Tutto nel regno animale è in uno stato di essere

So che il titolo di questo post è una dichiarazione abbastanza ovvia da fare. Quello di essere è esistere fisicamente ed essere osservabili ad occhio nudo, o almeno essere evidenti a uno o più dei cinque sensi che servono alla coscienza.

Ma ora è la stagione delle zecche in Connecticut, dove io e il mio cane stiamo con mia figlia per l'estate, e le varietà degli aracnidi succhiasangue conosciuti come zecche sono in gran numero, alcuni appena visibili, altri abbastanza piccoli da essere quasi invisibili. O può mettere a repentaglio la salute del cane e dell'uomo, e una nuova virulenza del morso si è sviluppata nel nord-est che può causare gravi malattie, persino la morte.

Quindi, dopo ogni passeggiata con Gabriel, il mio incredibilmente intuitivo compagno Collie / Pastore, lo ispeziono a fondo. Dato che ha un cappotto spesso come un paio di coperte pesanti, non è un lavoro facile da trovare ed estrarre un segno di spunta. Perché sono disponibili in due taglie, piccole e molto piccole, con piccole zampe che consentono loro di muoversi rapidamente attraverso il pelo peloso del cane e penetrare nella pelle. Cercano anche di sfuggire alla cattura, allontanandosi immediatamente dal perseguire le dita. Eppure, come riescono a percepire il pericolo, essendo così piccoli e apparentemente incapaci di vedere, sentire o odorare, il bene solo lo sa.

Eppure sono ovviamente vivi, ovviamente in uno stato di essere.

All'altra estremità della scala animale, in termini di dimensioni e complessità mentale, si ha l'elefante, tra le più grandi creature della terra, e che opera in modo intelligente attraverso la vita per mezzo della gamma delle sue percezioni sensoriali e dei poteri mentali. È ovviamente in uno stato di anni luce oltre quello del segno di spunta.

Tale è la vasta gamma di consapevolezza (dal segno di spunta all'elefante) che riguarda tutto il mondo animale. Tuttavia, quando si tratta di noi stessi, presumibilmente alla testa del regno animale, possiamo andare oltre l'operazione dei sensi che informa della natura fisica e temporale di ogni avvenimento di cui facciamo parte nel regno dell'immaginazione e contemplazione. Cioè, in uno stato mentale di riflessione, intuizione creativa e idee a ruota libera relative all'importanza significativa di questo o quello, tutti alla fine ci portano a mettere in discussione e forse comprendere il come e il perché di tutto in natura, e di noi stessi in particolare. Tali intuizioni, quando vengono raggiunte, sono spesso descritte come prodezze ispiratrici del pensiero e del sentimento che trascendono la sola funzione dei sensi. E così veniamo coinvolti nelle scoperte della scienza, nelle discipline della filosofia e nelle imprese fantasiose che chiamiamo le arti, tutte cose che informano della natura fisica e temporale di ogni avvenimento di cui facciamo parte e ci dicono di la nostra individualità mentre suggerisco le ragioni della nostra esistenza personale.

Ci definiamo esseri umani, implicando in tal modo che tali stati soggettivi di coscienza ci portano oltre i meccanismi istintivi, organici e biologici che pensiamo definiscano semplicemente esseri animali. E deve essere stato ad un certo punto, quando siamo diventati capaci di vivere questo tipo di vita pensosa e creativa e immaginativa, quella consapevolezza è diventata consapevole di una forza mentale, un sesto senso, che alla fine è stato attribuito ad un qualche potere non biologico chiamato spirito , e in definitiva noto come lo spirito umano che è stato visto emanare dalla centrale elettrica spirituale generalmente conosciuta come l'anima.

Tale sensibilità spirituale risale a molto tempo nell'evoluzione dell'umanità. Non abbiamo documenti scritti più vecchi di circa 5.000 anni fa, ma i dati archeologici rivelano che i fiori venivano usati in alcune sepolture umane da 45.000 fino a 60.000 anni fa. Possiamo solo indovinare il loro ruolo simbolico, ma potrebbero aver rappresentato una continuazione primaverile di spirito e anima oltre la morte del corpo.

Una forma spirituale di essere?

Il segno di spunta sicuramente non si qualificherebbe qui, o lo farebbe? Esistono cimiteri di elefanti, luoghi in cui si dice che vadano per morire per liberare lo spirito dell'elefante.

Ma, come al solito, William Shakespeare riassume tutto quando Amleto, contemplando il suicidio, borbotta (almeno credo che borbotta), " Essere o non essere …".

Tuttavia, André Malraux, il famoso leader francese della Resistenza della seconda guerra mondiale e illustre scrittore e storico ha l'ultima parola:

Il più grande mistero non è che siamo stati gettati a caso

Tra la profusione della materia e delle stelle, ma quella dentro

questa prigione possiamo attingere da dentro noi stessi immagini potenti

abbastanza da negare il nostro nulla.

Il mistero è la parola più importante qui, il mistero dell'essere sia umano che animale. Eppure nella cultura mondiale contemporanea una tale preoccupazione filosofica sembrerebbe avere poca credibilità.

Solutions Collecting From Web of "Tutto nel regno animale è in uno stato di essere"