Tutte le donne sono silenziose e a volte nude? Hollywood pensa così

Quattro mesi fa ho scritto un post sull'enorme pregiudizio dell'industria cinematografica contro le donne e ho utilizzato i dati dell'iniziativa Media, diversità e cambiamento sociale (MDSC) presso la Scuola Annenberg per la comunicazione e il giornalismo della USC, in particolare il lavoro dei progetti diretti dal dott. Stacy Smith e colleghi, per illustrare i miei punti. Bene, lo stesso gruppo di ricercatori ha appena pubblicato un altro studio, questa volta dei 700 film di maggior incasso tra il 2007-2014. Questo include analisi di 30.835 caratteri in quei film. È più eclatante di prima. Peggio ancora, hanno aggiunto pregiudizi razziali.

Ecco i punti salienti:

Genere-

Solo il 30,2% dei 30,835 personaggi parlanti era di sesso femminile tra i 700 film di maggior successo. Questo rappresenta una proporzione di genere di 2,3 a 1. Più del 200% diverso dalla realtà.

Solo 21 dei 100 migliori film del 2014 sono stati protagonisti di una protagonista femminile o di un co-lead approssimativamente uguale.

Solo l'11% dei 700 film ha cast di genere o ragazze / donne in particolare in circa la metà (45-54,9%) dei ruoli di lingua. Ciò significa che l'89% dei film più importanti degli ultimi 7 anni rappresentano una visione totalmente distorta della realtà quotidiana di genere.

Nonostante i pochi personaggi femminili nel complesso, i presenti avevano molte più probabilità di indossare abiti sexy, mostrare nudità e essere elogiati o meno per la loro attrattività fisica rispetto ai maschi.

Nel 2014, in particolare, nessun attore femminile di età superiore a 45 anni ha svolto un ruolo di lead o co-lead. Ciò è dovuto in gran parte al fatto che Meryl Streep aveva solo ruoli secondari nei film in cui si trovava in quell'anno. Pensa a questo per un momento … chiunque può leggere questo nome con tre donne sopra i 45 anni che hanno avuto ruoli principali nei film di Hollywood negli ultimi dieci anni? Le donne sopra i 45 anni sono uno dei più grandi dati demografici negli Stati Uniti, eppure Hollywood li tratta come se fossero una minuscola minoranza. Su 700 film, un totale di 9.522 personaggi erano tra i 40 ei 64 anni e meno di un quarto (21,8%) di questi personaggi erano donne. Di nuovo, una partenza totale dalla realtà.

Complessivamente, solo il 16% circa dei creatori di contenuti (registi, scrittori e produttori) erano donne. Solo ventiquattro donne hanno lavorato come registi in 28 dei 700 migliori film dal 2007 al 2014. E, naturalmente, i film con almeno uno sceneggiatore femminile hanno più personaggi femminili e più donne dai 40 ai 64 anni sullo schermo di film senza uno sceneggiatore femminile.

Poi c'è il problema della corsa …

Circa il 73,1% di tutti i personaggi erano bianchi (che rappresentano il 62% della popolazione, si vedono i dati del censimento), e il 5% erano latino (che costituiscono il ~ 17% della popolazione e fino al 25% del film che diventa pubblico) .

Nel 2014, solo 17 dei 100 film più importanti avevano un protagonista non bianco o un coproduttore (nonostante il 38% della popolazione fosse non bianca).

Nei 700 film di maggior incasso c'erano solo 45 registi neri (5,8%) e solo 19 registi asiatici (2,4%). Dei tre registi ispanici / latini che posso trovare che hanno realizzato film di Hollywood di successo nel periodo 2007-2014, solo uno proviene dagli Stati Uniti (0,001% contro il 17% della popolazione).

Gli autori dello studio riassumono perfettamente i risultati: "Il panorama del cinema popolare nel 2014 rimane distorto e stereotipato. Attraverso 700 film e oltre 30.000 personaggi parlanti dal 2007 ad oggi, i film continuano a distorcere la realtà demografica del loro pubblico. I personaggi dei film sono prevalentemente bianchi e maschili, nonostante le statistiche sulla popolazione e i modelli di visualizzazione. "

Concludono la loro relazione con una nota leggermente positiva sottolineando che il 2015 sembra migliore rispetto agli anni precedenti (5 registe donne in film ad alto incasso finora quest'anno, più che nel 2013 e 2014 insieme). Menzionano inoltre, con un occhio rivolto ai dirigenti dello studio, che cast molto diversi come quello di Fast and Furious 7 possono avere un notevole potere di guadagno (oltre $ 1 miliardo in tutto il mondo). Ma sottolineano che si tratta di passi molto piccoli e che solo "con uno sforzo e un cambiamento sostenuti, Hollywood può passare da un'industria della disuguaglianza a quella dell'inclusione".

I film blockbuster sono uno degli ultimi elementi culturali condivisi rimasti nella nostra società: i film sono divertenti da guardare e contano. Ciò che vediamo sullo schermo gigante aiuta a modellare come vediamo noi stessi e gli altri. Ma questo nuovo marchio di "magia del film" ci sta facendo casino. Richiedi meglio.

Solutions Collecting From Web of "Tutte le donne sono silenziose e a volte nude? Hollywood pensa così"