Tutta la politica è genetica?

Questo è il secondo di tre post che riflette sull'ascesa di approcci genetici, evolutivi e biologici allo studio della politica. Il post di oggi considera alcune delle ricerche più pubblicizzate e altrimenti più promettenti per identificare basi genetiche e / o biologiche per opinioni politiche e comportamenti.

Quando lo scienziato politico dell'Università del Nebraska John Hibbing apparve sul The Daily Show con Jon Stewart nel dicembre 2008, gli scienziati politici di tutto il mondo sembravano entusiasti. Non necessariamente a causa del contenuto della ricerca di Hibbing, ma perché gli scienziati politici sembravano finalmente ricevere un'attenzione popolare per la loro ricerca.

Il Daily Show non aveva preso spunto dai precedenti lavori di Hibbing, che fecero un enorme successo negli ambienti accademici in cui lui e coautori John Alford (Rice) e Carolyn Funk (VCU) usavano dati gemelli, paragonabili a quelli gemelli, per dimostrare che le opinioni e l'ideologia erano profondamente influenzate dall'eredità. Invece, il segmento si è concentrato su uno studio molto più piccolo pubblicato nella prestigiosa rivista Science . In questo articolo successivo, Hibbing e alcuni collaboratori hanno dimostrato che l'intensità con cui le persone rispondono fisiologicamente a stimoli minacciosi ha predetto le loro opinioni su una serie di questioni politiche. Quindi l'argomento dice che tutta la politica è genetica nella misura in cui la politica provoca i nostri sistemi fisici e psicologici di base.

Ma il tipo di ricerca che Hibbing sta svolgendo presso il Laboratorio di Fisiologia Politica dell'Università del Nebraska (e che è sempre più comune altrove, come il Virginia Institute for Psychiatric and Behavioral Genetics) non rientra nella norma della ricerca in scienze politiche. Gli approcci genetici, fisiologici ed evolutivi alla comprensione della politica erano – e sono ancora – nuovi e non pienamente accettati come credibili. In effetti, lo scetticismo scientifico della ricerca politica genetica e fisiologica è intenso quanto l'entusiasmo per queste teorie e tecniche (qualcosa che toccherà nel post di domani).

Detto questo, la National Science Foundation ha recentemente convocato il gruppo di lavoro sui geni, la cognizione e il comportamento sociale, il cui rapporto del 2011 ha concluso che:

esistono eccitanti opportunità per supportare la ricerca di scienze sociali trasformate biologicamente informate. Mentre questa conclusione ha una valenza positiva, non fa alcun tentativo di dipingere le sfide. Ci sono molteplici sfide inferenziali, intellettuali e culturali inerenti a tali scopi. La principale di queste sfide è l'appetito di alcuni tra i media e il pubblico per affermazioni drammatiche sui determinanti genetici di determinati comportamenti. Questo appetito può allontanare gli incentivi dei ricercatori dai programmi di ricerca credibili e alimentare l'incomprensione pubblica della genetica, della cognizione e della scienza in generale.

Concludono che la genetica e gli approcci biologici alla ricerca in scienze sociali meritano finanziamenti. (Puoi leggere il rapporto completo di 160 pagine del gruppo qui.)

La ricerca biopolitica ha orientato l'attenzione verso i marcatori genetici che predispongono le persone a tratti psicologici politicamente rilevanti come aggressività ed empatia o misurazione di geni, ormoni e reazioni fisiologiche agli stimoli.

Quindi, la prova che ci sono basi genetiche di opinioni politiche è in gran parte indiretta. Ad esempio, un altro studio molto pubblicizzato (gated, ungated) ha rilevato che gli stati che dichiarano di votare per vincere i partiti politici in tre cicli elettorali (2004-2008) hanno cercato la pornografia su internet più degli stati che hanno votato per perdere le parti. Questa evidenza sembra quindi suggerire che le nostre risposte geneticamente evolute al conflitto si manifestino in contesti politici. I dati forniscono prove aggregate coerenti con uno studio precedente (e più piccolo) che ha rilevato che i maschi votavano per aver perso il candidato perdente nelle elezioni presidenziali americane del 2008 (cioè McCain) avevano soppresso il testosterone post-elettorale rispetto a entrambi i livelli pre-elettorali e quelli di Elettori di Obama. Gli autori di quest'ultimo studio altrove riferiscono che le elezioni hanno anche aumentato il cortisolo degli ormoni dello stress tra gli elettori di McCain. Tutti questi risultati suggeriscono che le nostre risposte alla politica sono manifestazioni di sistemi fisiologici e psicologici più generali (che sono, almeno in parte, modellati dalla nostra genetica).

Alcuni studi hanno mostrato relazioni dirette tra geni e opinioni o comportamenti politici. Per esempio, Rose McDermott e colleghi hanno scoperto che il gene della monoammina ossidasi A (MAOA) predice se i maschi reagiscono aggressivamente alla provocazione comportamentale (come quelli che si verificano quando i leader di un paese affrontano l'aggressione militare da parte di altri stati). James Fowler e Christopher Dawes (UC-San Diego) riportano due studi che trovano, rispettivamente, un legame tra il MAOA e il comportamento di voto (gated, ungated) e tra un gene del recettore della dopamina e un comportamento di voto (gated, ungated). Quest'ultimo articolo suggerisce anche che lo stesso gene del recettore della dopamina è correlato con la partigianeria (cioè, essendo partigiano piuttosto che politicamente indipendente).

Molte di queste carte sono "vecchie" in tempo scientifico, essendo state pubblicate verso la fine del primo decennio del XXI secolo. Ma la ricerca influenzata geneticamente e evolutivamente continua. La scorsa settimana all'incontro nazionale annuale della Midwest Political Science Association, la "biopolitica" è stata, ancora una volta, un argomento scottante. Uno dei documenti più interessanti, non ancora disponibile online, è stato creato da Michael Bang Petersen (Università di Aarhus, Danimarca) e colleghi; il documento, "Perché sosteniamo lo stato sociale prima di pranzo: esaurimento delle risorse e attivazione di strategie di condivisione evolute", preso in prestito dalla psicologia evolutiva per sostenere che i nostri sentimenti di fame influenzano la nostra volontà di sostenere le politiche di assistenza sociale: i dati suggeriscono che viviamo la fame ci porta ad essere più solidali.

Un altro articolo, di McDermott e Peter Hatemi (un frequente collaboratore di Hibbing), ha presentato "Vedi cosa vedo? Non se sei un liberale e io sono un conservatore. "Il documento (di nuovo, non online), utilizzava il tracciamento degli occhi per mostrare che liberali e conservatori prestavano attenzione a diverse parti delle immagini politiche presentate sullo schermo di un computer. I liberali erano molto più propensi a concentrarsi sui volti, mentre i conservatori prestavano maggiore attenzione a porzioni di immagini che evocavano paura o simboli patriottici. Il modo in cui vediamo la politica sembra, quindi, essere il risultato diretto di come vediamo il mondo – ei liberali ei conservatori sembrano essere "cablati" per vedere il mondo diverso l'uno dall'altro.

Tutte queste ricerche suggeriscono che gli scienziati sociali devono pensare alla genetica (o almeno alle sue conseguenze fisiologiche) per la comprensione delle opinioni e dei comportamenti politici. C'è motivo di essere scettici su alcune o tutte queste affermazioni – di cui parlerò nel post di domani – ma le prove stanno aumentando il fatto che la genetica gioca un ruolo in quello che siamo. E, come suggeriscono gli studi "indiretti", il nostro comportamento politico è per molti versi semplicemente un'altra manifestazione delle nostre risposte evolute alle situazioni sociali. Comprendere le basi genetiche del nostro comportamento politico (per quanto piccola possa essere questa influenza) serve quindi non solo a spiegare la politica, ma a spiegare la nostra cognizione e il nostro comportamento in modo più ampio.

Solutions Collecting From Web of "Tutta la politica è genetica?"