Tua figlia è una cyberbulla? Ecco come dire

Bevi candeggina e muori.

Questo è uno dei messaggi che Rebecca Sedgwick ha ricevuto nel mese precedente al suicidio.

Sì, ho maltrattato Rebecca e si è uccisa ma IDGA **

Questo è il messaggio che la direttrice accusata avrebbe postato sulla sua pagina Facebook dopo il suicidio. E questo è il messaggio che ha portato lo sceriffo di Polk County Grady Judd a incriminare due giovani adolescenti con un crimine aggravato, il 15 ottobre, nel suicidio della dodicenne Rebecca.

È difficile per i genitori leggere queste affermazioni, ed è orribile immaginare come deve essere stato per i genitori di Rebecca leggere i messaggi brutti che erano indirizzati alla loro figlia. Il mio cuore si rivolge a loro per la loro perdita e per il dolore e il tormento delle sue circostanze.

Come genitore di un bambino di 12 anni, la mia preoccupazione per il caso mi ha spinto a fare ciò che la maggior parte dei genitori probabilmente ha fatto: ho immediatamente cercato di determinare se mia figlia fosse o meno vittima di bullismo.

Quello che non ho fatto, almeno inizialmente, è stato cercare di determinare se lei fosse o meno un autore. La mia brava ragazza? Lei è troppo carina per quello. Inoltre, lei lo sa meglio.

Non a caso, questo è esattamente ciò che i genitori dell'imputato accusato hanno dichiarato ad ABC News. Il suo account Facebook deve essere stato violato, hanno detto. http://abcnews.go.com/US/parents-alleged-rebecca-sedwick-cyberbully-blame-facebook-hack/story?id=20583537

La mia stessa resistenza e quella di quei genitori mi hanno portato a una domanda più difficile: perché noi genitori non vogliamo nemmeno pensare se le nostre figlie siano o meno dei bulli? E se non vogliamo pensarci, allora come possiamo parlare con loro della scelta di un percorso diverso?

Cybersociologists Danah Boyd e Alice Marwick hanno scritto su questo problema. Sostengono che il problema è nell'etichetta: se sei un adolescente e ti identifichi come un bullismo o un prepotente, ti stai identificando come vittima o perpetratore. In altre parole, sei impotente o sei violento. Gli adolescenti non vogliono essere né una di quelle cose. Quindi il termine "adolescenti" preferisce il bullismo è "dramma". Http://www.nytimes.com/2011/09/23/opinion/why-cyberbullying-rhetoric-misses-the-mark.html?_r=0

Allo stesso modo, i genitori potrebbero essere disposti a vedere i propri figli come vittime, ma non vogliono vederli come abusivi. Possono riconoscere che i loro figli possono essere cattivi a volte o possono partecipare al dramma, ma i genitori resistono etichettando i propri figli come "bulli".

La psicologa Susan Eva Porter dice che l'etichetta "bullo" non è poi così utile. http://www.psychologytoday.com/blog/psychological-solution-bullying/201303/the-most-important-book-ever-published-school-bullying

E come ha sottolineato l'esperta di bullismo Rachel Simmons, molti bulli non si percepiscono come bulli, ma piuttosto come vittime stesse che cercano di esercitare potere e controllo o pensano di stare in piedi da soli. Invece di situazioni di bullismo, Porter preferisce riferirsi a situazioni di aggressività infantile. Sottolinea che tutti i bambini possono essere cattivi e possono comportarsi in modo inappropriato. È così che testano chi sono nelle loro relazioni con gli altri. In queste situazioni di interazione, dice, è utile pensare ai giovani come a provare risposte diverse.

Ma alcune di quelle risposte finiscono per essere davvero offensive per gli altri. E il problema con il cyberspazio è che con l'assenza di segnali sociali, i giovani non riconoscono la profondità del dolore che stanno causando. Quando si confrontano con il fatto che hanno inflitto dolore agli altri, molti giovani sono pieni di rimorsi, come il ragazzo che ha ammesso di sentirsi "orribile" dopo che lui e i suoi amici hanno postato battute di stupro e provocazioni suicide che pensavano fossero divertenti ma questo ha reso un bambino di 12 anni che non sapevano di sentirsi minacciato. Vedi http://www.psychologytoday.com/blog/psychological-solution-bullying/201303/the-most-important-book-ever-published-school-bullying

I giovani devono spesso essere guidati a riconoscere che stanno causando dolore.

L'ufficio dello sceriffo della contea di Polk ha richiamato l'attenzione sul fatto che quando i giovani sono coinvolti ripetutamente a molestare gli altri, devono essere resi consapevoli delle conseguenze delle loro azioni.

Sono a disagio nel consigliare ai genitori di adottare un approccio similmente punitivo quando scoprono che i loro stessi bambini stanno partecipando ad azioni dolorose, comunque. Questo può sentire un giovane come se fosse, ancora una volta, vittima di bullismo. I nostri figli possono interpretare questo impulso come un incoraggiamento a reagire con più "dramma".

Questo è un problema serio ora, perché molta attenzione dei media si è concentrata sugli adolescenti che si suicidano a causa del cyberbullismo. In effetti, attirando tale attenzione sui casi di suicidi correlati al cyberbullismo, i media hanno inavvertitamente rafforzato l'idea molto scura che il suicidio è un'opzione. Una persona giovane può sentire che se si uccide, la tempesta di attenzione negativa che ne risulta dopo le conseguenze diventa un ottimo modo per "tornare" a coloro che le causano un dolore così intenso. E nessun genitore vuole questo.

E la preoccupazione di come i messaggi negativi, aggressivi o offensivi possano scalare è resa ancora più intensa ora che Facebook ha deciso di lasciare che i ragazzi condividano i loro messaggi con un pubblico ancora più vasto.

Ma penso che sia importante che i genitori partecipino attivamente nell'aiutare i giovani a imparare a determinare da soli quando provocano dolore agli altri. Ciò significa che hanno bisogno di chiedere di vedere e discutere le interazioni online della figlia e incoraggiare i loro figli a pensare a come quelli che leggono i loro post potrebbero sentirsi in risposta. Come genitori, possiamo modellare l'empatia ascoltando i nostri figli e riconoscendo che stanno facendo del loro meglio. Abbiamo bisogno di modellare l'empatia per loro in modo che possiamo incoraggiare le nostre figlie e i nostri figli a sviluppare empatia per gli altri.

E significa anche che i genitori devono continuare a lavorare con siti di social media come Facebook per intraprendere azioni più forti contro il cyberharrassment. Tale lavoro è già in corso e dobbiamo sostenere il suo rapido sviluppo in modo che i messaggi negativi siano identificati per l'intercettazione il più rapidamente possibile. http://www.theatlantic.com/magazine/archive/2013/03/how-to-stop-bullies/309217/3/

Quindi, come dire se tua figlia è un bullo o no? Bene, la risposta è che se ha tra i 3 ei 23 anni, probabilmente è stata vista come una prepotente, almeno da qualcuno, per almeno un breve momento della sua vita. E lo stesso è vero, senza dubbio, per tuo figlio.

Se possiamo cominciare da lì (e posso già immaginare le molte voci, compresa quella nella mia testa, che dice "ma mia figlia (o figlio) è l'eccezione"), allora possiamo passare a pensare a cosa fare accanto al modello e incoraggiare i nostri giovani a vivere e modellare l'empatia.

Solutions Collecting From Web of "Tua figlia è una cyberbulla? Ecco come dire"