Un appello ai campus per promuovere la salute mentale e il benessere

Josh Felise / stocksnap.io / CCO 1.0
Fonte: Josh Felise / stocksnap.io / CCO 1.0

Mi sono sentito in dovere di scrivere questo post sul blog quando mi sono imbattuto in diversi studi che riportavano che il numero di studenti universitari che soffrivano di sintomi di depressione sembra essere in aumento (ACHA-NCHA, 2000, 2009; Gallagher, 2014). Sulla base di un'indagine di oltre 80.000 studenti universitari e laureati, l'American College Health Association (2008) ha riferito che il 9% di tutti gli studenti aveva seriamente preso in considerazione il tentativo di suicidio l'anno scorso e l'1,2% aveva effettivamente tentato un suicidio. In un altro studio, il 10% degli studenti (su 2.843 intervistati) ha riportato sintomi di depressione o ansia che hanno avuto un impatto significativo sul loro funzionamento negli ultimi 30 giorni (Eisenberg et al., 2007).

Quindi, la mia richiesta alle istituzioni post-secondarie ovunque è questa: si prega di dare priorità alla salute mentale e al benessere degli studenti – non in un modo "a pagamento", ma in uno che dà veramente la priorità al benessere degli studenti in un campus livello. I centri di consulenza per i college e i servizi per gli studenti sono in una posizione unica per svolgere un ruolo di leadership in questo movimento, ma credo che la responsabilità non possa basarsi esclusivamente sulle loro spalle. La promozione del benessere mentale deve permeare tutti i diversi dipartimenti e facoltà, creando un ambiente istituzionale generale che promuova la salute mentale e il benessere. Le richieste di promuovere cose come "cura di sé" non possono essere gettate senza iniziative a livello di campus per sostenerle. Molti campus in Nord America hanno certamente avviato pratiche promettenti per raggiungere questo obiettivo, ma abbiamo ancora molta strada da fare.

Nel frattempo, ci sono modi in cui gli studenti stessi possono prendere l'iniziativa per sostenere la loro salute mentale e il loro benessere. Purtroppo, gli studenti universitari spesso non cercano supporto per i loro problemi di salute mentale (Klein et al., 2011). In uno studio pubblicato quest'anno, i ricercatori hanno scoperto che il 26% degli intervistati non avrebbe rivelato la depressione al proprio fornitore di cure primarie e il 13% ha riferito di ambivalenza nella divulgazione (Myer et al., 2016). I due principali motivi per cui gli studenti erano riluttanti a parlare con i loro medici inclusi:

  • Preoccupazioni riguardo alla prescrizione di farmaci
  • Sentirsi incerti su come iniziare una conversazione sulla depressione

Certo, cercare supporto può essere spaventoso o travolgente e, sfortunatamente, nella nostra società c'è ancora uno stigma diffuso riguardo alla ricerca di un supporto per la salute mentale. Gli studenti potrebbero non essere a conoscenza del modo in cui funziona il sistema di assistenza psicologica, che può contribuire ad alcune delle barriere sopra citate. Ad esempio, per quanto riguarda il primo, gli studenti che sono preoccupati per i farmaci potrebbero non sapere di avere il diritto di esplorare altre opzioni con il loro medico, come un riferimento psicoterapeutico (in realtà, la ricerca suggerisce che, tranne in certe situazioni, gli antidepressivi da soli non sono il miglior modo di agire per la depressione – vedi la spiegazione della American Psychological Association qui).

Sebbene ci siano molti modi individuali per promuovere il benessere mentale nelle nostre vite – tra cui, ad esempio, praticare la consapevolezza, rimanere fisicamente attivi, seguire una dieta sana ed equilibrata e impegnarsi in attività che ci diano gioia – il sostegno degli altri è anche importante per il nostro salute mentale e benessere. Alcuni modi per cercare supporto includono:

Controlla il tuo centro di consulenza campus

I centri di consulenza del campus sono in genere una buona risorsa per il supporto accademico e personale. La maggior parte offre una serie di servizi che sono in genere gratuiti per gli studenti registrati e includono cose come: consulenza individuale e di gruppo, orientamento professionale, riferimenti ad altre risorse del college / comunità, seminari sulla salute mentale, workshop sulle abilità di studio e sostegno tra pari. I membri del personale dei centri di consulenza universitari sono in genere esperti e competenti nel lavorare con le preoccupazioni comuni degli studenti, e la maggior parte promuove un ambiente accogliente e inclusivo.

Creare una solida rete di supporto

Un grande numero di ricerche indica che le persone che hanno relazioni sociali più significative sono più sane, più felici e persino vivono più a lungo (Holt-Lunstad et al., 2010; Matthews et al., 2016; Shankar et al., 2013). I cari possono aiutarci nei momenti difficili e fornire supporto emotivo e pratico. Anche quando il semestre si sente sommerso dalle scadenze, incontrare un amico per un appuntamento al caffè o sedersi per una cena in famiglia può fare una differenza importante per il nostro senso generale di connessione e benessere. Per gli studenti, incoraggiare l'amicizia con compagni di classe è anche un modo importante per sentirsi supportati, avere le nostre esperienze normalizzate e semplicemente rendere l'esperienza del college più piacevole.

Cerca una terapia comunitaria o privata

Se stai cercando un ulteriore supporto per la salute mentale, ma il tuo centro di consulenza per il college non offre ciò che stai cercando, puoi cercare la terapia di comunità o privata, da solo o tramite un referral dal tuo principale fornitore di assistenza sanitaria. La terapia indicata dal medico può essere coperta da un piano medico per studenti, sebbene le liste di attesa possano essere lunghe per questi servizi. In alternativa, i terapisti privati ​​pagheranno per i loro servizi, sebbene alcuni terapeuti privati ​​e comunitari forniscano la terapia su una scala mobile basata sulla tua capacità di pagare.

Molti tipi diversi di fornitori di servizi possono fornire terapie – per esempio, consulenti, psicologi, psichiatri e assistenti sociali clinici – e ci sono altrettanti tipi diversi di approcci terapeutici quanti sono i tipi di terapeuti. Trovare un terapeuta significa trovare la soluzione migliore per te; in effetti, un ampio gruppo di ricerche suggerisce che una relazione positiva tra terapeuta e cliente è uno dei fattori più importanti che contribuiscono a un esito positivo in terapia (Norcross & Wampold, 2011). Quindi, non aver paura di essere schizzinosi! Chiedi informazioni sul licensure del terapeuta, formazione, aree di competenza e approccio alla terapia. E, alla fine della giornata, vai con il tuo istinto: se ti senti connesso, rispettato, ascoltato e capito, potresti aver trovato una buona forma.

Riferimenti

Eisenberg D., Gollust, SE, Golberstein, E., & Hefner, JL (2007). Prevalenza e correlazioni di depressione, ansia e suicidio tra gli studenti universitari. Am J Orthopsychiatry, 77 , 534-542.

Gallagher, RP (2014) Indagine nazionale sui centri di consulenza universitari . L'Associazione internazionale dei servizi di consulenza. Estratto da: http://0201.nccdn.net/1_2/000/000/088/0b2/NCCCS2014_v2.pdf

Holt-Lunstad, J., Smith, TB, & Layton, JB (2010). Rapporti sociali e rischio di mortalità: una revisione meta-analitica. PLoS Medicine, 7 .

Klein, MC, Ciotoli, C., & Chung, H. (2011). Screening dell'assistenza primaria per la depressione e l'impegno terapeutico in un centro sanitario universitario: un'analisi retrospettiva. Journal of American College Health, 59, 289-295.

Matthews, T. et al. (2016). Isolamento sociale, solitudine e depressione nella giovane età adulta: un'analisi genetica comportamentale. Psichiatria sociale e Epidemiologia psichiatrica, 1-10.

Meyer, WJ, Morrison, P., Lombardero, A., Swingle, K., e Campbell, DG (2016). Le ragioni degli studenti universitari per la non divulgazione della depressione nelle cure primarie. Journal of College Student Psychotherapy, 30 (3), 197-205.

Norcross, JC, & Wampold, BE (2011). Relazioni terapeutiche basate sull'evidenza: conclusioni di ricerca e pratiche cliniche. Psicoterapia, 48 (1).

Shankar, A., Hamar, M., McMunn, A., e Steptoe, A. (2013). Isolamento sociale e solitudine: relazioni con la funzione cognitiva durante 4 anni di follow-up nello studio longitudinale inglese sull'invecchiamento. Medicina psicosomatica, 75, 161-170.

  • L'elefante nella sala di consulenza di Sigmund Freud
  • Perché non volevo che la morte del principe fosse suicidio
  • Modelli obsoleti di mascolinità Spesso gli uomini più vecchi di sabotaggio
  • Diagnostica ... Divorzio?
  • Intervista su "Il tuo amico per sempre"
  • Gente traumatizzata dalla guerra: come chiamarli, come aiutarli
  • Third School Suicide a Newton, MA, la mia città natale
  • Come i post su Internet influenzano emotivamente la tua giornata
  • Non chiedere, lo diranno
  • Un mentore e altro
  • Genere e Framing of Suicide
  • Morire bene
  • Sole e suicidio
  • Il disordine più letale
  • Depressione ad alto funzionamento, una nuova svolta
  • La crisi esistenziale di Birdman
  • Borderline Personality Disorder (BPD)
  • Gli inni anti-perfezionisti possono far tacere il tuo critico interiore
  • Recupero dall'anoressia: come e perché iniziare
  • Consulenza per l'infertilità: come iniziare
  • Adattamento del giuramento antico alla ricerca della rilevanza moderna
  • Perdita playoff Devastante?
  • Sei sicuro di voler chiamare il matrimonio un fallimento? Guest Post di Rachel Buddeberg
  • Come aiutare qualcuno con un disturbo alimentare
  • Perché i genitori possono sacrificare i propri figli
  • The Heart of Darkness in State College
  • Incubi negli afroamericani
  • Il libro che capisce gli adolescenti meglio di te
  • Depressione sorridente
  • Cosa ci vuole per fermare il bullismo nelle scuole?
  • Che succede con il disturbo bipolare?
  • Parte II: "Fix Society. Per favore!"
  • Esperti di salute mentale e l'obbligo di parlare
  • Potrebbe una Doula aiutare i pazienti affetti da cancro?
  • Un invito al cambiamento: come contribuire alla prevenzione del suicidio
  • Terrorismo, suicidio e le nostre priorità nazionali