Twitter può monitorare il rischio di suicidio?

Il suicidio è la decima causa di morte negli Stati Uniti secondo le statistiche più recenti. Nel solo 2009, ci sono stati 36.909 suicidi e quelle statistiche probabilmente non rappresentano il numero totale di morti (molte sono classificate come accidentali). Le statistiche sul suicidio non includono anche l'enorme numero di lesioni autoinflitte con una stima di 472.000 visite al pronto soccorso nel solo 2007. Insieme con le morti o le ferite associate al suicidio, c'è anche l'enorme tributo fisico ed emotivo che il suicidio pone su quelli lasciati indietro, siano essi familiari o amici.

Raccogliere dati sul suicidio è sempre difficile e rende la ricerca sulla prevenzione del suicidio molto più difficile di quanto dovrebbe essere. Identificare le persone a rischio di suicidio richiede di essere consapevoli delle minacce di suicidio mentre si verificano, anche se sono spesso ignorate o diventano evidenti solo dopo il suicidio. In genere le agenzie di salute pubblica e di salute mentale vengono coinvolte solo quando i suicidi chiedono aiuto o dopo un tentativo.

Ma se fosse possibile identificare le persone a rischio di suicidio e fornire loro aiuto quando ne hanno davvero bisogno? Sebbene sia difficilmente praticabile (o legale) intervenire ogni volta che qualcuno fa una casuale minaccia di suicidio, l'ascesa dei social media suggerisce un nuovo modo di prevenire le morti suicidi. I ricercatori hanno appena iniziato a esplorare il potenziale valore di Facebook, Twitter e altri social network nell'individuare individui a rischio e fornire informazioni sulla prevenzione del suicidio.

Facebook ha già lanciato una nuova iniziativa di prevenzione del suicidio in seguito a numerosi decessi correlati a Facebook, molti dei quali coinvolgono persone che pubblicano note di suicidio sui profili. Gli utenti di Facebook che vedono i messaggi di suicidio sulle pagine di Facebook possono ora contrassegnare tali messaggi per l'intervento immediato dei consulenti per la prevenzione del suicidio. Facebook include anche collegamenti al National Suicide Prevention Lifeline negli Stati Uniti per aiutare gli utenti a prendere in considerazione il suicidio.

C'è stato un aumento delle notizie relative ai suicidi relativi a Twitter, inclusa una conversazione su Twitter nel 2009 tra l'attrice Demi Moore e un fan che ha impedito il suicidio del fan. Più recentemente, l'artista hip-hop Freddy E. si è suicidato nel 2013 dopo aver annunciato le sue intenzioni suicide ai fan su Twitter. Dato che Twitter ha già centinaia di milioni di utenti con milioni di tweets al giorno, può giocare un ruolo importante nell'individuare le persone che pianificano il suicidio.

Un nuovo studio di ricerca pubblicato sulla rivista Crisis: The Journal of Crisis Intervention e Suicide Prevention esamina come i fattori di rischio suicidi possono essere monitorati attraverso Twitter. Jared Jashinsky e un gruppo di colleghi ricercatori della Brigham Young University di Provo, nello Utah, hanno utilizzato l'API (Application-Programming Interface) di Twitter per filtrare le conversazioni su Twitter basandosi su un elenco di parole chiave correlate al suicidio. L'elenco di parole chiave è stato creato sulla base di fattori di rischio e segnali di allarme associati al suicidio, precedenti tentativi di suicidio, storia della salute mentale e presenza di pistole in casa.

I termini di ricerca includevano anche parole correlate a bullismo, abuso di sostanze, sentimento isolato e impulsività. I tweet sono stati raccolti e archiviati in un database a rischio e per l'analisi sono stati inclusi solo i tweet che hanno fornito una chiara origine geografica. Ciò consentiva un confronto stato per stato dei tweet legati al suicidio negli Stati Uniti. I tweet che erano o scherzi, di natura sarcastica o comunque non rilevanti erano eliminati.

I tweet di esempio che suggeriscono il rischio di suicidio includevano indicazioni di depressione ("Mi sento così inutile oggi"), abuso di sostanze ("Caro Prozac, tempo per aumentare il dosaggio!"), Precedenti tentativi di suicidio ("Ho provato a suicidarmi prima … diversi volte. "), pensieri suicidi (" Ho avuto pensieri sul suicidio e scappare da casa … e talvolta lo faccio ancora "), e autolesionismo (" La gente dice 'smetti di tagliare, sii felice con chi sei.' è [sic] molto più facile da dire che da … mi odio così tanto … ").

Dei 1.659.274 tweet di 1.208.809 utenti unici in tutto il mondo raccolti tra il 15 maggio 2012 e il 13 agosto 2012, 37.717 tweet da 28.088 utenti unici sono stati utilizzati per lo studio. Come confronto, sono stati utilizzati anche i dati sul suicidio statale per il 2009. Questo era basato sulle statistiche di suicidio del Center for Disease Control per quell'anno e include i dati tratti dai certificati di morte e dai rapporti del medico legale. Basandosi su dati di correlazione che paragonavano la percentuale di tweets suicidi per stato con il numero effettivo di suicidi, gli stati con le correlazioni più elevate erano Alaska, New Mexico, Idaho e South Dakota. I quattro stati più bassi erano la Louisiana, il Maryland, la Pennsylvania e il Delaware.

Complessivamente, sembra esserci una correlazione significativa tra i tassi di tweet legati al suicidio e i tassi di suicidio reali misurati dallo stato degli Stati Uniti. Mentre non c'è modo di verificare direttamente se le persone che fanno i tweet legati al suicidio in realtà si suicidano, i dati sociali disponibili attraverso. Twitter è un modo potenzialmente prezioso per monitorare il rischio di suicidio in tempo reale in molti utenti.

Mentre insegnanti e consulenti sono addestrati per identificare i giovani che fanno dichiarazioni che suggeriscono che stanno pianificando o stanno tentando di suicidarsi, questo è meno pratico per gli adulti o gli adolescenti che nascondono deliberatamente le loro intenzioni di autolesionismo. Affidarsi a dati sui social media come post e tweet di Facebook può diventare parte di una strategia più completa per "twittare" i tweet e seguirli con informazioni on-line sulle risorse di suicidio disponibili. Gli utenti giudicati a rischio di suicidio potrebbero partecipare alle conversazioni su Twitter con professionisti qualificati o altrimenti indirizzati alle agenzie locali per chiedere aiuto.

I programmi che utilizzano Twitter per affrontare i problemi di salute pubblica sono già disponibili. Uno di questi, Twitcident, è un sistema olandese per filtrare i tweet relativi alle emergenze locali che consente al personale di servizio di emergenza di rispondere rapidamente durante le emergenze civili, inclusi i disastri naturali. Sviluppare un sistema simile per il suicidio può essere efficace sia nel prevenire attivamente i suicidi sia nel fornire informazioni per le persone che lo stanno prendendo in considerazione.

Jared Jashinsky ei suoi colleghi ricercatori sottolineano i limiti del loro studio, incluso il rischio di identificare erroneamente le persone come a rischio. Inoltre, gli utenti di Twitter sono principalmente giovani adulti (solo il 9% degli utenti ha 50 o più anni), quindi potrebbe essere meno utile nell'identificare gli anziani che considerano il suicidio. Tuttavia, sembra esserci un chiaro legame tra la percentuale di utenti di Twitter che potrebbero essere a rischio e i tentativi di suicidio negli Stati Uniti.

Mentre Twitter e altre piattaforme di social media continuano ad espandersi, la creazione di nuovi approcci che utilizzano i social media per raggiungere le persone che considerano il suicidio può essere una parte importante delle future iniziative di prevenzione del suicidio.

Solutions Collecting From Web of "Twitter può monitorare il rischio di suicidio?"