Tutto il dolore è psicologico

L'altro giorno uno studente di dottorato stava parlando dell'esperienza di dolore "fisico" di un cliente e si chiedeva fino a che punto fosse "psicologico". Prima di affrontare questo problema a beneficio della supervisione, le ricordai perché era così, sebbene la sua domanda avesse un senso in modo colloquiale (e per questo cliente, aveva un senso particolare), dal punto di vista privilegiato di una sofisticata concezione della psicologia, propriamente parlando, tutto il dolore è psicologico. Così, l'ho incoraggiata a sostituire il termine "mentalità" per catturare ciò che stava pensando.

La profonda confusione che circonda questo problema deriva da due punti. Primo, c'è la confusione storica e filosofica che circonda il dualismo mente-corpo. La confusione qui deriva in gran parte da Rene Descartes che molto chiaramente ha diviso il mondo in due sostanze, quella mentale e quella fisica. Per Cartesio, la "mente" era la parte razionale, cosciente e cosciente della psiche. È stato dato da Dio e ci ha separati dal resto dell'universo. Nel mondo di Cartesio, la sostanza delle emozioni e dei sentimenti veniva generalmente considerata come animale, il che significava anche più macchinosi e essenzialmente non mentali. (Secondo Descartes, eseguire un intervento chirurgico su, ad esempio, un cane, andrebbe bene, perché sono essenzialmente robotici.)

Il secondo dominio della confusione è con il termine psicologia, e il fatto che significhi così tante cose diverse. Ad esempio, per il famoso psicologo comportamentale BF Skinner, la psicologia era essenzialmente sinonimo di comportamento. Skinner sosteneva che il comportamento / psicologia esisteva in due vasti domini, che etichettava in modo esplicito (ciò che era osservabile da altri) e nascosto (ciò che non lo era). Per Skinner, il dolore di un mal di denti era considerato un comportamento "nascosto". (Sebbene il comportamentismo radicale di Skinner abbia sicuramente degli errori, la formulazione moderna è molto più vicina a Skinner che a Descartes).

Il mio studente doc non aveva Skinner o Descartes esplicitamente nella sua mente quando usava il termine. Stava usando il termine in un moderno senso colloquiale, in base al quale la psicologia si traduce approssimativamente nella propria mentalità (atteggiamenti, difese e aspettative), che si ritiene sia separata dalla reale esperienza sensoriale del mondo "fisico", sia all'esterno (ad es. , vedere un cane) o all'interno (percepire la fame o il dolore) i nostri corpi. C'è una certa validità al punto che le nostre mentalità possono spesso essere separate dalle nostre esperienze dirette, ma non è utile chiamare il primo psicologico e implicare che quest'ultimo non lo è.

Un esempio potrebbe aiutare a chiarire. Quando mia figlia Sydney era più giovane, aveva un po 'di fobia all'ago. Ogni volta che sentiva l'idea che avrebbe potuto aver bisogno di un colpo, si lasciò prendere dal panico. Ricordo una volta particolare presso l'ufficio del medico quando lei aveva circa quattro anni. Mia moglie in precedenza aveva istruito loro le ansie di Sydney, ma erano occupati e non l'avevano coordinato bene. Quindi, l'infermiera introduce la scena e poi, invece di dargliela subito, viene chiamata via per fare qualcos'altro. Sydney ora sa che sta ottenendo un colpo e nei prossimi minuti lei diventa balistica ed è essenzialmente inconsolabile. Alla fine, lei si stanca e noi la distrassiamo, e, boom, lei ottiene il colpo – e lei reagisce a malapena.

Il più delle volte, Syd era una bambina felice!

Usando la definizione di "psicologico" del buon senso come mentalità di Sydney (traducendosi approssimativamente nei suoi atteggiamenti e aspettative, e le emozioni che ne derivano), possiamo vedere che il suo dolore era per lo più "psicologico" in questo senso. Cioè, il suo disagio era molto più una funzione della sua mentalità di quanto non fosse il colpo effettivo. Infatti, ha dimostrato quasi nessuna reazione allo scatto effettivo, ma ha compensato per 15 minuti in funzione della sua anticipazione dello sparo. E, allo stesso modo, il mio senso del cliente del mio studente doc era che il modo in cui stava pensando al suo dolore stava generando un sacco di ulteriore stress che poteva essere ridotto drasticamente se ci pensasse in modo diverso. (Vedi qui per un blog sui vari livelli e modi di pensare al dolore, in particolare il dolore cronico).

Quindi, se la distinzione tra la propria esperienza diretta e la "mentalità psicologica" ha un senso, perché non possiamo lasciare la definizione del senso comune da sola? Perché contribuisce a un errore di tipo Descartes (vedi l'Errore di Descartes di Damasio) che crea enormi confusioni sulla relazione tra il mondo mentale e quello fisico. Da una prospettiva filosofico-psicologica moderna, è incoerente considerare l'esperienza di Syndey dello scatto effettivo, cioè la sua prospettiva fenomenologica in prima persona della "puntura" affilata dell'ago che sta effettivamente entrando nel suo braccio, come "fisico" (o non mentale) o qualsiasi altra cosa) e i suoi pensieri sull'esperienza come psicologica (o mentale o qualsiasi altra cosa).

L'esperienza reale di Syndey dello scatto – proprio come la tua esperienza di lettura di questo blog – esisteva in quello che alcuni chiamano il teatro della coscienza (ToC, per quelli filosofici inclini, mi piace e sto usando la concezione di questo di Bernie Baars). Il suo toC, il tuo toC, il mio toC e il toC di tutti è un fenomeno psicologico. È una proprietà mentale emergente del cervello. Le proprietà mentali emergenti sono cose come pensieri, sentimenti (sia sensoriali "fisici" che emozionali) e azioni orientate all'obiettivo. Nota che queste entità mentali possono essere implicite (non coscienti, non sullo stadio ToC) o esplicite (consapevoli, parte del ToC). (Ecco un blog su come pensare alla mente).

Il punto fondamentale è che il dolore (e tutto ciò che si sperimenta consapevolmente) è parte del ToC e il ToC è psicologico. Quindi, il titolo del blog: tutto il dolore è psicologico. Che sia psicologico, ovviamente, non lo rende meno "reale". In effetti, come suggerisce il film The Matrix, l'unica cosa a cui hai e avrai accesso diretto è la tua fenomenologia soggettiva. In un certo senso, quindi, è la cosa più reale che ci sia.

_________

PS Alcuni lettori potrebbero chiedersi il termine "dolore psicologico", riferendosi all'essere depressi o in grande sofferenza, ma non al dolore "fisico". Questa distinzione è anche problematica per gli stessi motivi. Tecnicamente, i termini "dolore sensoriale" e "dolore / angoscia affettiva" sarebbero una migliore distinzione. Vedi i livelli del blog del dolore menzionati in precedenza.

Solutions Collecting From Web of "Tutto il dolore è psicologico"