Trump, bullismo e cultura narcisistica

Per quello che è un uomo, cosa ha ottenuto
Se non se stesso, allora non ha nulla
Per dire le cose che sente veramente
E non le parole di chi si inginocchia
Il disco mostra che ho preso i colpi
E ha fatto a modo mio (Sinatra, My Way).

"A modo mio", per Trump significa pavimentare una strada gloriosa etnocentrica attraverso la paura, da un lato, e promettendo un ritorno ai "bei giorni oleosi" dall'altro. Le posizioni di Trump, nientemeno che il suo modo di affermarle (che è stato paragonato alle tattiche intimidatorie trovate nei primi discorsi di Hitler giocano prontamente in norme culturali narcisistiche che hanno prodotto – e continuano a sostenere tacitamente – il bullismo. preoccupazione per / valorizzazione dell'autostima , e 2) la convinzione che l' autoespressione, spesso associata all''autenticità ', sia un diritto fondamentale.

Questi valori egocentrici sono un'arma a doppio taglio, in quanto danno origine a eterogeneità – una tolleranza per, se non la valutazione della diversità – che attenuava silenziosamente ogni chiaro senso di identità culturale. L'eterogeneità globale sfida l'eccezionalismo americano; La diversità propria dell'America sfida la supremazia cristiana dei bianchi. La posizione unica (letta stimata, privilegiata) da cui gli abitanti di una cultura narcisistica si appropriano tacitamente del mondo è stata ripetutamente chiamata in causa. La piattaforma politica di Trump equivale a un rifiuto di quella domanda / un tentativo di ripristinare uno specchio dorato (culturale), riposizionando gli americani (io e te) al centro

Il punto in cui la doratura di questo specchio si sovrappone alle sue qualità riflessive è precisamente il punto in cui il narcisismo di Trump sfocia in bullismo. La sua prospettiva (su qualsiasi cosa, da Megyn ai messicani ai militari) è oggettivata e propagandata come fattuale, consentendo a se stesso e alla sua piattaforma di essere veramente sinonimi. Trump non si preoccupa di altri punti di vista – o anche di fatti "spiacevoli" – perché crede sinceramente che la sua candidatura (che è coeva con valutazioni sia personali che politiche) trascende tutte le altre considerazioni. Lui denigra e respinge i detrattori non meno della stessa Costituzione perché, da bullo narcisista, è convinto che i fini – i suoi fini – giustificano i mezzi. (E se il fine giustifica i mezzi, qualsiasi legge o contraddizione insignificante può essere aggirata, come ben sa Trump: "se dici una bugia abbastanza grande e lo dici abbastanza spesso, sarà creduto.")

La presa in giro e gli abusi lanciati contro i detrattori (chiunque "non-americano" abbastanza da avere punti di vista alternativi) è sostenuto da un senso di patriottismo che si sposa bene con gli elementi psicosociali che hanno cospirato per produrre la "generazione di me". i baby-boomer diventarono genitori, la loro preoccupazione per l'autostima fu tradotta in genitorialità incentrata sul bambino, che, a sua volta, produsse una cultura del diritto. (la "generazione me-me", che si esprime / costruisce le proprie identità su piattaforme sociali ME -dia con i loro telefoni, i pod , i miei orologi e i miei mac). Coloro che sono investiti in questo diritto, specialmente i neo-liberati, che non possono più permettersi la linea dei Sogni Americani dietro Trump per respingere la de-differenziazione culturale e il decentramento del "modo di vita americano".

In breve, il fenomeno pubblico che è "Trump" è impalcato da paure culturali che sono legate a un narcisismo scritto in grande (una credenza privilegiata) nel dominio / rispetto globale a cui noi e i nostri figli abbiamo diritto.

Tuttavia, anche se siamo in grado di convincerci che questo patriottismo smentisce un fatto culturale – che "noi siamo il numero uno" – siamo tutti, nondimeno, solo gli apprendisti di Trump.

Solutions Collecting From Web of "Trump, bullismo e cultura narcisistica"