Uccelli, pallottole e un cattivo ragazzo

Ackerman
Fonte: Ackerman

Recentemente nelle notizie, ci è stato ricordato il ruolo del generale Robert E. Lee nella guerra civile. Sia che dovremmo tenere delle statue per lui che rappresentano la causa per cui ha combattuto, non c'è dubbio che abbia un posto significativo nella storia.

Ma non ho intenzione di affrontare il ruolo di Lee nella Guerra Civile. Sono più interessato a un vero incidente criminale che ha avuto un'associazione con Lee durante la guerra messicano-americana. È rappresentato da un uomo tedesco che fuggì dalla sua terra natale per sfuggire al processo per l'omicidio del sindaco di Bönnigheim nel 1835. Finì nello stesso posto di Lee durante la sua prima battaglia. Quest'uomo, solo uno dei tanti soldati lì presenti, fece una tale impressione su Lee che lo menzionò in una lettera.

Mentre Lee osservava questo membro dei volontari della Pennsylvania soffrire di una grave ferita, gli diede una prospettiva netta sulla guerra. E questa stessa persona risultò essere la soluzione a un caso freddo che aveva perplesso Bönnigheim per quasi quattro decenni. In effetti, era il caso più antico mai risolto nella Germania del diciannovesimo secolo, e l'uomo che alla fine realizzò fu lui stesso un sospetto iniziale.

Questa strana storia è il soggetto del resoconto meticolosamente ricercato e poeticamente raccontato da Ann Marie Ackerman, Death of an Assassin. Ci vuole un vero storico del crimine per rintracciare un incidente così oscuro e coglierne il significato. Ci vuole un vero narratore per trasmetterlo con suspense sapientemente disegnata. Le ho chiesto come lo sapesse, e anche questa è una storia interessante.

"Ho scoperto per la prima volta questo caso", ha detto Ackerman, "mentre studiavo l'avifauna nella mia città tedesca. Stavo scrivendo un articolo per la società storica e la cattedra mi ha regalato un diario del XIX secolo di un guardaboschi locale. Pensava che il forestale avrebbe potuto nominare degli uccelli. Lo ha fatto, ma ha anche parlato di aver aiutato a risolvere un caso di omicidio di 37 anni. La soluzione arrivò dall'America e trovò le prove cruciali che corroboravano negli archivi forestali.

"Ero abituato a praticare la legge penale negli Stati Uniti e fu subito colpito da quanto strano fosse questo caso. Nel diciannovesimo secolo, e specialmente prima dell'avvento del test del DNA, i casi di omicidio venivano di solito risolti entro alcune settimane o non del tutto. Trentasette anni è stato un record-breaker per la Germania del 19 ° secolo. E questo ha stuzzicato la mia curiosità abbastanza da iniziare a rintracciare l'assassino attraverso gli archivi. È fuggito in America. Ma quando ho iniziato la ricerca, non sapevo ancora che Robert E. Lee avesse scritto una lettera su di lui. "

Questo è ciò che rende questo libro così leggibile. Il modo in cui una figura come Lee ha incrociato le strade con un immigrato tedesco che ha ispirato una notazione in una delle lettere di Lee è una favola notevolmente contorta. Altrettanto interessante è il modo in cui Ackerman ha trovato le risorse per supportare pienamente i fatti.

La parte più difficile della ricerca, disse, stava imparando a leggere la vecchia calligrafia tedesca negli archivi tedeschi. "È gotico e le lettere sono tutte diverse. Ho usato alcuni libri di studio per aiutare me e gli archivisti sono stati incredibilmente utili, e alla fine sono arrivato al punto in cui ho potuto leggere i testi. Era anche difficile cavalcare la ricerca su entrambe le sponde dell'Oceano Atlantico. Ho viaggiato negli Stati Uniti due volte nel corso della mia ricerca per leggere materiale in tedesco ospitato presso la Pennsylvania German Society. Ho anche assunto un ingenuo archivista a Washington, che è stato un genio nel trasformare materiale negli Archivi nazionali. "

Oltre all'angolo di Robert E. Lee, Ackerman ha scoperto che, contrariamente ai resoconti correnti sulla nascita della balistica forense, questo caso batte quella data di diversi decenni.

In Francia, nel 1888, Alexandre Lacassagne, patologo e professore di medicina all'Università di Lione, aveva rimosso un proiettile da una vittima di un omicidio durante un'autopsia. Sulla superficie del proiettile, aveva notato sette scanalature longitudinali. Aveva esaminato i barili di pistole che appartenevano ai sospetti e, abbinando i solchi alla canna, identificò quello che credeva fosse stato usato, l'unico che avrebbe potuto fare sette scanalature. Il suo proprietario è stato condannato.

Eppure il magistrato tedesco Eduard Hammer, che indagò sull'omicidio del sindaco nel 1835, aveva usato un approccio simile. Raccogliendo 48 armi da fuoco, esaminò le striature e riuscì a eliminare un sospetto. Non era una scoperta che risolve il caso come quella di Lacassagne, ma la tecnica era a posto ben prima che Lacassagne la usasse.

Dopo aver scritto Beating the Devil's Game, una storia di scienza forense, mi piace vedere gli storici del crimine aggiungere nuovi capitoli e correggere i resoconti ufficiali. Con questo libro, Ackerman stabilisce il suo posto in questo campo. Non vedo l'ora di vedere cosa produrrà dopo.

Solutions Collecting From Web of "Uccelli, pallottole e un cattivo ragazzo"