Un approccio basato sulla consapevolezza per guarire dalla perdita

CC0 Public Domain / FAQ
Fonte: Dominio Pubblico CC0 / FAQ

La perdita è parte della vita, e ognuno ha (o sarà, a un certo punto) una perdita significativa. La perdita può assumere molte forme diverse, incluse ma non limitate a: la morte di persone care (compresi gli animali); la perdita di relazioni importanti attraverso lo scioglimento, il divorzio o il trasferimento; perdita di lavoro, carriera e / o status finanziario / possesso materiale e perdita correlata al deterioramento del funzionamento fisico a causa di malattia, infortunio o invecchiamento.

Proviamo un senso di perdita ogni volta che qualcosa o qualcuno di importante per noi non è più disponibile, ne perdiamo l'accesso. Il significato di una perdita dipende dall'attaccamento emotivo alla persona o alla cosa che non è più disponibile per noi: maggiore è l'attaccamento emotivo, più intenso è il senso di perdita. Inoltre, la connessione emotiva e il significato associato alla perdita sono generalmente correlati alla quantità di dolore che viene poi sperimentata.

Cos'è il dolore?

Il dolore è lo stato emotivo naturale legato alla perdita. Il dolore può comprendere una vasta gamma di sentimenti stimolanti e dolorosi, dalla profonda tristezza all'ansia, alla confusione, alla rabbia e alla depressione. Guarire dal dolore implica piangere la perdita per raggiungere l'accettazione di esso. Il lutto è il processo graduale di dire in modo efficace addio e lasciare andare quello che abbiamo perso.

Il processo del lutto

Per quanto doloroso possa essere, il processo di lutto è una parte necessaria e sana del lavorare attraverso una perdita significativa. Consentirci di attraversarlo ci dà l'opportunità di guarire. I termini lutto e lutto sono usati in modo intercambiabile e sono spesso descritti come costituiti da cinque diverse fasi (articolate inizialmente da Elisabeth Kübler-Ross nel suo libro del 1969, On Death and Dying ): negazione, rabbia, contrattazione, depressione e accettazione. Sebbene queste fasi contribuiscano a definire gli elementi più comuni del processo di lutto e forniscano una struttura per la sua progressione generale, questo è un processo altamente individualizzato che funziona in modo diverso per tutti. Non esiste un modo "normale" per una persona di piangere una perdita significativa.

Le fasi del dolore non seguono necessariamente una sequenza lineare. Mentre molte persone progrediscono attraverso tutte le fasi sopra elencate nell'ordine, altre non possono sperimentare certe fasi, e altre ancora possono passare attraverso alcune fasi e ping-pong da una fase "successiva" a una "precedente", precedente di nuovo andare avanti. Per esempio, qualcuno potrebbe essere vicino all'accettazione solo per essere innescato da un'esperienza che rianima la perdita, rinviandolo nella fase di rabbia o depressione.

È anche importante capire che non c'è un periodo di tempo in cui una persona sperimenterà il dolore. Il tempo non cura il dolore della perdita, ma aiuta a ridurlo. Le parti più difficili e dolorose del processo di lutto di solito durano da alcune settimane a diversi mesi e, in alcuni casi, da un anno o più. Detto questo, non c'è una fine definitiva a questo processo, e per alcune persone il lutto è in corso mentre lottano per venire a patti con profonde perdite personali. Chiusura – l'esperienza che il lutto è "completo" – è spesso elusiva, oltre che sopravvalutata.

La consapevolezza come via verso l'accettazione

Guarire dalla perdita è un processo di recupero dell'equilibrio tra gli estremi dell'essere sopraffatti dalle emozioni legate alla perdita ed evitare di sentirli perché sono troppo dolorosi. Si svolge nel tempo non durante la notte ed è diverso per ogni individuo. L'accettazione può essere facilitata attraverso pratiche di consapevolezza che comportano l'apertura alle emozioni scomode e dolorose che sono parte integrante del lasciar andare le persone e le cose che sono state importanti nella nostra vita, ma che non sono più disponibili per noi. Tali pratiche includono l'osservazione cosciente di quei sentimenti, permettendo loro di essere semplicemente, sentendoli così come sono e di essere presenti con loro. In definitiva, la guarigione richiede di fare pace con loro. Come afferma il Tao Te Ching nel verso 23:

"Se ti apri alla perdita,

sei tutt'uno con la perdita

e tu puoi accettarlo completamente. "

Raggiungere l'accettazione di una perdita significativa non significa che non ci sia più angoscia associata ad essa. Le perdite che sono pienamente accettate possono ancora essere dolorose, ma il ricaduta emotivo non ostacola più il benessere o la capacità di funzionare. Proprio come una profonda lacerazione che è guarita, potrebbe esserci sempre una cicatrice. Anche se raramente la vita è la stessa, uscire dall'altra parte di questo processo porta a una "nuova normalità" in cui le cose sono diverse, ma fondamentalmente a posto.

Un principio fondamentale della psicologia buddista è che tutti i fenomeni sono impermanenti e in continua evoluzione, tuttavia le persone tendono a relazionarsi con loro come se fossero permanenti. L'incapacità o riluttanza a riconoscere e accettare questa impermanenza intrinseca è una fonte di gran parte del dolore e della sofferenza che viviamo in connessione con una perdita significativa.

È importante sottolineare che lasciare che se stessi per sentire il dolore della perdita richiede molta meno energia rispetto a correre o cercare di sopprimerla. Combattere la perdita attraverso l'intorpidimento o altre forme di evitamento può aiutarci a sentirci meglio a breve termine, ma invariabilmente amplifica e prolunga il dolore che sperimentiamo e ritarda la nostra guarigione. Quindi, come ha detto il grande poeta americano Robert Frost: "La via d'uscita migliore è sempre attraverso".

Copyright 2016 Dan Mager, MSW

Autore di alcune Assemblee necessarie: un approccio equilibrato al recupero dalla dipendenza e dal dolore cronico

Solutions Collecting From Web of "Un approccio basato sulla consapevolezza per guarire dalla perdita"