Uccidere il cartone animato

I titoli rendono il massacro del terrorismo a Parigi un monumentale "scontro di civiltà". Gioca per gioco, la polizia uccide gli assassini. I leader mondiali collegano le armi per le telecamere mentre la "folla più grande della storia francese" si ammassa sullo sfondo. Lo sforzo di cogliere l'attacco dei terroristi ai vignettisti diventa un cartone animato.

I 17 omicidi terroristici sono dolorosamente vividi, sebbene rimpiccioliti dalle vittime del traffico. [1] Il significato dell'atrocità è meno chiaro. Gli avversari gridano le minacce l'un l'altro, ma le loro lamentele e i loro principi sono slogan. Gli assassini hanno affermato di aver massacrato i vignettisti per vendicare il profeta Maometto. "Al Qaeda in Yemen" (!) Ha affermato di punire le politiche francesi. I membri di una folla storica che sostengono la "libertà di parola" hanno proclamato "Io sono Charlie Hebdo".

I terroristi e le vittime hanno entrambi incentivi a rendere il terrorismo un aspetto straordinariamente importante. È facile trascurare motivi familiari che rendono questa immagine tragicamente umana. Lo scontro sulla religione e sulla libertà di parola è anche uno scontro sull'identità. Esiste l'evidente conflitto tra estranei e società consolidata su valori e ricompense, ma anche qualcosa di più profondo: una lotta per sentirsi reali. Vale la pena dare un'occhiata più da vicino.

Come disoccupati di una minoranza di immigrati emarginati e segregati, i tre terroristi di Parigi erano "perdenti" ed estranei. Come tutti gli altri, gli immigrati vogliono un'identità sicura. Come ha detto un camionista musulmano, "vogliamo essere rispettati secondo il nostro valore. Il messaggio, semplicemente, è da considerarsi veramente francese. "Per essere apprezzati, vogliono essere" veramente francesi ", cittadini non estranei. L'autostima, dice l'uomo, ha bisogno di conferma da parte di altre persone, il "vero" francese. Se siamo solo ai margini della società, siamo meno significativi, meno significativi, meno reali di quelli che ci circondano. All'estremo questa è la morte sociale.

Gli immigrati islamici sono in una posizione stressante, presi tra una società tradizionale "a casa" che hanno motivo di andarsene e la società francese sempre più riluttante a "veramente" ammetterli. I terroristi hanno usato il jihad dal mondo "a casa" per cogliere un'identità superiore al "veramente francese". In realtà, naturalmente, il loro "jihad" ha distrutto 17 vittime e anche i terroristi.

Anche se la Jihad ha scarso effetto sulla politica del governo, un massacro sensazionale può sollevare il morale degli insorti e dei guerrieri. A meno che non fallisca.

Considerato in questo modo, l'attacco e le risposte all'attacco sono rituali o persino annunci pubblicitari che cercano di ispirare gli aderenti. Ogni parte sta cercando di aumentare la convinzione e l'appartenenza estatiche che possono superare l'ansia della morte.

Per apprezzare i rituali in competizione, aiuta a ricordare che il sé è un evento, non una cosa. Durante il sonno, ad esempio, il sé svanisce, motivo per cui il sonno è associato alla morte, come i bambini ansiosi ci mostrano al momento di coricarsi. Il senso del sé dipende dalla conferma degli altri, dall'attenzione della mamma alla nascita al saluto usa e getta "Come stai?" Facebook è molto popolare in parte perché fa sentire le persone più consistenti. Più reale.

Gli alfa-animali-eroi ottengono un'attenzione di qualità, mentre le persone in basso subiscono una morte sociale. Come i neri negli Stati Uniti, i musulmani in Francia affrontano la discriminazione e la povertà. Come i neri, sono solo una frazione della popolazione (7-10%) ma il 50% di quelli incarcerati. Con il comando dell'attenzione del mondo, il terrorismo e l'uccisione furiosa promettono di rendere gli eroi infami senza nome. Aggiungi "adorazione dell'eroe" al ruolo e inizi a vedere la psicologia religiosa, come nella jihad, entrare in gioco.

I fratelli Kouachi erano orfani e, come Amedy Coulibaly, uno di loro era un ex detenuto. La prigione li ha esposti al reclutamento jihadista. I jihadisti professano di essere altruisti, ma nel pretendere di vendicare Maometto e Dio, si identificano con l'eroe supremo e la promessa di vita eterna dell'Islam. Alleati con poteri superumani, volevano non solo essere "veramente francesi", ma superare i francesi dimostrando il loro potere sulla vita e sulla morte.

Questa furia ha senso come spinta a sentirsi vivi dopo le emozioni opprimenti della morte sociale. Naturalmente hanno preso di mira Charlie Hebdo, dal momento che i cartoni animati stavano deflazionando le convinzioni di cui la nuova vita dei jihadisti dipendeva. Come immigrati, mezzi legittimi, erano essi stessi caricature di "veri" francesi. Dal momento che erano intrappolati nella morte sociale, non sorprende che abbiano scelto di infliggere la morte agli altri come rimedio. Se dovessi sopportare il tormento della morte, lo farai anche tu.

Per darsi legittimità e fortificare la loro risolutezza, il trio ha cercato di fungere da soldati al servizio di Dio, facendo di tutto per salvare le donne. In realtà, erano assassini scatenati che massacravano le vittime indifese in un attacco a sorpresa e la psichiatria li chiamava "pseudocommandos".

Uccidendo per rendere reale l'identità di una fantasia, i terroristi assomigliano a Ismaayil Brinsley, che ha assassinato due poliziotti di New York City (20 dicembre 2014). Anche Brinsley era disoccupato e in fallimento, da un gruppo marginalizzato economicamente e razzialmente. Brinsley pensò che stava vendicando uccisioni di neri disarmati, e come molti assassini in preda alla violenza si suicidarono dopo. Sebbene i terroristi sapessero che il loro piano aveva una qualità suicida, la prospettiva del suicidio-martirio assicurava che, se messi alle strette, potevano sfuggire ai test di realtà e al ritorno in prigione come nobili. Il tragico paradosso è che uccidere per essere reale è incredibilmente irreale.

Eppure il paradosso non si ferma qui. I sopravvissuti al terrorismo hanno reagito in modi che rispecchiano l'esperienza dei terroristi. Anch'essi reagirono all'ingiustizia e alla morte con sfida e determinazione nel mostrare al mondo che potevano essere "qualcuno". Come i jihadisti, la "più grande folla della storia francese" si unì per godere di una maggiore solidarietà. Anche loro si sono sentiti vendicati e rivendicati quando la polizia ha ucciso gli assassini. Volenti o nolenti, anche loro hanno lottato per l'importanza globale ed eroica per contrastare la morte.

Ciò non equivale ai due lati, ma riconosce che il terrore della morte può mettere in moto un ciclo di ritorsioni basato sullo stesso terrore creaturale. Gli americani hanno illustrato il riflesso reagendo all'11 settembre con la brutale e illegale invasione dell'Iraq nel 2003, che ha ampliato un ciclo di violenza che è ancora in corso.

Per entrambe le parti, in modi diversi, il terrorismo fortifica l'identità stimolando una convinzione estatica di avere ragione. La gente combatte fino alla morte per quello che è giusto perché a livello di pancia, come diceva Otto Rank, se vinci una discussione – se hai ragione – ti senti più vivo, mentre se ti sbagli, uh-oh. Mentre lo uso, il senso di ciò che è giusto è fondamentale. È la comprensione del mondo che genitori e cultura iniziano a instillarti in te alla nascita. Diventa ciò in cui credi, ciò che funziona, ciò che ti fa sentire a casa nel mondo. In fondo, il senso di ciò che è giusto sei tu, reale e naturale come il "tuo" nome, il nome che in effetti qualcuno ti ha dato molto prima che tu possa ricordare. Le culture di tutto il mondo associano l'esperienza della giustezza a idee di onore e reputazione, nonché a leggi e religioni.

La Jihad dà la giusta autorità religiosa. E poiché la parola "jihad" di solito si riferisce alla lotta dell'anima contro il male, il jihad è anche un modo di pensare all'identità. I sopravvissuti fortificano anche ciò che è giusto demonizzando i nemici. Riferimenti all'America come "il grande Satana" aveva il suo equivalente nella fantasia che vedeva nelle foto del fumo sopra le torri gemelle l'11 settembre un'immagine del volto di Satana.

È allettante vedere la tensione tra gli immigrati dalle culture tradizionali e la modernità dell'Europa, ma in realtà nessuno ha una visione pura. In un momento o un altro siamo tutti dati al pensiero magico. I cartoni di Charlie Hebdo, per esempio, possono essere visti come ironici, ricordandoti di rimanere aperto a molteplici prospettive perché prima o poi ogni cosa nella vita rivela alcuni limiti. Ma la satira è anche una critica, e presumibilmente i parigini apprezzano l'arguta esposizione delle debolezze. E per non dimenticare, la satira ha avuto origine dalla maledizione: l'uso di parole e immagini per ferire o uccidere. Ancora più complicato: se sei davvero offeso, se ferisci i sentimenti puoi fare propaganda infiammatoria.

Ci sono alcuni vantaggi nel pensare ai terroristi che lottano con limiti creaturali come fanno tutti noi. Per prima cosa, espone la follia di reagire in modo eccessivo. Il terrorismo funziona solo perché innesca rappresaglie panico e donchisciottesche. Come gli attacchi dell'11 settembre, il massacro di Parigi è meglio inteso come un problema per la polizia e la psichiatria forense che per gli invisibili eserciti demoniaci. Un'occhiata agli americani e agli iracheni uccisi, mutilati o resi senzatetto dalla futile "guerra al terrore" ti dice che reagire in modo eccessivo è invitare la tragedia. Il panico di polizia è tanto una questione morale quanto il terrorismo.

Pensare ai terroristi in termini di motivi creaturali ti ricorda anche quanto possiamo essere ciechi nelle vite interiori degli altri. La Francia ufficiale e il trio alienato si vedevano in termini di stereotipi. Come gli Stati Uniti, la Francia è una società di classe con sofisticata ipocrisia e biasimo. Il primo ministro Valls ha sfidato il tabù riconoscendo la realtà dei ghetti e dell'apartheid. Ma a volte le generalizzazioni non sono sufficienti. Da parte loro, i terroristi dimostrano che uno dei mali del loro indottrinamento è la sua sostituzione di stereotipi politici e religiosi per la simpatia immaginativa. La loro fissazione li rendeva insicuri riguardo alle vite interiori che li circondavano.

Siamo creature ingannevoli e terribilmente vulnerabili, il che rende rischioso moralizzare. La Francia ha offerto la cittadinanza a un impiegato del negozio di alimentari del Mali che ha salvato alcuni acquirenti dagli spari dei terroristi. Puoi lodare quel gesto come un segno di generoso riconoscimento o prenderlo come una provocazione opprimente che dice agli immigrati: puoi essere uno di noi quando mi salvi la vita. Vale la pena notare che i Romani hanno liberato gli schiavi che hanno salvato la vita del loro padrone, e a volte hanno messo a morte un'intera famiglia se non l'hanno fatto.

Gli esseri umani stanno migrando con conseguenze felici e orribili da quando siamo usciti dall'Africa fin da quando. La paura della scarsità e l'essere sopraffatti possono rendere la popolazione sconvolgente, poiché l'immigrazione è in alcuni quartieri dell'Europa e degli Stati Uniti oggi. Ama il tuo prossimo, dice il libro. O come direbbe quel greco, conosci il tuo prossimo come te stesso.

Risorse utilizzate in questo saggio:

Ernest Becker, Fuga dal Male

Elias Canetti, Crowds and Power

GRElliott, The Power of Satire

Kirby Farrell, The Psychology of Abandon

1. Tom Engelhardt, "(sopra) con le braccia in America" ​​(1.11.15). Gli americani sono "statisticamente meno pericolosi di morire per un attacco terroristico di un bambino che ti spara". Hai 2059 volte più probabilità di spararti che morire in un attacco terroristico ovunque sulla Terra. "Hai anche più di nove volte più probabilità di essere ucciso da un agente di polizia come da un terrorista."

Solutions Collecting From Web of "Uccidere il cartone animato"