Un eminente etologo elucida i cani

Il nuovo libro di Marc Bekoff è il risultato di decenni di studio sui canidi sociali.

Marc Bekoff è uno dei più importanti etologi del nostro tempo, uno scienziato di grande curiosità e generosità e un instancabile sostenitore di animali (non umani) di ogni tipo, che mostra attraverso il lavoro della sua vita che la scienza e la difesa non devono essere in disaccordo. Per quaranta anni ha studiato animali non umani, con uno speciale interesse per coyote, lupi e cugini vicini, cani domestici – con grande disappunto di quelli dei suoi colleghi che consideravano i “manufatti” dei cani, creazioni umane non degne di gravi inchiesta di etologi. Ha risvegliato la derisione tra i suoi colleghi più oscuri quando ha parlato di cognizione, coscienza ed emozione come qualità di animali non umani condivisi con gli umani. Queste non erano idee nuove – Charles Darwin, tra gli altri naturalisti del XIX secolo (e anche prima), credeva che fossero veri – ma dal 20 ° secolo, erano stati visti come inadatti a una seria indagine scientifica.

University of Chicago Press

Fonte: Università di Chicago Press

Lo spostamento del pensiero scientifico dalla fine dello scorso millennio è stato a dir poco rivoluzionario e uno dei leader di questa rivoluzione è Marc Bekoff. La cognizione e la coscienza degli animali sono ora considerati campi di indagine legittimi, e il numero di pubblicazioni scientifiche su vari aspetti delle abilità e dei comportamenti dei cani, come il numero di cani nelle case, è aumentato vertiginosamente. Nel suo nuovo libro, Canine Confidential: Perché i cani fanno ciò che fanno, Bekoff trasforma la sua considerevole abilità di osservatore e interprete del comportamento di Canid per fornire ai lettori gli strumenti investigativi e le conoscenze scientifiche di cui hanno bisogno per capire meglio i loro compagni di cani e quindi migliorare la qualità delle loro vite individualmente e collettivamente, diventando nel modo in cui i cittadini scienziati, nel linguaggio corrente. Riferendosi a se stesso come “un naturalista in un parco per cani”, egli combina aneddoti spesso umoristici di una vita di cani osservatori con resoconti comprensibili dal punto di vista scientifico. Bekoff, che sembra conoscere tutti coloro che lavorano con i cani, intervista anche i ricercatori coinvolti in recenti studi al fine di sottolineare importanti risultati o richiamare l’attenzione sulla direzione che gli studi di follow-up potrebbero prendere.

Ricorda regolarmente ai lettori che molti studi si basano su numeri e tipi di cani limitati, il che a sua volta limita il valore delle loro conclusioni, sebbene ciò non impedisca a molti ricercatori di trarre conclusioni radicali sul “cane”.

Gran parte dello sforzo di Bekoff all’inizio del libro è mirato a esporre il “cane mitico”. In tal modo, sottolinea alcune verità trascurate sui cani: in primo luogo, non esiste un modello o ideale platonico che possa essere usato per definire un animale chiamato “il cane. “C’è troppa variabilità tra il mondo stimato di un miliardo di cani per quello. La maggior parte di loro condivide vite di disperazione con le persone tra le quali vivono, ma qualunque sia la loro circostanza, ognuna è un individuo con una personalità distintiva. Ognuno di loro possiede una combinazione unica di caratteristiche fisiche, mentali ed emotive, poiché per quella materia sono tutti animali non umani. Le differenze individuali si verificano all’interno di uno spettro più ampio di comportamenti comuni ai canidi sociali, e Bekoff dedica un tempo considerevole a questi perché, nonostante l’attenzione rivolta a loro, rimangono soggetti a disaccordo e incomprensioni.

Bekoff dice anche che evita di etichettare un cane “buono” o “cattivo” perché quelle caratterizzazioni sono altamente contestuali e soggettive da parte della persona che le crea. “Ho visto i cani fare quello che i cani solitamente chiamano sia ‘buoni’ che ‘cattivi'”, scrive. “Questi giudizi spesso non hanno alcun senso per il cane o per me.”

Né risparmia forse il mito più insipido di tutti i cani – che riguardano l’amore. Dice brutalmente che “i cani non sono necessariamente i nostri migliori amici, né danno l’amore incondizionatamente … hanno bisogni e” condizioni “che possono essere una grande sfida per noi, da qui la fiorente industria di addestramento o insegnamento dei cani. Spesso è orientato meno a migliorare la qualità della vita dei cani che a farli adattarsi allo stile di vita dei loro compagni umani, il che è abbastanza stressante per le persone coinvolte.

I cani sono esseri senzienti, che sentono che dovrebbero essere trattati con rispetto e che possono essere cani per correre, giocare, sniffare, fare pipì sulle cose e divertirsi, Bekoff ricorda ai suoi lettori. Non dovrebbero essere trattati come estensioni programmabili del desiderio umano.

La maggior parte di questo libro di vasta portata è dedicato all’esame di ciò che sappiamo sui cani, in gran parte delle conoscenze acquisite di recente, di come si applica alle nostre vite con i cani e di quanto dobbiamo ancora imparare, più di quanto ci piace immaginare. L’obiettivo di Bekoff è insegnare alle persone come leggere i loro cani, capire come i cani usano il loro incredibile olfatto per navigare nel mondo, ad esempio, e conoscere le altre creature in esso contenute. È un testamento al comando di Bekoff del suo soggetto che anche il lettore più informato dovrebbe essere in grado di trovare qualcosa in queste pagine che è nuovo e fresco, specialmente per quanto riguarda l’importanza del gioco tra i canali sociali, così come la struttura delle gerarchie di dominanza tra cani e lupi e in che modo si differenziano dai metodi dominanti comandati dal comando di molti addestratori di cani, che si proclamano “capobranco” mentre non si comportano come un vero leader di persone o cani o branchi di lupi.

Anche qui i lettori apprenderanno dell’importanza del gioco per lo sviluppo dei cani, del modo in cui sollecitano il gioco e di quale gioco ci può dire se i cani hanno una teoria della mente, o la capacità di riconoscere che altri individui possono avere pensieri e sentimenti che sono diversi dai loro e hanno un senso di fair play. Bekoff stesso ha condotto ricerche pionieristiche sul gioco tra cani, il che rende questa sezione letta come una master class.

Recentemente ho chiesto a Bekoff, un’amica di 20 anni e custode del blog Animal Emotions for Psychology Today, quella che considerava la tesi principale del suo libro, e ha sottolineato l’ultima frase: “Siamo molto fortunati ad avere cani nel nostro vive, e dobbiamo lavorare per il giorno in cui tutti i cani sono più fortunati ad averci nelle loro vite. A lungo termine, faremo tutto meglio per questo. ”

Ha elaborato in una e-mail: “Questa conclusione si basa su tutti coloro che scelgono di condividere le loro case e i loro cuori con un cane (s) per diventare” fluenti nel cane “, apprezzare ogni singolo cane per quello che sono e per realizzare che le migliori relazioni tra cani e umani emergono quando c’è rispetto reciproco e tolleranza – e capiamo che stiamo chiedendo ai cani (e ad altri animali) di adattarsi al nostro mondo, e questo è stressante per la stragrande maggioranza dei cani che condividono la loro vita con un umani (s) – lascia che esprimano la loro cecità e lascia che siano i cani il più possibile – lasciali annusare al loro naso e al loro contenuto e fare cose che alcune persone trovano sgradevoli o disgustose perché è quello che significa essere un cane … “.

Solutions Collecting From Web of "Un eminente etologo elucida i cani"