UFO, Incontri ravvicinati e Il grido del significato

"L'uomo non può sopportare una vita senza senso". – CG Jung

Strani oggetti sono stati visti volare, galleggiare e, almeno in un famoso incidente cinque secoli fa a Norimberga, in Germania, apparentemente combattendo nei nostri cieli per migliaia di anni. I meravigliosi racconti di testimoni oculari di ciò che accadde una mattina presto sopra Norimberga del sedicesimo secolo, il 14 aprile 1561, descrivono numerosi "globi" sferici multicolori, "piatti simili a dischi", croci "rosso sangue", "aste più grandi" o "tubi" cilindrici contenenti oggetti rotondi e un enorme oggetto nero a forma di lancia o triangolare che fa una feroce battaglia aerea per più di un'ora finché alcuni volarono via "al sole" mentre altri si schiantarono sulla terra in una nuvola di fumo o "vapore". "Allucinazione? Waking vision? Se è così, è stato condiviso e attestato da molti residenti medievali di Norimberga in quel giorno straordinario. (Vedere due diversi rendering di artisti in quel periodo di quello che è stato visto e documentato nella Gazzetta di Norimberga sopra e sotto. Cinque anni dopo, presumibilmente si è verificato un incidente quasi identico a Basilea, in Svizzera.) Ovviamente uno dei più drammatici e notevoli di tali fenomeni ampiamente segnalati, l'evento di Norimberga è solo uno degli innumerevoli avvistamenti di oggetti sferici, simili a piattelli simili a piattelli, cilindrici e cilindrici simili negli ultimi cinquecento anni, a volte con testimoni altamente credibili come piloti commerciali e militari e agenti di polizia . Che cosa è veramente che stanno vedendo?

Nel 1958, anno in cui lo psichiatra e psicologo della profondità svizzero CG Jung celebrò il suo 83 ° compleanno tre anni prima della sua morte, pubblicò un lavoro molto controverso sugli UFO, a quel tempo definiti volgarmente "dischi volanti". Successivamente intitolato Flying Saucers: A Modern Mito delle cose visto in cielo (Princeton University Press, 1979), la preoccupazione di Jung era meno se questi UFO fossero oggettivamente, fisicamente o materialmente o meno che con la loro realtà interna soggettiva, fenomenologica, il significato psicologico e il significato spirituale. (Vedi i miei post precedenti sulla realtà soggettiva e oggettiva.) L'enfasi di Jung sul nostro fondamentale bisogno umano di significato di fronte a un universo apparentemente privo di significato è qualcosa che ha condiviso con analisti esistenziali come Otto Rank, Viktor Frankl e Rollo May. Il significato e il problema dell'assenza di senso sono una delle preoccupazioni ultime della psicoterapia esistenziale. Lo psichiatra Viktor Frankl sentiva che tutti possediamo una "volontà di significato" innata e istintiva: un bisogno intrinseco di dare un senso alla vita, di trovare uno scopo. Quando questo bisogno innato è insoddisfatto o frustrato, quando ci troviamo a vivere in quello che Frankl ha definito un "vuoto esistenziale", ne derivano la disperazione, la rabbia, la depressione e l'amarezza. (Vedi i miei post precedenti sul disturbo della rabbia.) In effetti, il dott. Frankl propose la seguente formula un po 'semplicistica: D = S – M. La disperazione equivale alla sofferenza senza significato. Il significato rende la sofferenza più sopportabile. Quindi, naturalmente, tendiamo a cercare il significato nella vita il più possibile. Vogliamo dare un senso a ciò che sembra insensato. Atrribuire significato all'apparentemente assurdo. Assegna significato per l'insignificante. Sia Jung che Rank, a differenza del loro reciproco mentore, Sigmund Freud, credevano che avessimo bisogno di significative illusioni, miti o credenze religiose per migliorare o preservare la salute mentale. Rollo May, nel suo ultimo lavoro, The Cry for Myth (1991), illustra chiaramente l'importanza psicologica vitale dei miti che aiutano a dare un significato all'esistenza umana. Soren Kierkegaard, un filosofo precursore della terapia esistenziale, sentiva che la vita è fondamentalmente significativa, e che è nostro compito scoprire quel misterioso significato spirituale. Allo stesso tempo, come il filosofo francese Jean-Paul Sartre, la terapia esistenziale riconosce la possibilità che la vita possa essere fondamentalmente priva di significato se non nella misura in cui l'abbiamo coraggiosamente impregnata di significato. Quella vita non ha alcun significato nascosto diverso da quello che scegliamo di darlo. E senza la coraggiosa capacità di tollerare l'insensatezza parziale o completa della vita, siamo, come Freud ha tenuto a riguardo del dogma religioso, suscettibili di credere quasi a tutto per placare la nostra ansia riguardo l'ignoto e soddisfare il nostro insaziabile bisogno di senso.

Ora, più di cinquanta anni dopo la pubblicazione originale del saggio di Jung sulla psicologia del profondo degli UFO, questo enigmatico mistero rimane sia vitale che affascinante: se gli UFO sono oggettivamente reali, cosa significa la loro esistenza e presenza persistente su questo pianeta? E se non sono reali in alcun senso fisico, semplici miraggi, percezioni errate o interpretazioni errate, fantasiose fiabe della nostra immaginazione feconda e significativa, cosa dice di noi? Come disse Pablo Picasso, "Tutto ciò che puoi immaginare è reale." Gli UFO potrebbero rivelarsi fenomeni della nostra stessa creazione? Immagini archetipiche profondamente incorporate memorizzate in e derivanti da ciò che Jung chiamava il nostro "inconscio collettivo"? Ovviamente, data la capacità notevolmente migliorata oggi di acquisire e documentare (oltre che falsi utilizzando sofisticati programmi per computer come Photoshop) avvistamenti con videocamere e videocamere, e la raccolta cumulativa di prove fotografiche e di altro genere disponibili, per negare totalmente il loro fisico l'esistenza fuori mano sembra non solo scettica, ma in qualche modo ingenua e difensiva. Una spiegazione solipsistica, iper-psicologica, unilaterale. D'altra parte, la loro continua elusività, evasività, rarità e la mancanza di una validazione inequivocabile richiede, proprio come la religione, un significativo salto di fede per superare l'assenza di prove inconfutabili della loro realtà. Perché alcuni prendono con entusiasmo questo atto di fede, mentre altri si rifiutano di farlo? Credulità? Ipersuggestionabilità? Psicopatologia? Disperazione per qualcosa di soprannaturale in cui credere? E perché sentiamo così fortemente il bisogno di identificare in qualche modo e spiegare razionalmente questi, per definizione, fenomeni non identificati e irrazionali? È semplicemente la curiosità umana?

L'ignoto è una cosa spaventosa. Come con l'uomo primitivo e fenomeni naturali come eclissi solari o lunari, incendi, inondazioni, tuoni, fulmini, vulcani, terremoti o tornado, tendiamo a temere l'ignoto ea creare storie o miti per spiegarli. Questo ha lo scopo di placare la nostra ansia esistenziale di fronte a questi terrificanti fenomeni. La scienza oggi è riuscita a spiegare fenomeni prima inspiegabili. Ma gli UFO sono qualcosa che la scienza moderna non può ancora spiegare. Le loro caratteristiche e comportamenti riportati sfidano la fisica, sembrano più organismici che meccanici e trascendono qualsiasi proiezione antropomorfica che poniamo su di loro. Sono, come la maggior parte credono, navi spaziali genialmente progettate controllate dai piloti umanoidi? O piuttosto una forma organica di vita intelligente che non possiamo comprendere? Mentre storie di tali visite si sono succedute da millenni, se non più a lungo, il fascino collettivo postmoderno è decollato negli anni '50 in seguito all'infame caso di Roswell, nel New Mexico del 1947, ed è arrivato al culmine cinematografico nel 1977 con il classico Incontro ravvicinato di Steven Spielberg il terzo tipo. Centinaia se non migliaia di avvistamenti e fotografie di strani oggetti nei cieli di tutti i continenti del mondo vengono ufficialmente depositati ogni anno.

Per decenni, iniziando in particolare durante gli anni '50 e decollando con il presunto caso di rapimento di alieni nel Barney e Betty Hill del 1961 in Massachusetts, individui altrimenti sobri e abbastanza razionali hanno raccontato di essere stati rapiti da tali mestieri alieni e dai loro occupanti non umani. Che cosa succede? Isteria di massa? Incubi archetipici? Psicosi? O svegliare la realtà? Realtà o finzione? Il defunto psichiatra e psicanalista di Harvard, John E. Mack, si interessò in modo particolare a questo fenomeno bizzarro, a suo tempo non necessariamente patologico, prendendo e trattando seriamente i sofferenti del cosiddetto traumatico rapimento alieno nella sua pratica privata e nella ricerca clinica.

Sia che si tratti di veri fenomeni fisici o non meno soggettivamente reali per coloro che sperimentano incontri e avvistamenti alieni, istintivamente cerchiamo di farne un significato. La scienza è un modo per imporre un significato razionale a fenomeni sconosciuti. La religione è un'altra. La mitologia è un terzo. In effetti, si può dire che sia la scienza che la religione sono forme di mitologia. I miti esprimono verità esistenziali che sfidano le spiegazioni logiche o razionali. I miti, tuttavia, non sono per nulla necessariamente falsi, come l'uso comune ha. I miti contengono verità archetipe sull'esistenza e sull'esperienza umana. Il mito è come attribuiamo un significato alla nostra esistenza ed esperienza: nessun mito, nessun significato. Il mito è un modo di guardare il mondo, il cosmo, noi stessi e il nostro posto e la relazione con la realtà. Gli UFO, in questo senso, fanno molto parte della nostra mitologia collettiva, sia presente che passata. Il fenomeno UFO (come la "sindrome del possesso" discusso in un precedente post) è uno dei pochi profondi misteri esistenziali che la scienza moderna deve ancora spiegare, nonostante i suoi migliori sforzi. Come Spielberg dimostra in modo così abile e perspicace in Incontri ravvicinati del terzo tipo , la testimonianza degli UFO è associata a un'esperienza profondamente numinosa, spirituale o religiosa. Una ricerca esistenziale di significato. Un'esperienza indimenticabile di stupore, meraviglia e anche gioia infantile. Una conferma che altera la vita e apre la mente del suggerimento di Shakespeare in Amleto secondo cui "ci sono più cose in cielo e in terra, Orazio, di quante ne sogni la tua filosofia".

Allo stesso tempo, c'è un lato oscuro di questa esperienza potentemente numinosa, una profonda paura e terrore del fenomeno UFO, come si può vedere in questi raccapriccianti racconti di rapimenti da parte di mostruosi alieni dagli occhi di insetto dalla pelle grigia che conducono test torturanti su le loro vittime confuse, disorientate e indifese. E la minaccia di invasione, colonizzazione e guerra interplanetaria come raffigurato nella Guerra dei mondi di HG Wells e film come Invasion of the Body Snatchers e Independence Day . In alternativa, film come The Day the Earth Stood Still , Cocoon e ET descrivono gli abitanti degli UFO come esseri benefici e pacifici con poteri simili a quelli di Dio, capaci di beneficiare immensamente l'umanità, a seconda di come ci relazioniamo con loro.

Come buoni angeli custodi, vengono inviati qui per salvarci da noi stessi o per consegnare qualche messaggio o avvertimento cosmico salvavita per deviare il disastro. Ma sono generalmente incontrati con sospetto, ostilità e aggressività, mettendo ulteriormente in pericolo e impoverendo il mondo. Tuttavia una risposta ugualmente pericolosa sarebbe quella di negare ingenuamente il male potenziale che tali potenti fenomeni stranieri potrebbero effettivamente visitare su di noi, una possibilità evidentemente non persa sui nostri vari governi in tutto il mondo.

Può darsi che la nostra fascinazione e il terrore combinati di ciò che è "là fuori" in attesa di essere scoperti nel nostro universo sia una metafora o uno specchio di come ci sentiamo nel nostro universo interiore: quello che gli psicologi di profondità del territorio sconosciuto definiscono "l'inconscio". Forse come nei sogni, proiettiamo i nostri diavoli e demoni personali o collettivi sui fenomeni noti come UFO, ritenendoli una minaccia diretta al nostro senso del sé e del sistema di credenze. Vedendoli come qualcosa di malvagio che deve essere contrastato, attaccato e sterminato a tutti i costi piuttosto che incontrato, compreso e assimilato nella nostra rigida Weltanschauung o visione del mondo. Sicuramente per alcuni, gli alieni percepiti servono in modo difensivo come capri espiatori dallo spazio esterno su cui eventi di vita traumatici dissociati come l'abuso infantile possono essere convenientemente e inconsciamente proiettati e vissuti come perpetrati da questi diavoli demoniaci e onnipotenti stranieri piuttosto che i genitori malvagi offensivi o molestatori di bambini del passato. L'immaginario archetipico di entità volanti invasive – siano essi demoni alati o alieni in astronavi – è abbastanza comune nei sogni e nelle delusioni di veglia della psicosi, che servono come rappresentazioni simboliche delle forze del male che sentono di influenzare il paziente contro la sua volontà. Tuttavia, dal punto di vista della psicologia del profondo, queste "forze del male" inquietanti, sentimenti inaccettabili o impulsi sconosciuti non provengono da qualche fonte esterna come alieni, demoni o diavoli, ma piuttosto dalla nostra psiche inconscia rinnegata. Cogliere l'idea di rapimento alieno o manipolazione telepatica remota serve come un modo per rendere il significato di un enorme caos interno e confusione.

Non c'è dubbio che la percezione degli UFO sia esperienzialmente simile ad altri eventi miracolosi registrati nella storia religiosa, come Mosè che vede il roveto ardente sul monte. Sinai, visite di angeli, fantasmi o manifestazione fisica di un dio sulla Terra. In questo senso, abbiamo bisogno, anzi desideriamo ardentemente questi fenomeni visionari onirici: gli UFO, qualunque cosa siano o non siano, da qualunque luogo arrivino e lo scopo, se esiste, della loro presenza, ci ricordano che c'è ancora molto conosciamo noi stessi e il nostro ambiente Che non possiamo essere completamente e completamente soli in questo vasto universo. Che non possiamo necessariamente continuare a considerarci narcisisticamente il pinnacolo unico e superiore della vita e il centro del cosmo. Che ci sono poteri molto più grandi in gioco nell'universo, nel bene e nel male. E questo, per fortuna, siamo ancora in grado di sperimentare qualcosa che ci elevi dalle nostre vite quotidiane, banali, ordinarie, banali, spesso apparentemente prive di scopo, e ci ricorda, anche se solo momentaneamente, cosa significa essere pienamente, estaticamente vivo in un universo pieno di bellezza, mistero, terrore, pericolo e meraviglia. In effetti, è proprio la natura profondamente misteriosa e mitica degli UFO che, come i sogni, li rende così psicologicamente potenti. Come per tutti i fenomeni naturali o metafisici, una volta che la scienza analizza, analizza e spiega meccanicamente tali misteri, il loro potere numinoso, spirituale e potenzialmente guaritore viene attenuato o perso. Come la religione, la fede nella realtà degli UFO fornisce qualcosa in cui credere per molti che hanno bisogno di vite più significative. Oggi, in un momento di caos culturale e crisi economica, quando molti sono inclini a perdere o mettere in discussione la loro fede, il senso dello scopo e la capacità di trovare la vita significativa e degna di essere vissuta, potremmo aver bisogno degli UFO – qualunque sia la loro origine, natura, missione enigmatica o il significato psicologico potrebbe essere – più di quello che hanno bisogno di noi.

Solutions Collecting From Web of "UFO, Incontri ravvicinati e Il grido del significato"