È un anziano a cui tieni a rischio di depressione? Fai questo!

c) Big Cheese Photo www.fotosearch.com
Fonte: c) Big Cheese Photo www.fotosearch.com

Maria, una mia cliente di 80 anni, non riusciva a sollevare la nuvola di depressione che stava sempre più oscurando la sua vita. La figlia adulta Leslie, che viveva in uno stato lontano, continuava a insistere perché prendesse un farmaco antidepressivo. Maria resistette, intuendo che un farmaco avrebbe potuto alleggerire il suo umore ma non avrebbe risolto il problema di fondo.

Alla fine Maria cedette, ma l'antidepressivo le diede una sensazione altrettanto sgradevole, la sensazione che non provasse sentimenti. Poiché le pillole antidepressive hanno bloccato la sua capacità di provare piacere e la sua precedente tristezza, Maria ha smesso di prenderle dopo diverse settimane di utilizzo.

Cosa doveva fare Leslie?

Leslie acquistò un biglietto aereo per andare a trovare sua madre il mese seguente. Forse parlarle di persona le avrebbe dato più comprensione su come aiutare la madre a impedire il ritorno dei suoi umori cupi e cupi.

Con sorpresa di tutti, anche con l'acquisto da parte di sua figlia del biglietto per una visita, l'umore di Maria si risollevò. Maria ha iniziato a interagire di più con gli altri nel suo condominio. I suoi amici riferirono a Leslie che sua madre aveva ricominciato a sorridere.

Che cosa ha innescato il ritorno di Maria dalla depressione alla possibilità di godersi nuovamente la vita?

Maria sapeva. Anche sua figlia Leslie lo ha indovinato.

Se avessi indovinato che sapendo che presto sua figlia sarebbe venuta a trovarla per far emergere Maria dalla depressione, hai indovinato.

Uno studio riportato nel Journal of American Geriatrics Society ha convalidato questa conclusione. I ricercatori Alan Teo MD, HwaJung Choi PhD e altri hanno studiato oltre 11.000 individui di età pari o superiore a 50 anni. Lo studio ha rintracciato prove di depressione fino a due anni, e anche la frequenza con cui i partecipanti hanno avuto e-mail, telefono, lettera o contatto faccia a faccia con i loro figli, altri membri della famiglia e amici.

I risultati di questo studio sulla prevenzione della depressione erano chiari.

I familiari e gli amici che hanno inviato messaggi di posta elettronica, telefono e lettere ai loro anziani hanno avuto poco o nessun impatto sulla vulnerabilità della depressione dei loro anziani.

Al contrario, più contatti faccia a faccia, di persona, che gli anziani avevano con familiari e amici, minore era la probabilità che gli anziani sperimentassero la depressione. Se questo contatto faccia a faccia si è verificato una o due volte al mese, il contatto è stato utile, se i contatti si sono verificati una o due volte a settimana, l'impatto è stato ancora più forte.

Come descritto in un articolo del giornalista Sue Byrne in Consumer Reports, "Le persone che hanno avuto il maggior contatto, almeno tre volte alla settimana faccia a faccia, hanno avuto i più bassi tassi di depressione due anni dopo", secondo Alan Teo, MD, l'autore principale dello studio e un assistente professore di psichiatria presso l'Oregon Health & Science University.

La linea di fondo è che la solitudine invita alla depressione. Il contatto sociale solleva gli spiriti.

Anche se non sempre. Se gli amici oi familiari visitavano ma erano litigiosi, le interazioni argomentative attenuavano gli effetti positivi della connessione sociale.

In generale, tuttavia, la morale della storia è chiara: visita i tuoi anziani. Frequenti visite agli anziani, visite che li mettono in contatto faccia a faccia con i loro amici e familiari, fanno una differenza significativa nello stato emotivo degli anziani. O come affermano gli autori di questo studio, "La frequenza del contatto sociale di persona con amici e familiari predice in modo indipendente il rischio di depressione successiva negli anziani". Altre visite predicono meno depressione.

E così….

Hai qualche idea nuova su come potresti aiutare un vecchio familiare o un amico a cui tieni? Le visite non devono essere lunghe. Nulla di bello. Solo un sorriso cordiale faccia a faccia, alcune parole di parole, la condivisione di una storia o due su quello che hai fatto nella tua vita, e forse, per finire, un abbraccio vecchio stile. Hmmm …

La nostra società tende a incoraggiare le persone a fare le loro cose, andare dove sono i posti di lavoro, dove il tempo è più caldo, andare dove vivono i loro amici. Libertà, indipendenza, ritrovi: tutte queste parole d'ordine hanno i loro lati positivi. Allo stesso tempo, quando le famiglie lasciano le persone anziane alle spalle, o se rimangono nella stessa città ma sono troppo occupate per fare una pausa e visitare, ci possono essere dei costi. Hmmm …

(c) Susan Heitler, PhD
Fonte: (c) Susan Heitler, PhD

Harvard e laureata alla NYU Susan Heitler, PhD pratica come psicologo clinico a Denver. Scrive anche libri e siti web che insegnano le abilità per sostenere il benessere e godere di relazioni sane.

Solutions Collecting From Web of "È un anziano a cui tieni a rischio di depressione? Fai questo!"