Un anno violentissimo

 

Nel 1981, c'erano 1.841 omicidi a New York City. Il tasso ha continuato a salire a un massimo storico di 2.245 nel 1991. Nel 2013, c'erano 333 persone uccise a New York City, un calo notevole anche rispetto ai 417 decessi dell'anno precedente.

L'illegalità di New York nel 1981 è oggetto di fine anno di Participant Media (Company with a Conscience, http://www.huffingtonpost.com/lloyd-i-sederer-md/company-with-a-conscience_b_854598.html) rilascio di Un anno violentissimo , così come lo sforzo di un uomo di trovare un modo per superare la violenza che minaccia di rovinarlo, la sua famiglia e il lavoro della sua vita.

Il film si apre con Abel Morales (interpretato con la forza da Oscar Isaac) che corre in tilt in abbigliamento da palestra attraverso strade invernali di New York. Il movimento continua con camion, barche e auto e ascoltiamo un rapporto radiofonico delle notizie di tre poliziotti sparati. La sua bionda, la moglie della figlia mobster (una street wise Jessica Chastain), alla guida di una Mercedes e sempre a fumare, contrappone a Morales la colorazione, lo sfondo e la coscienza.

Ma ci sono dentro insieme, cercando di lasciare indietro il loro passato ed entrare, con i loro figli, nel mondo della rettitudine e dell'alta borghesia. È una storia tutta americana di affrontare avversità apparentemente inevitabili e rivelare il vero carattere interiore.

Morales ha costruito una società di distribuzione di olio di successo nella City, e sta per chiudere un accordo immobiliare che lo posizionerà ben al di sopra dei suoi concorrenti. Ha messo da parte una piccola fortuna, la sua intera fortuna, come deposito e ha 30 giorni per chiudere o perderlo tutto. Il cappio inizia a stringere: i suoi camion sono in hi-jacked ei suoi piloti battuti da concorrenti la cui principale tattica è la violenza. I problemi della famiglia scoppiano quando un ambizioso Procuratore Distrettuale (David Oyelowo) dice a Morales che sta per dargli uno schiaffo con un'accusa di 14 conteggi per pratiche commerciali illegali. La sua banca che doveva fornire il resto del denaro per la proprietà lo abbandonò. Preso in una curiosa morsa di illegalità e di legge, Morales, nonostante il consiglio del boss di Teamsters e sua moglie, vuole trovare una via d'uscita, una via per il suo futuro che ripudia la violenza, più o meno.

Questo è il racconto morale e il viaggio costruito da JC Chandor, che ha scritto e diretto questo film. Chandor ha un range (recentemente, All Is Lost e Margin Call) . Qui usa uno squallido paesaggio di New York per accentuare la fredda indifferenza del male. Chandor è spensierato nel modo in cui disopra il mantello della rispettabilità indossato da tanti dei suoi personaggi. Non c'è scampo per alcuni, vittime in un mondo darwiniano in cui sembra regnare il potere grezzo. Eppure, per un altro modo è possibile, ma non facile da raggiungere.

Mi è venuto in mente il grande, primissimo libro di Geoffrey Canada ( Fist, Stick, Knife, Gun , 1995), un memoriale di crescita tra violenza e uno studio sociologico (e ammonimento) sul modo in cui la violenza genera maggiore violenza. Ci sono altri modi oltre a seguire il consiglio offerto da Eliot Ness dal suo mentore di botteghino in The Untouchables : "Tirano un coltello, tu tira una pistola. Mandano uno dei tuoi all'ospedale, tu mandi uno dei loro all'obitorio. "

Ogni film dei partecipanti è accompagnato da una campagna di azione sociale. Un'organizzazione o un movimento i cui valori e le cui attività risuonano con il film è evidenziato e aiutato a raggiungere la sua missione. Il coraggio ha bisogno di compagni di viaggio. Per un anno violentissimo, il partecipante ha scelto Cure Violence (http://cureviolence.org/, ex Cease Fire ) – che affronta la violenza come un problema di salute pubblica che può essere controllato con un approccio scientifico, come è stato fatto con altre "epidemie" "Come il colera o la tubercolosi, o come con lesioni e incidenti comuni.

Sia che tu veda il film per la sua storia, le raffigurazioni di personaggi, l'habitat o il messaggio di New York – o tutto quanto sopra – ricorda che dal 1981 le cose sono cambiate. Possono essere affrontati problemi sociali brutali. La sicurezza e l'equità possono avere una possibilità. Una persona, una comunità, una città alla volta.

…………… ..

Il libro del Dr. Sederer per famiglie con un disturbo mentale è The Family Guide to Mental Health Care (Prefazione di Glenn Close).

Il Dr. Sederer è uno psichiatra e un medico di salute pubblica. Le opinioni espresse qui sono interamente sue. Non accetta alcun supporto da società farmaceutiche o di dispositivi.

www.askdrlloyd.com – Segui Lloyd I. Sederer, MD su Twitter: www.twitter.com/askdrlloyd

Solutions Collecting From Web of "Un anno violentissimo"