Trump and the Psychology of Pro Wrestling

Marissa Alexa McCool/Flickr
Fonte: Marissa Alexa McCool / Flickr

Di Marissa Alexa McCool

__________________________

Nulla può essere paragonato al momento giusto prima che tu esploda attraverso la tenda. I riflettori ti stanno aspettando, la tua colonna sonora è esplosa dagli altoparlanti – l'adrenalina prende il sopravvento. Quando esci nell'arena, che tu sia un "volto" (bravo ragazzo) o un "tacco" (cattivo), una volta che i fan ti possono vedere, non sei più il tuo io quotidiano. Tu sei quello che devi essere per compiacere o provocare tutti quei fan incoraggianti.

C'è molto che tutti possiamo imparare dalla lotta professionale che altrimenti sarebbe molto sconcertante. Prendi in considerazione Donald Trump. Un gran numero di americani, a favore o contro di lui, sono stupiti dal suo comportamento, che contrasta così drammaticamente con quello che abbiamo visto prima da una figura di alto profilo nella vita politica. Questo perché ero un wrestler professionista.

Marissa Alexa McCool/Flickr
Fonte: Marissa Alexa McCool / Flickr

Lasciatemi spiegare. Non sono entrato in un ring di wrestling professionista dal 2011, tuttavia a volte mi avvicino alle situazioni come farebbe un wrestler professionista. Userò la musica per pubblicizzarmi per un esame finale, o risponderò durante un dibattito come se stessi contrastando la promozione di un altro lottatore. Eli Bosnick, il comico, attore e mago meravigliosamente creativo, ha detto molte volte che "tutto è in lotta". Questo è certamente il punto per il nostro attuale capo-tallone, o cattivo uomo capo, Donald J. Trump . Per quelli di voi che non lo sanno, The Donald è presente nell'ala "celebrità" del World Wrestling Entertainment Hall-of-Fame!

In una delle trame più meritevoli che posso ricordare (e questo è molto), Trump è stato sfidato da Vince McMahon, CEO di World Wrestling Entertainment (WWE), in un incontro tra capelli e capelli al "WrestleMania 23" evento. Per fortuna, loro due non combatterono davvero. Invece, sia Vince che Donald hanno avuto campioni che hanno lottato per loro. Tuttavia, quando arrivò il giorno della conferenza stampa, Donald non si prese la briga di ottenere il nome giusto del suo campione (chiamando invece Bobby Lashley, Bobby "Lindsay").

Ci sono stati alcuni punti salienti quando il Sig. Trump e il Sig. McMahon hanno lottato. Uno era Stone Cold Stunner che Mr. Trump (sì, lui e non il suo campione) ha preso sul ring. The Stunner prende il nome da "Stone Cold" Steve Austin, un attore ed ex wrestler che è una leggenda nel wrestling professionista. Anche se non hai mai seguito il wrestling nella tua vita, ci sono buone probabilità che tu abbia sentito o visto qualche allusione ad esso. Le camicie di "Austin 3:16" erano onnipresenti verso la fine degli anni '90, e così pure la fama della sua mossa caratteristica. In effetti, ora ci sono meme che girano attorno al Presidente per ottenere il "Stone Cold Stunner".

Jerichobook/Imgflip
Fonte: Jerichobook / Imgflip

Ripensando al giorno in cui, quando Mr. Trump e Mr. McMahon hanno lottato, è davvero sorprendente che mentre Trump doveva essere il volto e McMahon il tallone; in realtà il signor McMahon e Trump-as-president hanno molto in comune. Il Donald, come McMahon, è una figura autoritaria dalla mano pesante – uno che è facile da odiare, perché è così bravo a picchiarci finché non siamo rabbiosi. Proprio così: come puoi immaginare, Donald Trump farebbe un tremendo tacco da wrestling professionale!

Essere un tacco è una scelta naturale per lo stile di Donald Trump: può dire qualunque affermazione oltraggiosa è nella sua mente, non c'è bisogno di preoccuparsi di conseguenze o risposte. Insiste sul fatto che la sua presenza sia vista e onorata, sfidando chiunque sia abbastanza sciocco da negare la radiosa grandezza della sua esistenza. Come un tacco nel wrestling, hai la libertà di scatenare qualsiasi insulti infuocati che senti nel momento. Il segreto per essere un buon wrestler è avere un personaggio che sia immediatamente identificabile e riconoscibile – un archetipo, sia dalla parte del bene che del male.

Quante persone possono dire che vogliono lanciare l'uccello a Donald Trump adesso?

Un tacco, nel mondo del wrestling professionistico, ha due missioni: fare in modo che i fan fischino loro e fornire una potente impronta per il viso, in modo che il volto possa dimostrare il loro carattere di simpatia. I tacchi sono disponibili in diversi gusti. Alcuni sono a pelle sottile e reattivi. Trump è uno di quelli, con i tweets critici o le notizie che incitano in modo affidabile a una reazione feroce. Quando nulla di specifico sta andando a causare il dramma, lo farà accadere, e un tallone è spesso invocato per farlo se la partita perde l'interesse del pubblico.

Immagina Trump come personaggio di wrestling: sparare tweet a chiunque non sia d'accordo con lui, usando un semplice linguaggio infiammatorio; fare appello a determinati dati demografici (o almeno alcune persone in quei dati demografici) denigrando gli altri; e abbattere i suoi avversari con scarso riguardo per la verità. Pensa, ad esempio, a lamentarti del cast di Hamilton o dei cosiddetti "Judges" su Twitter. L'uso intenzionale di Trump del linguaggio incendiario attira l'attenzione. Quando ha licenziato Sally Yates, il procuratore generale che si è rifiutato di eseguire il divieto di viaggio dei musulmani, il suo memorandum di partenza l'ha definita "molto debole per la sicurezza". Si tratta di una reazione, vero?

Quanta parte di Donald Trump è davvero un atto accuratamente inventato, e quanto di spontaneo è solo Donald, e probabilmente non lo sapremo mai con certezza. Tuttavia, in entrambi i casi, il comportamento segue il modello del tallone da wrestling in modo abbastanza affidabile.

Guarda, ho capito; è attraente avere qualcuno così diretto, carismatico e interessante. I migliori personaggi di wrestling sono stati descritti come "i loro sé autentici ma con il volume trasformato a 11." Il Presidente degli Stati Uniti ora sta incoraggiando persone in tutto il mondo a dargli un pugno in faccia, e nel mondo reale al di fuori del wrestling professionistico, ha conseguenze molto più pericolose di un Stone Cold Stunner.

Ciò di cui abbiamo bisogno ora è una faccia. Forse Elizabeth Warren è quella che può essere la pietra fredda per il suo Vince McMahon. Grazie alle parole di Mitch McConnell mentre la faceva partire dal piano del Senato, "tuttavia, ha insistito" è diventata una frase perfetta per il wrestling. Il volto potrebbe facilmente essere un repubblicano, come evidenziato da Intentional Insights, con l'esempio di John McCain che critica gli sforzi di Trump per soffocare una stampa libera. E se abbiamo mai avuto bisogno di un motivo per rallegrare un campione del viso per salvare la giornata , nevica.

Ma, a suo credito, Donald Trump è il primo presidente degli Stati Uniti ad aver ricevuto un Stone Cold Stunner!

Marissa Alexa McCool è l'autrice di The PC Lie: Come gli elettori americani hanno deciso che io non sono importante e che ho iniziato male: un romanzo . È ospite di The Inciting Incident Podcast, autore della colonna di wrestling In Laiman's Terms, il suo blog e la sua scrittura freelance. Può essere seguita su Facebook, su Twitter su @RisMcCool e sul suo sito RisMcCool.com.
__________________________________________________________________

Solutions Collecting From Web of "Trump and the Psychology of Pro Wrestling"