Umanità ed eroismo

Proprio di recente mi è stato chiesto chi fossero i miei 'eroi' … e mi sono trovato in perdita come risposta – perché non ero sicuro che le mie opinioni sulla natura dell'eroismo avrebbero avuto molta rilevanza al giorno d'oggi … perché gli "eroi", così chiamati, sembrano essere dieci centesimi nella società contemporanea. Ad esempio, ce ne sono molti nel mondo dello sport: giocatori di golf, giocatori di tennis, calciatori, atleti eccezionali …. e allo stesso modo nei mondi della musica contemporanea del jazz e del "rock" ecc. – ma per quanto abili o famosi possano essere tali artisti, non li qualifica necessariamente come "eroi".

Se mi chiedeste come spiegare la natura storica ed essenziale dell '"eroismo", direi che ha sempre denotato un particolare tipo di risposta coraggiosa alle situazioni inaspettate e pericolose della vita: azioni che trascendono le normali risposte razionali ed emotive quando le cose prendersi precariamente "inavvertitamente" in un mondo turbolento – e che è disinibito da qualunque rischio grave possa affrontare situazioni davvero pericolose. Perché l''eroe' è colui che agirà spontaneamente per cercare di "salvare il giorno", imperterrito dalla paura per la propria sicurezza.

Ci sono molti eroi non celebrati nel nostro mondo contemporaneo: un uomo si tuffa nel mare per cercare di salvare il suo cane … ed è annegato, sebbene il cane sia salvato. Un soldato si getta su una bomba a esplodere per salvare le vite dei suoi compagni. I medici lavorano nelle parti più pericolose del mondo per aiutare i malati e i sofferenti …

Eppure c'è un altro aspetto dell'eroismo che non è necessariamente una azione innescata dal tipo di situazione che minaccia la vita di cui ho parlato sopra. Potrebbe essere descritto come un "stato eroico della mente" …. un atteggiamento mentale interno: una decisione psicologica di sostenere fermamente i principi morali della verità e della bontà di fronte alla corruzione, all'ipocrisia, alla tirannia …. e tutti i sistemi oppressivi che causano dolore e sofferenza agli altri. E, così facendo, difendi il tipo di onestà morale – e la coscienza che la assiste: quella coscienza che costituisce l'essenza dell'umanità.

Quindi non sminuire il significato essenziale di "eroismo" applicandolo per errore ai membri delle comunità dello spettacolo o dello sport o ad altre figure popolari. Poiché tra di noi ci sono molti eroi reali, non ancora celebrati: i pompieri, i membri delle forze di polizia, quelli che vengono in soccorso quando i disastri colpiscono; i piloti di elicotteri e i piloti di linea aerea che – operando in quella rischiosa di tutti gli elementi …. quello dell'aria – potrebbe dover fare ricorso all'azione eroica in qualsiasi momento.

Anni fa mi sono imbattuto in queste righe di Dorothy Norman, nel suo libro The Heroic Encounter. Non sono sicuro che al giorno d'oggi susciterebbero più di un leggero sopracciglio, perché la dualità, i concetti opposti di "umanità" a cui si riferisce, sembrerebbe essere, ma raramente, pensata nella vita contemporanea:

"Per percepire la necessaria interdipendenza tra spirito e materia,

creazione e distruzione, vita e morte, "luce" e "oscurità",

ma non mancare mai di essere coinvolto nella lotta eternamente necessaria

contro le forze della brutalità e del male, a ogni livello della vita.

Patrick Leigh Fermor, A Time To Keep Silent

Solutions Collecting From Web of "Umanità ed eroismo"