Un disastro caldo

shutterstock Purchase by UCLA for Dr. Gordon
Fonte: shutterstock Acquisto da parte dell'UCLA per Dr. Gordon

Incontra Francesco, pesa oltre 500 sterline e giace nell'Unità di Terapia Intensiva, o obitorio, di ogni ospedale americano. Francis è "un casino caldo". Francis potrebbe non essere un drogato. Potrebbe essere un alcolizzato o un altro tipo di tossicodipendente: un tossicodipendente, un giocatore compulsivo in rovina finanziaria o una sindrome da violenza episodica cronica (serial killer, stupratore) ecc. "Come è diventato un disastro caldo è troppo intelligente e ben portato su … " È successo perché il cervello di Francis sta cercando disperatamente di sopravvivere al dolore psicosociale che è così grave da minacciare la sopravvivenza della sua psiche.

Genetica e influenza epigenetica

Sebbene la genetica sia una scienza biologica, la sua essenza è la comunicazione e ruota intorno, condividendo e rispondendo alle informazioni su base cellulare che racconta una storia di 50.000 anni che articola informazioni fisiche e comportamentali. [1-5]

shuttterstock Purchased for Dr. Gordon By UCLA for his artistic purposes
Fonte: shuttterstock Acquistato per Dr. Gordon dall'UCLA per i suoi scopi artistici

I fattori epigenetici influenzano il modo in cui i tuoi geni sono espressi. Le esperienze sociali e culturali dei tuoi nonni e genitori hanno un effetto epigenetico. [6-14] Ecco come avviene la sofferenza nelle famiglie – come i discendenti dei nazisti passano la colpa dell'olocausto da una generazione all'altra, e come la progenie degli ebrei passi la devastazione da genitore a figlio. [15]

Pensa ai geni come agli interruttori della luce e alle esperienze degli antenati recenti come la mano che determina quali interruttori attivare, disattivare o utilizzare un dimmer. L'epigenetica influenza il modo in cui memorizzi e richiami i ricordi, il che determina la tua percezione di minaccia e controllo, che è l'architetto dei tipi di comportamento che rendono una persona un "casino caldo".

Contributi pre e perinatali

Quando le donne incinte soffrono di stress, i neurochimici attraversano la placenta e influenzano la costruzione fondamentale dell'asse ipofisario ipofisario fetale (HPA). [16, 17] Quando viene rimodellata l'integrità strutturale di un HPA di un individuo, la sua funzionalità è compromessa. L'HPA è il motore principale del meccanismo di lotta o fuga negli esseri umani e la funzione HPA compromessa contribuisce all'obesità, alle malattie infiammatorie, alle dipendenze comportamentali e della sostanza in vari modi. [18-21]

shutterstock Purchased by UCLA for Dr. Gordon
Fonte: shutterstock Acquistato da UCLA per Dr. Gordon

Dopo la nascita, il giovane cervello osserva il suo ambiente e si collega per sopravvivere meglio in un mondo che presume sarà simile alle sue osservazioni. Abuso psicologico, emotivo e sessuale, nonché tossine ambientali, cattiva alimentazione influenzano la struttura e la funzione dell'ipotalamo e dell'ippocampo (una struttura chiave nell'apprendimento, nella memoria e quindi nella percezione). [22-30]

Valuta sociale

La componente finale è l'esperienza sociale. Le prime esperienze in tandem con la genetica contribuiscono al nostro senso di sé e al valore. Questa è la torta. La capacità della società di insinuare le attuali norme sociali nel nostro senso (o mancanza di) sé è la glassa. La maggior parte delle norme sociali sono realtà consensuali. Le top model di oggi potrebbero essere state usate come esche per orsi in un'antica società. Piuttosto, classe, vale la pena, sono ciò che siamo d'accordo che sono. Tuttavia, siamo una specie sociale e l'essere separati dal gruppo era letale per gli antichi, quindi gli abbonamenti sociali di massa alle realtà consensuali sono importanti. Ci interessa ciò che pensa la gente, anche se le persone pensano raramente. .

Nessuno vuole essere considerato brutto o inutile perché si registra come il potenziale di diventare un emarginato sociale nella nostra Area Tegmentale Ventrale (VTA) che monitora la connettività sociale. [31-38] La percezione della connettività sociale è equivoca alla percezione della sicurezza del vecchio cervello. Quindi, ciò che gli altri pensano di noi è importante per il vecchio cervello, che non pensa e reagisce semplicemente ai segnali. Quindi vivere in una società che ti dice continuamente di essere meno di quanto sia molto traumatico.

Collegare i punti

shutterstock Purchased for Dr. Gordon by UCLA CNS
Fonte: shutterstock Acquistato per Dr. Gordon da UCLA CNS

Se hai un dolore psichico estremo, il cervello interromperà i canali di comunicazione per l'auto-protezione. [28, 39-47] Quando chiudi il cattivo, chiudi anche il bene e, peggio ancora, diminuisci o elimini le capacità delle tue sostanze informative, come enzimi, ormoni, neurotrasmettitori, di comunicare. È come i soldati che fanno saltare in aria un ponte per tenere lontano il nemico … ma purtroppo è lo stesso ponte utilizzato per portare rifornimenti.

In questo caso i materiali di consumo sono i substrati neurali dell'auto-consapevolezza, cioè diventi un disastro caldo perché sei desensibilizzato agli eventi che si verificano nel tuo corpo e nella tua vita. La sopravvivenza è basilare nel vecchio cervello dei mammiferi – prendi abbastanza droghe di danza del cervello (dopamina ecc.) Per superare la giornata rilevando gli stimoli giusti. Ricorda che il vecchio mantra del cervello è – sopravvivi ora fai domande più tardi. Ora sopravvivi – sono i comportamenti distruttivi – fai domande dopo è la decostruzione della tua vita. Intellettualmente, Francis comprende il problema. Ma il circuito della ricompensa, la memoria e la percezione sono subcorticali e non sono responsabili per l'intelletto. Quando i ponti sono fuori questa parte del cervello non può rispondere ai segnali perché non riescono a passare.

Quindi cosa fare? Ogni persona è diversa. Il primo passo è rendersi conto che qualsiasi essere umano nella tua posizione avrebbe fatto esattamente come hai fatto tu, quindi perdona te stesso. Allora devi amare e accettare te stesso così come sei – significa entrare nella luce ed essere proattivo su chi sei, e ciò che l'Universo ha inteso per te, che è controintuitivo dopo anni di reazione all'oscurità di chi non sei . Quindi attimo dopo attimo, il cambiamento arriverà. Rimane favoloso e fenomenale.

Iscriviti alla mia mailing list per ricevere le notifiche di nuovi messaggi

Oppure visitami su:

Huffington Post

Il Los Angeles Times

Centro UCLA per la Neurobiologia dello stress

Facebook

Dr. Gordon online

cinguettio

Riferimenti

1. Diabete e stato socioeconomico. Natl Bur Econ Res Bull Aging Health, 2007 (20): p. 3.

2. Attenti al tuo cuore. Nat Med, 2002. 8 (4): p. 305.

3. Aabenhus, R., et al., Delineazione di genomospecie di Campylobacter concisus mediante analisi del polimorfismo della lunghezza dei frammenti amplificata e correlazione dei risultati con i dati clinici. J Clin Microbiol, 2005. 43 (10): p. 5091-6.

4. Abate, N. e M. Chandalia, L'impatto dell'etnia sul diabete di tipo 2. J Diabetes Complications, 2003. 17 (1): p. 39-58.

5. Abraham, NG, et al., Heme oxygenase: un gene bersaglio per l'anti-diabetico e l'obesità. Curr Pharm Des, 2008. 14 (5): p. 412-21.

6. Alegria-Torres, JA, A. Baccarelli e V. Bollati, Epigenetica e stile di vita. Epigenomics, 2011. 3 (3): p. 267-77.

7. Annila, A. e K. Baverstock, I geni senza importanza: una rivalutazione dei fondamenti della biologia. JR Soc Interface, 2014. 11 (94): p. 20.131.017.

8. Archer, T., et al., Neurogenetica ed epigenetica nel comportamento impulsivo: impatto sui circuiti premio. J Genet Syndr Gene Ther, 2012. 3 (3): p. 1.000.115.

9. Auger, CJ e AP Auger, epigenesi permanente e plastica nei sistemi neuroendocrini. Front Neuroendocrinol, 2013. 34 (3): p. 190-7.

10. Ferrari, PF, et al., I neuroni specchio attraverso la lente dell'epigenetica. Trends Cogn Sci, 2013. 17 (9): p. 450-7.

11. Gottesman, II e DR Hanson, Sviluppo umano: processi biologici e genetici. Annu Rev Psychol, 2005. 56: p. 263-86.

12. Rischio di Kirkbride, JB, et al., Nutrizione prenatale, epigenetica e schizofrenia: possiamo testare gli effetti causali? Epigenomics, 2012. 4 (3): p. 303-15.

13. Lopez-Jaramillo, P., PA Camacho e L. Forero-Naranjo, Il ruolo dell'ambiente e dell'epigenetica nell'ipertensione. Expert Rev Cardiovasc Ther, 2013. 11 (11): p. 1455-7.

14. Szyf, M., interrelazione mente-corpo nella metilazione del DNA. Chem Immunol Allergy, 2012. 98: p. 85-99.

15. Candib, LM, lavorando con la sofferenza. Patient Educ Couns, 2002. 48 (1): p. 43-50.

16. Entringer, S. e PD Wadhwa, Programmazione dello sviluppo dell'obesità e disfunzione metabolica: ruolo dello stress prenatale e della biologia dello stress. Nestle Nutr Inst Workshop Ser, 2013. 74: p. 107-20.

17. Reynolds, RM, et al., Trasmissione degli effetti biologici dello stress in utero: implicazioni per madre e prole. Psychoneuroendocrinology, 2013. 38 (9): p. 1843-9.

18. Ahmed, SH, et al., Evidenza dell'espressione genica per il rimodellamento dei circuiti ipotalamici laterali nella dipendenza da cocaina. Proc Natl Acad Sci USA, 2005. 102 (32): p. 11.533-8.

19. Langle, SL, DA Poulain e DT Theodosis, rimodellamento gliale-neuronale: una base strutturale per le interazioni neuronali-gliali nell'ipotalamo adulto. J Physiol Paris, 2002. 96 (3-4): p. 169-75.

20. Miller, AA e SJ Spencer, obesità e neuroinfiammazione: un percorso verso il deterioramento cognitivo. Brain Behav Immun, 2014.

21. Romeo, RD e BS McEwen, Stress e il cervello dell'adolescente. Ann NY Acad Sci, 2006. 1094: p. 202-14.

22. Aisa, B., et al., Effetti dello stress neonatale sui marcatori di plasticità sinaptica nell'ippocampo: implicazioni per la memoria spaziale. Hippocampus, 2009. 19 (12): p. 1222-1231.

23. Anand, KJ, Effetti del dolore e dello stress perinatale. Prog Brain Res, 2000. 122: p. 117-29.

24. Bath, KG, A. Schilit e FS Lee, Effetti di stress sull'espressione di BDNF: effetti di età, sesso e forma di stress. Neuroscienze, 2013. 239: p. 149-56.

25. Berry, A., E. Bindocci ed E. Alleva, NGF, cervello e plasticità comportamentale. Neural Plast, 2012. 2012: p. 784.040.

26. Cirulli, F., et al., Lo stress precoce della vita come fattore di rischio per la salute mentale: ruolo delle neurotrofine dai roditori ai primati non umani. Neurosci Biobehav Rev, 2009. 33 (4): p. 573-85.

27. Raffica, R. e TW Robbins, Chimica della mente adattiva. Philos Trans A Math Fis Eng Sci, 2004. 362 (1825): p. 2871-88.

28. McEwen, BS, Stress e plasticità ippocampale. Annu Rev Neurosci, 1999. 22: p. 105-22.

29. McEwen, BS, ormoni e plasticità dei neuroni. Clin Neuropharmacol, 1992. 15 Suppl 1 Pt A: p. 582A-583A.

30. McEwen, BS, Influenze della prima infanzia su modelli di comportamento e salute per tutta la vita. Ment Retard Dev Disabil Res Rev, 2003. 9 (3): p. 149-54.

31. Bardo, MT, Meccanismi neurofarmacologici della ricompensa della droga: oltre la dopamina nel nucleo accumbens. Crit Rev Neurobiol, 1998. 12 (1-2): p. 37-67.

32. Blake, MJ, EA Stein e DA ceco, alterazioni indotte dal consumo di bevande nei percorsi della ricompensa: un'analisi autoradiografica in vivo. Brain Res, 1987. 413 (1): p. 111-9.

33. Bossert, JM, et al., Un ruolo di glutammato area tegmentale ventrale in recidiva contestuale indotta da cue alla ricerca di eroina. J Neurosci, 2004. 24 (47): p. 10.726-30.

34. Bourdy, R. e M. Barrot, Un nuovo centro di controllo per i sistemi dopaminergici: tirare il VTA per la coda. Trends Neurosci, 2012. 35 (11): p. 681-90.

35. Boye, SM, substrato mesencefalico di ricompensa: effetti della lesione. Behav Brain Res, 2005. 156 (1): p. 31-43.

36. Boye, SM, C. Contant e PP Rompre, substrato mesencefalico di ricompensa: possibile ruolo per le cellule tegmentali pontine laterali. Brain Res, 2002. 949 (1-2): p. 188-96.

37. Briand, LA, et al., Afferenze tegmentali ventrale nella reintegrazione indotta dallo stress: il ruolo della proteina legante gli elementi di risposta del cAMP. J Neurosci, 2010. 30 (48): p. 16.149-59.

38. Cooper, DC, et al., Un ruolo per il sottolivello nel circuito di motivazione / ricompensa del cervello. Behav Brain Res, 2006. 174 (2): p. 225-31.

39. Berry, EM e S. De Geest, dimmi cosa mangi e ti dirò il tuo sociotipo: far fronte al diabete. Rambam Maimonides Med J, 2012. 3 (2): p. E0010.

40. Epel, E., et al., Stato sociale, attività anabolica e distribuzione del grasso. Ann NY Acad Sci, 1999. 896: p. 424-6.

41. Goldstein, DS e B. McEwen, Allostasis, omeostati e natura dello stress. Stress, 2002. 5 (1): p. 55-8.

42. Goodman, E., et al., Disuguaglianze sociali in biomarcatori di rischio cardiovascolare nell'adolescenza. Psychosom Med, 2005. 67 (1): p. 9-15.

43. Juster, RP, et al., Una prospettiva transdisciplinare dello stress cronico in relazione alla psicopatologia durante lo sviluppo della vita. Dev Psychopathol, 2011. 23 (3): p. 725-76.

44. Juster, RP, BS McEwen e SJ Lupien, Allostatic caricano biomarcatori di stress cronico e impatto sulla salute e sulla cognizione. Neurosci Biobehav Rev, 2010. 35 (1): p. 2-16.

45. Korte, SM, et al., Il concetto darwiniano di stress: benefici dell'allostasi e costi del carico allostatico e compromessi in salute e malattia. Neurosci Biobehav Rev, 2005. 29 (1): p. 3-38.

46. ​​McEwen, B., Lasley, E, Fine dello stress come lo conosciamo. 2002, Washington, DC: Joseph Henry Press.

47. McEwen, B. e EN Lasley, carico allostatico: quando la protezione cede il passo al danno. Adv Mind Body Med, 2003. 19 (1): p. 28-33.

Solutions Collecting From Web of "Un disastro caldo"