È tutto sul potere

aggressione

əɡreSHən /

sostantivo

un'azione o una procedura energica (come un attacco non provocato), specialmente quando si intende dominare o dominare ( Merriam-Webster)

Nel mio post precedente ho mostrato che i famosi esempi di microaggressività apparentemente razzisti non hanno intenzioni malevole. Non sono, quindi aggressioni, micro o macro. Quindi, perché l'addebito della "microaggressione" è spesso efficace?

Forse la malizia è inconscia? Sfortunatamente l'inconscio – il mio, il tuo, il suo – è solo quello, inconscio . Non è accessibile a nessuno di noi e l'affermazione che un motivo sia inconscio è irremovibile. Tuttavia, l'accusa di pregiudizio inconscio è facile da fare e ampiamente accettata.

Perché?

"La società americana è razzista fino al midollo" è un'idea ampiamente proclamata e quasi altrettanto creduta. Nonostante il fatto che quasi tutti i programmi televisivi popolari siano mescolati razzialmente, nonostante il fatto che abbiamo un presidente afro-americano, nonostante le celebrità nere ricevano onori da ogni trimestre, nonostante il costante aumento dei matrimoni interrazziali, nonostante tutti i dati, ci viene detto ogni giorno che gli americani sono irrimediabilmente razzisti.

Quindi, nonostante la sua totale indifendibilità, l'accusa che domande ben intenzionate – è tuo figlio? indirizzato a una donna bianca con un bambino nero. Da dove vieni veramente? indirizzato a una persona scura con un accento straniero, e così via – l'accusa che queste domande siano in realtà un tentativo di "sottovalutare, negare o annullare i pensieri, i sentimenti o la realtà esperienziale di una persona di colore" è sorprendentemente plausibile.

La maggioranza innocente ma lamentosa è fin troppo disposta a credere che possano essere razzisti (qualunque sia il "razzismo" – è un argomento per un'altra volta). Hanno detto che sono colpevoli di microaggressività, anche se le loro intenzioni sono buone, quindi è probabile che ci credano. L'accusa quindi diventa essa stessa un esempio della cosa che deplora. Per chiamare qualcuno un microaggresore diventa esso stesso un'azione aggressiva, perché in realtà è "destinato a [non-così] sottilmente escludere, negare o annullare" i suoi pensieri e sentimenti. Ecco perché la carica funziona sull'altoparlante. Ecco perché si sente male per la sua 'microaggressione', non importa quanto falsa sia la carica.

In altre parole, si tratta di potere . L'accusa di microaggressività o persino di discorsi di odio, quando è diretta a domande e convinzioni ben intenzionate e sinceramente sostenute, è in effetti un modo per controllare chi parla – per farlo tacere.

L' accusa di microaggressività è l'unica vera microaggressività.

Ma che dire dell'ascoltatore? Non c'è dubbio che alcune persone a cui vengono poste domande come "Da dove vieni veramente?" Effettivamente la percepiscono come un insulto e sentono che i luoghi in cui possono ricevere tali domande non sono "sicuri".

Perché sono così sensibili?

Le persone differiscono e ci sono molte risposte a questa domanda. Ma qui ci sono due. Primo: condizionamento . Il costante tumulto sulla razza; le ripetute affermazioni che viviamo in una società razzista; e l'enfasi sulla razza come attributo più importante di una persona – nero = vittima, bianco = privilegio – rende facile vedere anche i commenti più innocenti come razzialmente caricati. Molti giovani neri, ascoltando le parole di George Washington, penseranno quindi allo schiavo proprietario piuttosto che al padre del nostro paese.

Secondo, livello di adattamento. Gli studenti universitari che sentono queste microaggressioni provengono generalmente da famiglie della classe media, famiglie in cui la punizione è minima e le punizioni corporali – sculacciate – inesistenti. Non sono abituati nemmeno a un po 'di dolore, specialmente il dolore da una fonte sociale.

Uno dei principi più antichi in psicologia è che la percezione è relativa. Se sei abituato a vivere in un ambiente che è sempre insipido e privo di minacce, allora anche un minimo di insulto può essere abbastanza da turbare. Quindi l'attuale popolazione di "studenti dei fiocchi di neve" può essere particolarmente sensibile.

Ecco alcune prove: molte università ora ritengono necessario fornire ai propri studenti durante i periodi di esame con giocosi cuccioli affettuosi per "alleviare lo stress". Quante generazioni di studenti in un tempo precedente dovevano sopravvivere senza ricoveri per cani – e lo hanno fatto con lo stesso successo dell'attuale squadra cossettizzata?

Molti studenti moderni sono davvero ipersensibili, creati da genitori di elicotteri e insegnanti timidi di disciplina. Ansiosi e sentendosi "non sicuri" guardano all'autorità per proteggersi da minacce inesistenti. L'autorità, del gruppo o dell'amministrazione universitaria è chiamata a escludere ogni disagio. Da qui le grida per "spazi sicuri" e la fine dei mali della microaggressione.

Ma l'accusa di "microaggressione" è la vera aggressività e mira solo a sopprimere il dissenso. Non sentiamo più.

Solutions Collecting From Web of "È tutto sul potere"