Ultimi pasti nel braccio della morte – Cosa rivelano di te?

Cosa sceglieresti per goderti il ​​tuo ultimo pasto?

Molti di noi non sanno quando sarà la nostra ultima porzione, ma ci sono alcuni che sanno esattamente quando il loro ultimo pasto è vicino alla certezza – quelli nel braccio della morte.

È normale che i giornali riportino le esecuzioni degli Stati Uniti per includere una descrizione del pasto finale richiesto, indicando un diffuso e macabro interesse per gli ultimi pasti.

Raj Persaud
Fonte: Raj Persaud

Brian Wansink, Kevin Knif fi n e Mitsuru Shimizu della Dyson School of Applied Economics and Management della Cornell University, hanno catalogato gli ultimi pasti – le richieste di cibo finale di 247 persone giustiziate negli Stati Uniti dal 2002 al 2006 – la teoria è che questo potrebbe rivelare qualcosa sui nostri veri desideri di cibo.

Forse un modo unico di ottenere la risposta a questa domanda – ciò che i nostri veri desideri di consumo sono – è esaminare ciò che le persone scelgono di mangiare per il loro ultimo pasto. Per la prima volta in assoluto, le loro scelte non hanno implicazioni per il loro futuro.

Cosa sceglieresti per mangiare se tutte le preoccupazioni sull'immagine corporea, il colesterolo e la mortalità fossero completamente rimossi?

L'analisi, pubblicata nella rivista accademica Appetite , ha rilevato che l'ultimo pasto medio è caloricamente ricco (2756 calorie) e in media proporzionale 2,5 volte le porzioni giornaliere raccomandate di proteine ​​e grassi. Le richieste più frequenti sono anche caloriche: dominano la carne, il fritto, i dessert e le bevande analcoliche. Furono richiesti livelli relativamente bassi di frutta e verdura, mentre yogurt, tofu e pasti vegetariani menzionati esplicitamente non comparvero mai come ultima scelta di pasto.

Questo nuovo studio è stato in parte ispirato alla ricerca sulla cena finale più famosa della storia, l'Ultima Cena di Gesù Cristo, che è il più pittoresco pasto della storia. Cinquantadue delle più famose raffigurazioni dell'Ultima Cena nell'ultimo millennio sono state analizzate da Brian Wansink e Craig Wansink della Cornell University e Virginia Wesleyan College negli Stati Uniti. Hanno scoperto che le dimensioni relative del piatto principale, del pane e delle piastre sono aumentate inesorabilmente nel corso dell'ultimo millennio.

Lo studio intitolato "La più grande ultima cena: raffigurazioni di porzioni di cibo e dimensioni del piatto aumentate nel corso del millennio" sottolinea che, secondo il Nuovo Testamento, la cena si è svolta in una serata pasquale in "una grande sala al piano superiore, già arredata", ma i resoconti dell'evento non menzionano disposizioni, oltre al pane e al vino. Quindi le raffigurazioni pittoriche dell'ultima cena ci dicono probabilmente più sulla psicologia del pittore e sul pubblico per cui stavano dipingendo, che sull'ultimo pasto in sé.

Raj Persaud
Fonte: Raj Persaud

Lo studio pubblicato sull'International Journal of Obesity potrebbe quasi essere visto come la prova che il cibo è diventato la nostra nuova fede, perché negli ultimi 1.000 anni, rispetto alle dimensioni dei capi di Gesù e dei discepoli, il corso principale è aumentato di 69.2 percentuale, la dimensione del pane del 23,1% e la dimensione delle lastre del 65,6%. Le dimensioni in un dipinto sono spesso un indicatore di importazione. Le figure religiose sembrano essere diventate più piccole, mentre le loro cene sono diventate più grandi.

Lo studio 'Death Row' ha trovato che il gelato e la torta erano i dessert più popolari seguiti da una torta. Il cioccolato era sparso in vari tipi di alimenti, tra cui latte, malto, budino e gelato, oltre a torta, brownies, caramello e biscotti. Il cioccolato ha una reputazione come cibo per far fronte a situazioni stressanti.

È una scoperta ben nota in psicologia che coloro che sono stati recentemente ricordati della propria incombente mortalità mangiano di più, e questo effetto è più pronunciato per quelli con bassa autostima. Il consumo non inibito non solo del cibo, ma di beni materiali, prodotti di lusso, alcolici e persino la visione della TV sembra essere una distrazione, quando ci si trova in una situazione mortale. Dopo gli eventi dell'11 settembre è stato riferito che i nordamericani sono andati in giro per shopping e hanno mangiato più caramelle.

L'autostima può essere minacciata confrontando la mortalità, in particolare se l'individuo teme di morire senza lasciare un segno significativo. La distrazione è un modo per contrastare la minaccia di mortalità, compiuta da un eccesso di consumo e da un eccesso di consumo.

Naomi Mandel e Dirk Smeesters della Arizona State University e della Rotterdam School of Management si sono chiesti che cosa accadrebbe se il consumo eccessivo di cibo non fosse autorizzato a svolgere la sua funzione di conforto e distrazione dalla dolorosa autocoscienza? Forse la motivazione al consumo diminuirà?

Nel loro studio intitolato "The Sweet Escape: Effetti della mortalità Salience sulle quantità di consumo per i consumatori di auto-stima ad alto e basso", i ricercatori hanno usato specchi. Ciò ha creato una situazione in cui il cibo non consente una fuga dall'auto-consapevolezza dolorosa, anche se viene ricordata la mortalità. La consapevolezza di sé aumenta quando gli individui sono ricordati a se stessi, per esempio, quando si fronteggiano uno specchio. I soggetti erano seduti davanti a uno specchio mentre scrivevano un saggio sulla morte.

Nello studio pubblicato sul Journal of Consumer Research , i partecipanti sono stati esposti a uno specchio mentre scrivevano un saggio su morte o dolore. Ad alcuni è stato permesso di scappare di fronte a se stessi in uno specchio, un altro gruppo no. Quando non gli è stato permesso di fuggire da uno specchio, i consumatori di bassa autostima che scrivevano sulla morte, acquistavano meno prodotti alimentari rispetto ai consumatori con bassa autostima che scrivevano sul dolore.

La conclusione degli autori appare particolarmente appropriata in un momento storico in cui il motivo per cui i bambini più poveri sono più grassi, è oggetto di accesi dibattiti. Naomi Mandel e Dirk Smeesters sostengono che coloro che hanno una bassa autostima potrebbero essere più suscettibili al consumo eccessivo quando stressati o di fronte a immagini di morte durante le notizie o gli spettacoli criminali.

I loro risultati suggeriscono che mettere uno specchio sulla porta del frigorifero potrebbe aiutare a ridurre la sovralimentazione. Se lo specchio rimane visibile anche durante la cena, questo potrebbe essere un gioco di perdita di peso efficace.

Wansink, Knif fi e Shimizu sostengono che i loro risultati nel "braccio della morte" suggeriscono cautela nell'aumentare la consapevolezza della mortalità nelle campagne sanitarie contro l'obesità. '' Spaventare '' la popolazione al fine di incoraggiare modelli alimentari e di attività positivi potrebbe essere controproducente.

Le etichette di avvertenza sui prodotti del tabacco a volte sembrano aumentare il consumo di tabacco.

Raj Persaud
Fonte: Raj Persaud

Gli autori dello studio riconoscono che alcuni dei modelli che hanno trovato (ad esempio l'assenza di pasti vegetariani) riflettono gli sfondi di quelli nel braccio della morte. Ma sottolineano anche che coloro il cui senso del futuro è più breve – come i soldati di combattimento – dimostrano preferenze alimentari simili (caloricamente ricchi, equilibrio sproporzionato a favore di carboidrati e grassi). Questi si abbinano a schemi, trovati anche fuori dalle prigioni, in insicurezza ambienti. Gli autori sostengono che coloro che vivono in condizioni socioeconomiche più difficili sembrano anche "vivere per il presente" quando il futuro appare incerto o cupo. Le persone che si sentono insicure tendono quindi a essere significativamente più obese.

Un'altra scoperta interessante è stata un'elevata percentuale di persone nel braccio della morte – il 39,9 per cento – ha richiesto alimenti o bevande di marca. Le ultime parole di una persona; '"Non ho preso il mio Spaghetti-O, ho preso gli spaghetti! Voglio che la stampa lo sappia. "La preferenza per le marche potrebbe essere guidata dal desiderio di familiarità e conforto quando siamo stressati.

I libri sono stati dedicati a questo, come Dickerson, JL "Le ultime cene. Se il mondo finisse domani, quale sarebbe il tuo ultimo pasto ?, "Dunea, M." La mia ultima cena. 50 grandi chef e i loro pasti fi nali "e Caldwell, A." Le loro ultime cene. Leggende della storia e dei loro pasti fi nali. "Gli autori dello studio sottolineano che questo fascino per l '" ultimo pasto "offre una visione dei nostri veri desideri, quando il futuro non è più un problema. Ma in contrasto con aneddoti popolari e casi di studio individuali, hanno creato un catalogo unico di ultimi pasti effettivi.

Gli autori riportano nel loro sondaggio che c'erano quattro pasti stimati in 7200 calorie o più. Ad esempio, una persona ha richiesto 12 pezzi di pollo fritto, due panini con burro, due bibite, una pinta di gelato alla fragola, una pinta di gelato alla vaniglia e purè di patate con salsa marrone.

Secondo quanto riferito, lo stato del Texas ha abbandonato l'ultimo speciale rituale del pasto per detenuti nel braccio della morte verso la fine del 2011 dopo che l'assassino Lawrence Russell Brewer, poco prima della sua esecuzione, ha ordinato (ma poi ha omesso di mangiare) due bistecche fritte di pollo con cipolle affettate, una tripla – cheeseburger al bacon al formaggio, una frittata al formaggio con altri ingredienti, una grande scodella di gombo fritto con ketchup, tre fajitas, una pinta di gelato Blue Bell con una mezza pagnotta di pane bianco, una lastra di burro di arachidi fondente con arachidi schiacciate, una pizza e tre birre di radice.

Alcuni potrebbero sostenere che è una misura del livello di disturbo della personalità o di personalità disfunzionale in questa popolazione con cui riescono a fare confusione, e quindi rovinano, perdendo così anche l'unica piccola concessione che avevano ricevuto nella loro pessima situazione.

Raj Persaud
Fonte: Raj Persaud

Alcuni hanno commentato che la tradizione delle richieste speciali del braccio della morte per un pasto finale sembra ingiusta. Perché riservare un tale privilegio speciale per i detenuti, quando a chi è senza casa o povero non vengono dati pasti personalizzati su misura dallo stato? Altri rispondono che spesso il pasto è limitato a costare non più di $ 40, non è permesso alcolici, ed è il marchio di una società umana civilizzata – che concede un ultimo desiderio ai condannati a morire.

Ma forse il vero scopo delle richieste finali è psicologico, e principalmente a beneficio dei carnefici, per aiutarli a sentirsi meglio su ciò che accadrà.

Alcuni psicologi, che sono punibili anticapital, potrebbero sostenere che l'ultimo pasto offre una patina di civiltà e umanità alla pratica altrimenti barbarica dell'esecuzione.

Secondo questa argomentazione, la psicologia dell'ultimo rituale del pasto rivela di più i conflitti all'interno del carnefice, piuttosto che l'esecuzione.

Segui il Dr Raj Persaud su Twitter: www.twitter.com/@DrRajPersaud

Raj Persaud e Peter Bruggen sono editori di podcast congiunti per il Royal College of Psychiatrists e ora hanno anche un'app gratuita su iTunes e Google Play Store dal titolo 'Raj Persaud in conversation', che include molte informazioni gratuite sugli ultimi risultati della ricerca in ambito mentale salute, oltre a interviste con i migliori esperti di tutto il mondo.

Scaricalo gratuitamente da questi link:

https://play.google.com/store/apps/details?id=com.rajpersaud.android.raj…

https://itunes.apple.com/us/app/dr-raj-persaud-in-conversation/id9274662…

Una versione di questo articolo è apparso su The Huffington Post

Solutions Collecting From Web of "Ultimi pasti nel braccio della morte – Cosa rivelano di te?"