglio mettendo gli altri giù per almeno due ragioni. In primo luogo, aiuta a mettere in evidenza le caratteristiche condivise dei vari momenti della storia di questo paese. Possiamo, per esempio, vedere connessioni tra il nostro attuale contesto politico e quello che circonda la rivolta di Bacon nella Virginia coloniale del XVII secolo. In entrambi i casi, le élite sono riuscite a mantenere lo status quo offrendo una “bustarella razziale” ai bianchi di classe inferiore. ‘Manteniamo il nostro potere politico ed economico su di te, e puoi avere la supremazia su di loro ‘. La legge coloniale consentiva ai bianchi impiegati a contratto e agli uomini liberi di punire gli schiavi neri e uccidere e schiavizzare gli indigeni con impunità, ma non potevano controllare il mercato del tabacco. Oggi, un operaio bianco può non essere in grado di trovare un lavoro o pagare per l’assistenza sanitaria, ma può essere ragionevolmente sicuro che la polizia non gli sparerà per aver dichiarato durante un arresto di routine che ha un’arma nascosta.

Ma non si tratta solo di notare i modelli del passato. Il ruolo del confronto verso il basso nello sviluppo e nel mantenimento del sistema di caste razziali americane può indicare la strada verso mezzi efficaci di contrattacco. Se cerchiamo il cambiamento, dobbiamo affrontare non solo il panorama istituzionale in cui ci troviamo, ma anche le pressioni psicologiche che animano le braccia che tirano le leve del potere. Dobbiamo fare domande come: quando le persone tendono a sfruttare o fare appello alle differenze di identità in questo modo? E quali alternative potrebbero servire alle stesse funzioni, senza dare origine a gerarchie opprimenti? Potremmo persino chiederci se ci sono certe strutture istituzionali o procedurali che sono efficaci nel bloccare lo sviluppo delle gerarchie, date le nostre naturali tendenze a confrontarci e cercare di dominare gli altri.

Il mio esempio di lavoro si è focalizzato sull’assorbimento delle tensioni razziali e sullo sviluppo e il mantenimento della gerarchia razziale, al fine di sedare il conflitto di classe. Ma ciò non significa che la corsa superi sempre la classe. Né dovrebbe essere tenuto a suggerire che razza e classe sono le uniche identità che contano. Al momento è palpabile il bisogno di occuparsi del ruolo dell’identità di genere, specialmente nel contesto della vulnerabilità economica e della politica del governo. La preferenza sessuale e l’identità religiosa sono grandi novità. E queste sono solo alcune delle identità che meritano una seria attenzione.

Il mio obiettivo non è quello di fornire una lista esauriente di identità rilevanti o un’analisi conclusiva dei modi in cui interagiscono con la nostra tendenza a sentirci meglio denigrando gli altri. Il mio punto riguarda il ruolo dell’indagine psicologica nella lotta all’oppressione. Possiamo applicare i principi psicologici dalla teoria del confronto al ribasso al nostro studio della storia e ottenere una migliore comprensione di come siamo venuti a vivere in un paese con un sistema razziale di caste razziali. L’intuizione che questa fornisce può aiutarci a escogitare un piano di attacco più informato per smantellarlo. Forse può anche illuminare come funzionano altre forme di oppressione. Possiamo, per esempio, chiedere se il luogo di lavoro è modellato dalla nostra tendenza ad aumentare la nostra autostima notando che altri stanno andando peggio. Potrebbe il proverbiale soffitto di vetro far sentire meglio gli uomini su se stessi? E questo potrebbe essere più pronunciato in contesti in cui le auto-concezioni degli uomini sono minacciate, come la previsione della teoria del confronto al ribasso?

West critica l’impegno personale di Coates a scrivere senza alcun collegamento con l’azione collettiva. “Ma c’è un altro modo per capire il progetto di Coates. Può sinceramente credere che la sua penna sia più potente della sua spada, nel senso che può fare di più per spronare il cambiamento – più per alleviare la sofferenza degli oppressi – applicando i suoi doni intellettuali e retorici a indagare e pubblicizzare il modo in cui la supremazia bianca funziona in questo paese. E potrebbe attaccarsi al vecchio motto: scrivi quello che sai. Forse la razza è l’identità più saliente che plasma l’esperienza di Coates. Tanto meglio per lui per fornirci approfondimenti a riguardo. Come ho sollecitato, queste intuizioni possono informare una più ampia comprensione dei modi in cui funziona l’oppressione e di un più ampio piano di attacco.

Non vedo alcuna ragione per supporre che uno scrittore incentrato sulla razza in America non possa insegnarci qualcosa sulla classe. Infatti, come illustra il mio esempio di lavoro, le due identità sembrerebbero inestricabili, almeno nel contesto americano. Inoltre, il tribalismo sembrerebbe fuori luogo nella lotta contro la supremazia di tutte le bande: bianca, alta classe, maschio, etero, settentrionale o altro. In effetti, sembrerebbe che gli obiettivi del combattente per la libertà sarebbero meglio promossi lasciando fiorire mille fiori. Prendi spunto dalle persone che lavorano nelle loro aree di competenza e applicale alle tue. Una forte resistenza sorgerà quindi da una base ampia e profondamente radicata. Piuttosto che un paradigma condannato, la politica dell’identità sembrerebbe essere un piano di gioco intelligente. Lascia che le persone lavorino sulle questioni che li riguardano maggiormente. E assemblare un’ampia coalizione disposta a combattere insieme per il cambiamento sulla base delle intuizioni che ognuno porta in tavola.

Solutions Collecting From Web of "Un gameplan per combattere l’oppressione"