Un colpo extra di logica per l'incidente teen a Starbucks

C'è un sacco di cose che circolano questa settimana su Michelle Icard, la donna che ha chiamato tre ragazze adolescenti a uno Starbucks per il loro comportamento, tramite un appunto che ha scritto e consegnato al loro tavolo. La risposta su entrambi i lati è tremenda. Ci sono quelli che la lodano per l'intervento, e ci sono quelli che suggeriscono che lei è solo una ragazza cattiva adulta che dovrebbe preoccuparsi dei fatti suoi.

Baruska/Pixabay
Fonte: Baruska / Pixabay

Come qualcuno che ricerca e insegna sulla socializzazione di genere, i ruoli di genere, le questioni di conformità e devianza, e la sociologia delle ragazze e delle donne, sia quello che è successo che la controversia che lo circonda hanno suscitato la mia curiosità. Mi trovo più interessato a ciò che hanno detto i genitori e i compagni delle ragazze. Inoltre, leggendo su Icard, ha dei figli suoi e mi chiedo quale sia la loro risposta; Stanno prendendo in giro, pensando "Oh mamma, nooooo" o conoscono per caso queste ragazze e si sentono convalidate? Questi genitori sanno che queste sono state le loro figlie che si sono imbattute in questo modo in pubblico per un altro adulto? È successo regolarmente, ed è stata l'unica volta in cui sono stati scoperti e affrontati in flagrante? Anche i loro compagni di classe vivono queste ragazze in questo modo? Quale sarebbe la risposta dei ragazzi che le ragazze stavano prendendo in giro? E quali sarebbero le loro reazioni alle percezioni di Icard e ai commenti in tutto il mondo su questo? Mi trovo a mettere in discussione le linee sottili che noi come società disegnano tra "Ci vuole un villaggio per crescere un bambino" e "Ma non hai il diritto di commentare su mio figlio".

Continuo a chiedermi se e come queste ragazze siano state influenzate dal messaggio di Icard. Hanno a cuore, l'hanno appena liquidata come ab ****, credono che sia solo una signora anziana irritabile che non è in contatto, si sentono leggermente imbarazzati o colpevoli, questo li porterebbe a cambiare i loro modi attuali? , supponendo che questo momento a Starbucks sia una buona indicazione del loro mo generale? Soprattutto, mi sorprendo a chiedermi se questo messaggio informerà alcune o tutte le interazioni future delle ragazze e come potrebbe influenzare i loro atteggiamenti e comportamenti – un po 'come un qualsiasi numero di esperienze che potremmo avere avuto da giovani che hanno avuto un una certa quantità di potere di rimanere come abbiamo invecchiato.

Quindi, mi trovo a considerare ciò che Icard ha fatto e quello che avrebbe potuto fare in modo diverso avrebbe potuto essere ancora più incisivo.

Posso relazionarmi con Icard in un certo senso: ho avuto quella donna di quarant'anni a Starbucks a disagio e persino indignata dal comportamento di adolescenti e adolescenti. Ricordo una sera di qualche mese fa in uno Starbucks a Mount Pleasant, nella Carolina del Sud, dove stavo sorseggiando un cappuccino e cercando di fare il lavoro. Ho visto tre ragazze di giovani donne marciare verso il bancone degli abiti di Lilly Pulitzer e i polsini di Kate Spade e ordinare i frappuccini; accompagnarli era la madre di una delle ragazze, con un'aria stranamente simile a loro, di circa venticinque anni più vecchia. Dopo aver pagato e preso i loro drink, osservai mentre la madre segnalava loro che sarebbe stata seduta al bar. Dopo circa quindici minuti, le ragazze erano progressivamente più forti e occupavano sempre più spazio fisico e psichico nel negozio; urla acuta emanavano dal bagno dove tutti e tre erano andati insieme, e poi uscivano correndo e ridendo. Per tutto questo tempo, la madre stava guardando i video in altoparlante sul suo telefono.

E cosa ho fatto? Mi sedetti lì, ogni tanto fissando e fissando la mamma, chiedendomi se e quando si fermasse, alza lo sguardo e si intromettesse con le ragazze che avevano interrotto l'intero caffè. Alla fine, mi sono arreso e me ne sono andato perché l'atmosfera per lavorare in modo rilassato era completamente contaminata dal loro diritto. Nel mio lavoro di professore universitario, mi trovo spesso a dover chiamare gli studenti sui loro atteggiamenti e comportamenti. Mi chiedo cosa mi abbia reso meno incline e più a disagio nel farlo in quel momento. Forse era la presenza di un'altra madre che non stava facendo nulla e la mia preoccupazione era che se avessi detto qualcosa direttamente alle ragazze, avrebbe creato tensione con la madre. Ma la situazione mi ha irritato per come potremmo dare troppo potere ai giovani in momenti come questi.

Quindi, quando ho letto per la prima volta le notizie su Icard, ho pensato: "Yessss, ottima idea, perché non ci ho pensato?" Ma, riflettendo su questo più ora, penso che forse ci fossero altri modi per gestirlo. Queste ragazze sono immerse in un mondo di anonimato alimentato dai social media; Icard firmò la nota "M" e la lasciò cadere al loro tavolo e immediatamente se ne andò e poi postò tutto questo sulla sua pagina Facebook che ha raccolto molto, e intendo molto, di attenzione. Penso che le parole di Icard sarebbero state più potenti e avrebbero avuto più credibilità e la vera etica di cura che intendeva se avesse mostrato il coraggio di firmare il suo nome; lei è un autore molto apprezzato e un oratore acclamato. Dal momento che è pubblica sulla sua esperienza di aver sopportato provocazioni e schernimenti, forse questo è stato un momento in cui la ragazza ancora piccola dentro di lei non è stata in grado di parlare, e tuttavia ha voluto, in qualsiasi modo lei potesse radunare, sfidarli sul loro parole offensive, per tornare indietro nel tempo alle ragazze che avevano causato il suo dolore. Ho capito.

Penso che Icard intendesse coltivare empatia, compassione e riflessione in questi giovani, ma temo che il modo in cui ha affrontato la questione non abbia mostrato a queste ragazze che lei stava pienamente vivendo tutto questo.

Se potessi dire a quelle ragazze qualcosa, sarebbe immaginare il loro io futuro in cinque, dieci o quindici anni e chiedersi: "Come vuoi essere ricordato?"

Solutions Collecting From Web of "Un colpo extra di logica per l'incidente teen a Starbucks"