Tutti i serial killer hanno una disposizione genetica?

È così incasinato che noi umani possiamo diventare senza essere geneticamente diversi.

Wikimedia Commons

Fonte: Wikimedia Commons

La domanda “I serial killer sono nati o fatti?” Si presenta inevitabilmente in quasi ogni discussione sui serial killer più famosi e barbari della storia umana (cioè serial killer che non solo soddisfano la definizione dell’FBI di serial killer ma istintivamente facci pensare a loro come mostri sadici, gli assassini che, nelle parole di Emily Dickinson, superano il confine proibito tra finzione / fantasia e realtà.) *

Non sorprendentemente, nessuno conosce davvero la risposta a questa domanda. La risposta più probabile, tuttavia, è che la maggior parte dei serial killer più prolifici e pericolosi erano geneticamente disposti a comportarsi in modo anti-sociale e inoltre cresciuti in un ambiente che coltivava un disprezzo per la vita degli altri.

* [Secondo l’FBI, per fare in modo che un killer diventi un serial killer deve commettere almeno 3 omicidi in un periodo di almeno 3 anni in 3 luoghi diversi con un periodo di pausa emotivo intermedio.]

Disturbo di personalità antisociale

Sebbene non sappiamo se o in quale misura si possa essere “nati” come serial killer di tipo mostruoso, sappiamo che molti serial killer barbari hanno un disturbo antisociale della personalità (non raramente combinato con un ego gonfiato, o narcisismo). Il disturbo antisociale di personalità è il termine clinico per ciò che in modo colloquiale è noto come psicopatia o sociopatia. Il disturbo è caratterizzato da:

  • Un disprezzo per la morale, le norme sociali, i diritti e i sentimenti degli altri.
  • Sfruttamento degli altri in modi dannosi per il proprio guadagno o piacere (tendenze sadiche).
  • Manipolazione o inganno di altri che usano il fascino superficiale, fingendo innocenza o disabilità, o fingendo di lavorare per una causa ammirevole.
  • Una mancanza di empatia per gli altri e una mancanza di colpa o rimorso per nuocere agli altri.
  • Ostilità esplicita o nascosta, irritabilità, agitazione, aggressività o violenza.
  • Una mancanza di paura di situazioni e comportamenti pericolosi che spesso portano all’assunzione di rischi non necessari.
  • Un fallimento nell’apprendere dalle conseguenze delle loro azioni buone o cattive.
  • Una storia di relazioni instabili (comprese relazioni sentimentali, amicizie e relazioni con i genitori).
  • Mancato adempimento degli obblighi lavorativi e finanziari.
  • Cadute ricorrenti con figure di autorità, incluse le forze dell’ordine e talvolta sanzioni, arresti e condanne.

L’ereditabilità del disturbo antisociale di personalità è stimata in 0,38 (o 38%). L’ereditabilità è la proporzione di differenze nei tratti di una popolazione che sono dovute a differenze genetiche piuttosto che a differenze nell’ambiente. Una ereditabilità di 0,38 ci dice che, in media, circa il 38 per cento delle differenze individuali che osserviamo in grado di “socialità” (o “anti-socialità”) sono in qualche modo attribuibili a differenze genetiche individuali. Ciò non significa che il 38 percento della socievolezza di ogni persona (o anti-socialità) sia dovuta ai loro geni e che l’altro 62 percento sia dovuto al loro ambiente.

Quindi, anche se scopriamo che un famigerato serial killer ha un disturbo antisociale della personalità, questo non fa molta luce sul fatto che sia nato o creato.

Ciò che complica ulteriormente dare una risposta ragionevolmente plausibile alla questione dell’ereditarietà è che la maggior parte delle persone con disturbo antisociale della personalità non sono mostruosi serial killer o addirittura criminali. Molte persone con questo disturbo della personalità falliscono semplicemente come esseri umani funzionali, senza quindi commettere crimini. Molti altri prosperano in posizioni di leadership in aziende, organizzazioni senza scopo di lucro, università e persino governi che danno loro il controllo sulla vita di altre persone.

Quindi, anche se hai un disturbo antisociale di personalità, la possibilità che tu diventi un serial killer è estremamente bassa, il che vuol dire che l’ereditabilità del disturbo antisociale della personalità non ci consente di capire se e in che misura i serial killer sono nati o fatto.

Fattori genetici non correlati al disturbo di personalità antisociale

Ciò che complica ulteriormente la scoperta se alcuni tra i serial killer più barbari della storia siano nati o fatti sia che il disturbo antisociale della personalità (a volte con un accenno di narcisismo) è solo una caratteristica potenzialmente ereditaria che comunemente compare tra i serial killer. Sembra che altri fattori genetici potenzialmente non correlati potrebbero anche contribuire alle probabilità di una persona di diventare un serial killer.

Studi hanno dimostrato che una maggiore percentuale di serial killer maschi ha livelli estremamente elevati di testosterone nei loro corpi rispetto a quello della popolazione maschile nel suo complesso (Scott, 2000).

Sebbene possa esserci una connessione tra alti livelli di testosterone e disturbo antisociale della personalità, è probabile che le due condizioni possano scemare. È anche probabile che le differenze genetiche possano parzialmente spiegare le differenze nei livelli di testosterone. Quindi, se l’alto livello di testosterone può innescare tendenze a diventare violente, allora abbiamo un altro fattore che è parzialmente genetico e che potrebbe essere un fattore nell’innescare il tipo di violenza osservata nei serial killer.

I livelli anormali della dopamina chimica del cervello – che è responsabile del piacere e della motivazione – oi recettori (siti di legame) per la dopamina, possono anche essere un fattore che contribuisce. Le persone che hanno naturalmente bassi livelli di dopamina o un basso numero di recettori della dopamina hanno bisogno di maggiore eccitazione per sentirsi stimolati o motivati. A volte solo il brivido supremo può spostarli (questo è uno scenario probabile per il killer Zodiac).

Una caratteristica comune dei serial killer è che cercano il brivido supremo (come descritto nelle lettere di The Zodiac killer). Alcuni sono motivati ​​dalla scarica di adrenalina della caccia, dallo stalking e dalla cattura delle loro vittime e dalla perfezione delle loro capacità; uccidere per loro è uno sport (fx, The Zodiac killer, Robert Hansen “Butcher Baker”, Israel Keyes). Altri sono motivati ​​dall’estremo piacere che ottengono dall’essere in completo controllo della vita di un’altra persona, sia che viva o muoia, quando muoia, come muoia, come si sentano quando muoiono, cosa succede loro dopo la morte, compreso il mangiare loro corpi morti (vedi Jeffrey Dahmer “Milwaukee Cannibal”).

A volte il brivido più intenso per il serial killer viene dal sapere che sono la causa della paura delle persone nelle città in cui operano. Ottengono una profonda soddisfazione dalla sensazione di avere il controllo dei media, delle forze dell’ordine e dei cittadini (vedi Dennis Rader “Bind, Torture, Kill”, David Berkowitz “Son of Sam”).

Anche se molti serial killer violentano le loro vittime prima di ucciderle (fx, Ted Bundy, Gary Ridgway “The Green River Killer”, John Gacy “Il clown assassino”, Michael Ross “The Roadside Strangler”), di solito non è la soddisfazione sessuale da solo che li motiva, ma il controllo che sentono quando prendono spietatamente ciò che non è loro.

Poiché i difetti nella regolazione del sistema dopaminico possono essere determinati geneticamente, questa caratteristica è ancora un altro potenziale fattore genetico che può contribuire a far sì che qualcuno diventi un serial killer.

Come fare un mostro

Ma a volte ciò che le persone che sollevano la questione della natura o della cura vogliono davvero sapere non è il grado in cui i geni sono responsabili della realizzazione di serial killer ma, piuttosto, se una persona che non ha predisposizione genetica potrebbe diventare un serial killer.

È improbabile che avremo mai una risposta definitiva a questa domanda. Ma ci sono diversi motivi per pensare che alcuni serial killer non hanno una predisposizione genetica ad uccidere intenzionalmente, ma sono creati esclusivamente dal loro ambiente.

Una ragione è che l’ereditabilità della composizione esatta dei tratti che portano le persone ad uccidere in modi maligni e in più occasioni è destinata ad essere estremamente bassa. Ma se i geni svolgono un ruolo insignificante, ciò significherebbe che l’ambiente sbagliato potrebbe essere sufficiente per trasformare una persona in un assassino barbaro.

Una seconda ragione per pensare che sia plausibile che i serial killer siano a volte creati dal loro ambiente senza che la genetica composizione di un killer si trasformi in quello che sappiamo dalle interviste con serial killer catturati vivi.

Molti serial killer riferiscono di aver avuto la fantasia di prendere la vita di un altro essere umano. Inizialmente, pensavano che non lo avrebbero mai fatto (fx Ted Bundy). Spesso descrivono il loro primo attacco come elettrizzante ma anche estremamente snervante e così intenso al momento che pensavano che non lo avrebbero mai più fatto.

Tuttavia, il cervello è in grado di desensibilizzare. Questo è un fenomeno che i terapeuti cognitivo-comportamentali usano nella teoria dell’esposizione, una tecnica comunemente usata per liberare le persone dalle loro fobie. Quest’ultimo approccio fa sì che una persona affronti gradualmente le sue paure (ad esempio una paura dei ragni). L’esposizione graduale rende i neuroni della paura meno inclini a sparare intensamente di fronte allo stimolo spaventoso.

Ma le persone possono diventare desensibilizzate senza andare da un terapeuta. L’esposizione ripetuta a qualcosa che inizialmente ti rende estremamente nervoso o psicologicamente interessato può innescare sempre meno. Notari serial killer riferiscono che questo tipo di desensibilizzazione è successo a loro. Mentre il primo attacco era così intenso che pensavano che sarebbe stato il loro ultimo, ogni successiva uccisione era meno spaventosa per loro. È diventato sempre più normale.

Per alcuni mostruosi serial killer, un certo grado di desensibilizzazione accade molto prima del loro primo omicidio. Ted Bundy era ossessionato dal sadomasochismo / schiavitù molto prima che iniziasse a uccidere e anche a sperimentare il furto. Jeffrey Dahmer “The Milwaukee Cannibal” ha sperimentato animali non umani morti e viventi prima di iniziare a uccidere in serie. Edmund Kemper “The Co-Ed Butcher” ha torturato i gatti fin dalla giovane età. Albert DeSalvo, lo Strangolatore di Boston, torturava anche gli animali ed era conosciuto dalla polizia per taccheggio. Charles Albright “The Eyeball Killer” ha sparato ai piccoli animali, che sua madre gli ha aiutato a fare cose. Michael “The Roadside Strangler” stava perseguitando le donne durante il suo secondo anno di college e ha commesso il suo primo stupro durante l’ultimo anno. E, come un ultimo esempio, Gary Leon Ridgway “The Green River Killer” (che presumibilmente ha ucciso più di 90 persone) ha pugnalato un bambino di sei anni (che sopravvisse all’attacco) quando aveva solo 16 anni.

Un possibile fattore ambientale che contribuisce, quindi, è desensibilizzante. Ma ciò richiede che qualcosa motiva la persona a iniziare a fare cose orribili per cominciare. Possiamo immaginare che un bambino gravemente maltrattato inizi ad agire in modi estremi e poi lentamente venga desensibilizzato, sebbene questo desensibilizzatore sia improbabile che sia il fattore predominante.

Il seguente scenario potrebbe rendere qualcuno un serial killer, anche se la persona non ha predisposizione genetica. Da bambino o da giovane adulto, la nostra persona prevista è soggetta a gravi abusi fisici ed emotivi, che lo inducono a recitare in modi sempre più gravi (esempi di assassini che sono stati gravemente maltrattati durante l’infanzia includono Donald “Pee Wee” Gaskins , Edmund Kemper “The Co-ed Butcher”, John George Haigh “The Acid Murderer”, Albert DeSalvo “The Boston Strangler”, “John” Pogo “Gacy” The Killer Clown “, Anthony Sowell” The Cleveland Strangler “e colombiano serial killer Pedro Lopez). Durante il periodo di recitazione o combattimento (forse torturando animali o altri bambini), i bambini vittime di abusi possono sperimentare un tipo di controllo, importanza e scopo nei sentimenti di vita che sono stati gravemente mancati durante la prima infanzia. Questo tipo di scenario, oltre a desensibilizzare i crimini più atroci, potrebbe essere sufficiente per rendere qualcuno un serial killer. Probabilmente è così incasinato che noi umani possiamo diventare senza una predisposizione genetica.

Berit “Brit” Brogaard è un co-autore di The Superhuman Mind .

Riferimenti

Schlecter, H. & Everitt, D. (1997). L’enciclopedia da A a Z di serial killer. Pocket Books. New York.

Scott, SL (2000). Che cosa rende un serial killer tick? Biblioteca del crimine: online. www.crimelibrary.com.

Sears, DJ (1991). Per uccidere ancora: la motivazione e lo sviluppo dell’omicidio seriale. Risorse accademiche: Wilmington, Delaware

Solutions Collecting From Web of "Tutti i serial killer hanno una disposizione genetica?"