Trovare una prospettiva utile in tempi difficili

cc0 Public Domain
Fonte: cc0 Public Domain

Il seguente saggio è stato pubblicato nell'edizione di dicembre 2016 di Womankind Magazine come "Scegliere la speranza". È stato scritto nell'agosto 2016 quando infuriavano le politiche di divisione delle elezioni presidenziali americane. Da allora, abbiamo eletto un nuovo presidente e la divisione nella nostra comunità e in tutto il mondo sembra aver raggiunto un nuovo massimo. Le persone stanno cercando di trovare le loro voci, combattendo per i diritti civili e la giustizia. Ho il cuore spezzato nel constatare che il mio saggio è particolarmente attuale perché è costruito attorno a una storia dell'analista junghiana, Clarissa Pinkola Estés, sulla lotta del suo zio immigrato per una prospettiva utile in tempi difficili. Condivido il saggio qui con il permesso.

Il Buddha osservò l'impatto della prospettiva quando disse: "La vita è una creazione della mente". Shakespeare disse in questo modo quando disse: "Non c'è niente di buono o cattivo, ma il pensiero lo rende così". E lo psicologo William James scrisse: "Solo quelle cose che ho notato modellano la mia mente". La prospettiva influenza tutto. Quello che succede nella vita è solo una parte della storia; la prospettiva spiega ciò che vediamo e il significato che ne facciamo.

Più mi immergo nell'atmosfera psicologica della nostra cultura di oggi – attraverso notizie, giornalismo, social media e conversazioni con colleghi, pazienti, amici e familiari – più mi preoccupo di essere plasmato per vedere il mondo da un negativo prospettiva, attraverso un obiettivo decisamente cinico. Siamo bombardati da immagini di terrorismo, violenza, disonestà, manipolazione e avidità. Nel nome dell'autoprotezione, ci viene insegnato ad essere alla ricerca di ciò che è sbagliato e di prepararci al peggio. Ci viene insegnato a mantenere le nostre porte, i nostri cuori e le nostre menti, chiusi e chiusi a chiave.

Molte persone potrebbero non rendersi facilmente conto che questa è una prospettiva; non è la Verità con la maiuscola T. Sì, viviamo in un mondo che ha i suoi pericoli ed è saggio essere cauti a volte. Sì, le persone si feriscono a vicenda, a volte intenzionalmente e in modo crudele, ed è saggio proteggere i nostri cuori in una certa misura. Ma ci stiamo configurando per vedere il pericolo e la violenza come la prima e l'ultima parola sulla condizione umana. Molte persone hanno collegato questa versione della storia umana all'influenza del denaro nei media e nella politica. La paura vende; la violenza vende. Ma questo cinismo cinico dall'ansia è solo una prospettiva – e non particolarmente favorevole.

Come psicoanalista, mi sento in dovere di far luce su questa dinamica, conoscendo il modo potente in cui la nostra prospettiva influenza il modo in cui viviamo le nostre vite. Quando cerchiamo il male, lo vediamo e rispondiamo in natura. Ma lo stesso vale per il bene. Wayne Dyer disse in modo succinto quando scrisse: "Se cambi il modo in cui guardi le cose, le cose che guardi cambiano".

Nel suo piccolo libro, The Faithful Gardener , lo psicanalista junghiano Clarissa Pinkola Estés offre una prospettiva alternativa al cinismo: la speranza. Racconta una serie di storie sagge, attingendo alle sue esperienze di giovane figlia adottiva che vive in un villaggio rurale a circa 100 miglia a ovest di Chicago. La sua famiglia adottiva era immigrata e si stabilì lì sulla scia della seconda guerra mondiale, compiendo sforzi continui per trovare e poi trasferire i loro parenti che erano stati detenuti nei campi nazisti molto tempo dopo la fine della guerra. La storia centrale presenta un uomo anziano conosciuto come lo zio, che era stato traumatizzato dalla crudeltà di cui era stato testimone ed era stato devastato emotivamente da tutto ciò che aveva perso. Sequestrato dalla sua solitudine e dal suo silenzio autoimposti, solo la sua nipotina poteva ricavare la speranza che era ancora nel suo cuore.

Il Dr. Estés racconta la triste storia di come la loro nuova vita in America abbia effettivamente traumatizzato la sua famiglia adottiva, e in particolare lo zio. Dopo aver appena iniziato a trovare sicurezza e tranquillità nel loro villaggio, la famiglia ha ricevuto la notifica che la loro terra era necessaria per una nuova strada a pedaggio. Il governo avrebbe "annesso" tutte le case del villaggio, compresi i campi e le foreste, i luoghi che erano diventati sia il loro rifugio fisico che il loro rifugio emotivo. "Allegato", hanno scoperto, era un eufemismo per "portare via e distruggere". Lo zio quasi ha avuto un guasto.

Come va la storia, il giorno in cui è iniziata la demolizione, lo zio ha inveito e ha protestato contro l'arrivo dei bulldozer, poi è caduto stancamente in una pozza di lacrime. Devastato, si ritirò in quella nebbia familiare di sofferenza come aveva fatto durante la guerra. Testimoniare il giardino delle loro nuove vite rase al suolo, la disperazione e la depressione avrebbero dovuto portarlo. Ma loro no.

Una mattina, forse qualche settimana dopo, lo zio andò nel capanno del giardino e tirò fuori i suoi attrezzi. "Sto facendo qualcosa!" Gridò. Si diresse verso un piccolo appezzamento di terra, l'unica sezione rimasta dalla devastazione del "progresso". E cominciò a scavare. Alla fine della giornata, con l'aiuto dei vicini che erano venuti a dare una mano, aveva scavato una trincea stretta lunga quasi un miglio. Poi, dopo il tramonto, lo ha dato alle fiamme.

cc0 Public Domain
Fonte: cc0 Public Domain

Questo è dove la lezione è rivelata. La mattina dopo, la giovane Clarissa chiese a suo zio perché avesse dato alle fiamme la terra e quali semi avrebbe piantato nel nuovo terreno. Mentre toccava la terra nera e bruciata, lo zio rispose: "Sto preparando il terreno. Non seminerò nulla. Tutto quello che posso fare è inviare l'invito. "Continuò a dire che sperava che una foresta sarebbe cresciuta lì un giorno, lungo il lato della strada a pedaggio. Tuttavia, se piantano semi, gli alberi non crescono. Il dott. Estés scrive: "I semi della nuova vita non troveranno ospitalità o motivo per riposare qui se non lo lasciamo sterile, a meno che non lo lasciamo nudo così che una foresta di semi lo troverà ospitale".

Lo zio credeva che fosse suo compito creare uno spazio aperto e fertile e inoltre credeva che, se lo avesse fatto, sarebbero arrivati ​​i semi della crescita. Sperava che gli uccelli dell'aria, le creature della terra, il vento e la pioggia portassero i semi e le condizioni che questo terreno aveva bisogno di recuperare e produrre la sua generosità. Anche di fronte a tanta sofferenza, al passato e al presente, lo zio ha scelto di credere che il bene sarebbe arrivato ancora.

Ti racconto questa storia per dimostrare che la speranza è la prospettiva più utile che noi esseri umani possiamo prendere in questo nostro fragile mondo. La speranza comporta la creazione di uno spazio nei nostri cuori e nelle nostre menti in cui aspettiamo in attesa del bene che verrà. La speranza si basa sulla fede, poiché la fede inizia con la credenza nella bontà stessa – che c'è una persona amorevole o qualcosa là fuori da cui possiamo contare. Faith crede che questa bontà sia affidabile e capace, e la speranza crede che ci porterà sulla nostra offerta perché è generosa e vuole fornire.

La storia dello zio è tridimensionale. Riguarda tremende sofferenze, traumi e perdite. Ma è più di questo. È anche una storia sulla capacità di recupero e determinazione di un uomo, su una famiglia che si è preoccupata abbastanza di cercarlo quando era perso e di dargli il benvenuto in una nuova casa, su una bambina che è riuscita a intenerire il suo cuore. È una storia di seconde possibilità. E questa bontà è ciò che lo zio ha scelto di vedere e ciò a cui ha resistito mentre scavava la fossa, bruciava il terreno e aspettava con ansia i semi e la pioggia.

Emily Dickinson ha detto che la speranza ispira il bene a rivelarsi. Quando cerchiamo il bene, siamo più propensi a trovarlo. Quando accogliamo il bene con cuori e menti ospitali, è più probabile che venga. Nel nostro cinico mondo, si è tentati di respingere una prospettiva tanto prospera quanto ingenua e sciocca, una sciocca negazione della realtà del dolore e della sofferenza. Ma come la storia dello zio ci mostra, è in realtà di fronte al dolore e alla sofferenza che la speranza fa del suo meglio.

Copyright 2017 Jennifer Kunst, PhD

Per favore condividi questa storia!

Per ulteriori informazioni su Dr. Kunst, visitare il suo sito Web all'indirizzo www.drjenniferkunst.com

Solutions Collecting From Web of "Trovare una prospettiva utile in tempi difficili"