Un amore per tutta la vita di fuga

Ragazzo di fumetti dei Simpson

Prima di entrare in Dungeons & Dragons da bambino, creai cortometraggi animati Super 8mm che coinvolgevano mostri di argilla che ingoiavano le città.

Ero socio fondatore del Fan Club di Star Wars.

Ho urlato le routine di Bugs Bunny ("Lo farò con la mia lancia e l'elmo magico!").

Volevo diventare un fumettista per il Boston Globe e un animatore per Disney.

Saltai anche io a leggere JRR Tolkien e trovai il suo regno di spade e stregoni, Terra di Mezzo, ricco come l'ambientazione di D & D. La Terra di Mezzo era l'ambientazione elaborata e mappata di Tolkien per Lo Hobbit e Il Signore degli Anelli, e le sue varie poesie, leggende e storie perdute. Così ho scritto romanzi su una vecchia macchina da scrivere: bozze delle mie imitazioni del Signore degli Anelli. (Testo di esempio: "Era un periodo di disperazione nella terra di Rothian: i cittadini stavano insorgendo [sic] e gli uomini di Orean stavano invadendo da nord, nella terra di Forgetten …")

Già un narratore, D & D è stato un logico salto immaginativo.

Non credevo in Dio, o in paradiso e all'inferno. Ma le terre della Terra di Mezzo, o un labirinto di D & D, o un universo di fantascienza come Star Wars, erano luoghi in cui potevo credere e visitare tutte le volte che mi piacevano. I regni sotterranei di D & D mi hanno accolto favorevolmente; le danze e gli spogliatoi delle scuole superiori no. Già il consumato sognatore, ero il candidato perfetto per la fuga.

un numero originale di "Bantha Tracks", la newsletter del fan club di Star Wars

Eppure quando ripenso alle prove della mia adolescenza – tutto il mio vecchio armamentario di D & D; le mie newsletter del fan club di Star Wars ("Bantha Tracks", è stata chiamata); disegni, poesie e storie – la sensazione mi colpisce agrodolce. Vedo un bambino – io, negli anni '80 – che cerca di prognosticare qualcosa di meglio. Un bambino disperato che cerca di trovare una via d'uscita.

Quindi, naturalmente, oggi, mi preoccupo per il danno residuo. Quanto è stato bello aver dedicato così tanta energia mentale a mondi come D & D e Terra di mezzo che non esistevano? Avevamo controllato dalla vita reale? Quali sono stati gli effetti a lungo termine? L'evasione dalla fantasia spiegava perché la persona che diventavo a quaranta ora si sentiva insoddisfacente e insoddisfatta?

Forse il mio problema era che non potevo ammettere a me stesso, oggi da adulto, che avevo ancora bisogno della stampella di una vita fantastica per zoppicare nel mondo reale. O forse, da adulto, permetterei ai giochi di ruolo di consumare di nuovo la mia vita, intenzionalmente o inconsciamente in un tacito atto di auto-sabotaggio, in modo che non rimanga tempo, energia o spazio mentale per risolvere i miei problemi di vita reale . O era semplicemente un terrore senza nome sull'essere bloccato in Geekland per sempre? Mi piace essere un ragazzo dei fumetti dei Simpson.

La mia altra preoccupazione fastidiosa è stata spesso il fatto che la mia passione per i sogni mi aveva messo in causa per tutta la vita insoddisfazione per la realtà. Sogno spesso vite parallele per me stesso: fidanzata fantasy, lavoro fantasy, fantasy Pulitzer. I miei impegni creativi – i forti da costruire sugli alberi, i fumetti da disegnare, i romanzi da scrivere, i film da realizzare, le poesie da comporre – spesso mi lasciano deluso. Quando ho cercato di tradurre la scintilla creativa in forma e sostanza irrevocabili, lo rovinerei. La cosa creata diventerebbe reale, ma inerte, un vasto compromesso e inesorabilmente imperfetto. Sono venuto a preferire quell'altro posto simile alla Terra di Mezzo, nella mia stessa testa, dove le mie creazioni pendono come gioielli intoccati, perfettamente realizzati.

A volte, la fantasia come fenomeno culturale mi sembra vagamente inquietante. La pervasiva evasione ha reso infantile un'intera generazione? La fantasia in tutte le sue forme è fondamentalmente buona o cattiva? Alcune subculture sono più dannose di altre? Pensieri profondi.

Forse nessun altro passa il tempo a riflettere su questi argomenti. O forse voglio solo rassicurarmi che non sono più un mostro di chiunque altro.

[adattato da Fantasy Freaks e Gaming Geek di Ethan Gilsdorf : una missione epica per realtà tra giocatori di ruolo, giocatori online e altri abitanti dei regni immaginari, "ora in edizione economica. Maggiori informazioni: http://www.fantasyfreaksbook.com]

Solutions Collecting From Web of "Un amore per tutta la vita di fuga"