Un approccio integrativo per allontanarsi dalla depressione

Nuove prove supportano il ruolo dell’attività fisica nella prevenzione della depressione.

Stefan Mader/Pixabay

Fonte: Stefan Mader / Pixabay

Siamo tutti consapevoli che l’esercizio fisico fa bene a noi. Ma è possibile che l’attività fisica possa anche supportare il benessere mentale?

Un recente articolo pubblicato sull’American Journal of Psychiatry suggerisce che potrebbe. Sembra quasi un cliché che un corpo sano equivalga a una mente sana. Sappiamo che questo non è sempre il caso. Ad esempio, gli atleti professionisti in forma incontaminata non sono immuni dalla malattia psichiatrica. Tuttavia, potrebbe esserci una verità intrinseca all’idea che l’attività fisica sia un fattore protettivo per il nostro umore. Secondo il CDC, quasi la metà degli adulti di età pari o superiore a 18 anni non soddisfa le raccomandazioni per l’attività fisica aerobica e quasi l’80% non soddisfa le raccomandazioni per l’attività fisica aerobica e l’attività di rafforzamento muscolare combinate. Considerare la depressione è una delle principali cause di disabilità negli Stati Uniti e in tutto il mondo, e il fatto che il suicidio (la decima causa di morte negli Stati Uniti) sia strettamente associato alla depressione, rende questa discussione importante.

Felipe Schuch e colleghi hanno eseguito una meta analisi di 49 studi che hanno esaminato la relazione tra attività fisica e depressione (Schuch). Dopo un’analisi rigorosa degli studi, i loro risultati hanno concluso che l’attività fisica funge da fattore protettivo statisticamente significativo riducendo le probabilità di sviluppare la depressione indipendentemente dall’età o dalla regione geografica (Schuch). Naturalmente, è necessario eseguire ulteriori studi, e ci sono limiti intrinseci ai risultati dello studio, ma questo è ancora un grande passo per quanto riguarda la promozione di un trattamento che va oltre la gestione del farmaco e la psicoterapia convenzionale.

Recentemente mi sono seduto con Joel Homme, un esperto insegnante di yoga con oltre 6.000 ore di esperienza di insegnamento, per registrare un episodio per il podcast, “This is Mental Health”. Ha parlato eloquentemente dell’importanza del movimento, con l’idea che si muovesse fisicamente il nostro corpo può sostenere la vitalità. Come ho avuto il tempo di riflettere su questo, posso apprezzare come questa idea giochi magnificamente con un modello di recupero della salute mentale. Che stia scrivendo qualcosa di fondamentale come lo “yoga” su un blocco di prescrizione o che chieda ai pazienti in che modo stanno usando il movimento per sostenere la propria salute fisica, inclusa una discussione sull’attività fisica può fornire cure più complete e, in definitiva, migliori.

Ma perché esercitarsi può farci sentire meglio dal punto di vista dell’umore? La semplice risposta è che non lo sappiamo in modo definitivo, ma ci sono diverse teorie praticabili. L’ipotesi della monoammina suggerisce che l’esercizio può servire ad aumentare i livelli di serotonina, dopamina e norepinefrina nei marker cerebrali centrali in depressione e ansia. Alcuni hanno offerto una teoria alternativa chiamata Ipotesi di auto-efficacia, che trovo particolarmente interessante (Artigianato). Questa ipotesi supporta l’idea che l’attività fisica possa servire a invertire la convinzione di “Non posso” a “Io posso, perché l’ho fatto”.

A parte ciò che già sappiamo, l’esercizio aerobico aiuta a sostenere un cuore sano, respinge l’obesità e riduce il rischio per il diabete di tipo 2 – è ora di riconoscere il suo ruolo importante nel trattamento dei disturbi dell’umore. In un approccio veramente integrativo, quando si discutono i benefici dell’esercizio, anche al di fuori di un contesto clinico, la riduzione del rischio di depressione dovrebbe essere opportunamente reclamizzata come un potenziale beneficio. Questo non è solo un bene per i singoli pazienti, ma per la cura della salute mentale in un senso più ampio. Se possiamo lavorare per estendere queste conversazioni oltre a quelle che operano specificamente nel sistema di salute mentale non solo per i medici in altri campi, ma per quelli al di fuori delle professioni sanitarie in generale (chef, allenatori e insegnanti per esempio), allora il benessere mentale può diventare una parte di qualsiasi discussione basata sulla salute che può aiutare a migliorare il discorso sulla salute mentale come preoccupazione per la salute pubblica. Questo concetto è una pietra miliare di Green Psychiatry.

All’inizio di questa settimana, LeBron James, star della NBA, ha aperto la sua firma I Promise school nella sua città natale, Akron, nell’Ohio. James ha parlato della sua infanzia tumultuosa che consisteva nel crescere in una casa monoparentale con un padre che era in gran parte assente. Ha anche discusso la sua convinzione che lo sport fornisca uno sbocco che lo ha impedito di entrare in quella che avrebbe potuto essere una vita imbrattata da droghe, alcol e criminalità. Quando considero la storia straordinaria di James, speculgo sul grado in cui lo sport, l’attività fisica e l’essere parte di una squadra – una comunità – hanno giocato alla sua narrativa di resilienza. Non è un errore offrire l’idea che il movimento promuova la resilienza e la resilienza ci avvicini di un passo alla vitalità e al benessere. Con questa idea in mente, continuiamo a muoverci.

Riferimenti

Craft, L. I benefici dell’esercizio per i clinicamente depressi. Prim Care Companion. J Clin Psychiatry. 6 (3); 2004.

Schuch, F. Depressione dell’attività fisica e degli incidenti: una meta-analisi degli studi prospettici di coorte. American Journal of Psychiatry. 175 (7), luglio 2018.

Solutions Collecting From Web of "Un approccio integrativo per allontanarsi dalla depressione"