Trovare l'umorismo nella tristezza (e nei mostri)

Abbiamo tutti le nostre ossessioni. Non riesco a smettere di pensare a pancake e Batman. Nel caso dello scrittore comico Frank Lesser, che ha scritto per il tanto mancato Colbert Report , questa ossessione è mostri: tristi. Quando si è ritrovato a scrivere un pezzo dopo l'altro su litigiose scimmie giganti, vampiri fobici, solitarie Meduse e divoratrici di oscurità passiva-aggressiva, alla fine ha raccolto quei pezzi umoristici in Sad Monsters , uno dei migliori libri di umorismo che abbia mai letto. Lesser ha assolutamente inchiodato un concetto unico, e la sua commedia ha rivaleggiato con quella di Jack Handey. Ho mandato un'email a Lesser per saperne di più su mostri, commedie e perché quel goblin sotto il mio letto non smetterà di singhiozzare.

Mark: Hai scritto un intero libro di umorismo mostruoso, che potrebbe qualificarti come un mostro. Cosa rende i mostri così divertenti?

Frank: La vera domanda è cosa rende i mostri così tristi, perché è questo che li rende così divertenti. Commedia = tragedia + tempo + creatura. (Quella risposta potrebbe davvero farmi diventare il vero mostro.) Ma ho una coscienza pulita che li prende in giro: non esistono mostri, e non è come se fossero simbolici delle peggiori azioni e dei desideri dell'umanità o altro …

Forse era una formula facile, ma mi piaceva scrivere di creature fantastiche che si occupano di problemi molto umani – come una mamma con problemi di immagine corporea che desidera essere stata avvolta verticalmente perché sarebbe più snellente, o demoni ficcanaso che postano online sulla loro possedimenti mancati. E poiché non mi piace scrivere di me stesso, mi è piaciuta la distanza che è venuta con la scrittura sui mostri. Mi ha dato una negazione plausibile: "Dai, non sono un fantasma sconvolto dalla sua ex fidanzata che esce con il Cavaliere senza testa! Sarebbe ridicolo! "

Mark: è una grande formula. In sostanza, hai creato un sacco di scontri tra elementi di contesto che si tengono insieme molto bene. Mi riferisco a non voler scrivere di te. Niente mi annoia più di me.

Avevi intenzione di scrivere un libro con un tema mostro o si è appena evoluto? In quale periodo di tempo hai scritto i pezzi? E stai ancora scrivendo sui mostri?

Frank: Ho provato a variare il tono / formato (monologo, diario, ecc.), Anche se sono abbastanza sicuro che i lettori non avessero familiarità con le "convenzioni dell'umorismo", pensavano che fossero solo storie improvvisate.

Non pensavo davvero di scrivere un intero libro sui mostri. Dopo alcuni anni in The Colbert Report , ho finalmente trovato un modo per far sì che le persone normali chiamassero "tempo libero", così ho iniziato a scrivere, e tutto è finito sui mostri tristi. Ho ancora bisogno di parlare con un terapeuta. Ho scritto i primi due pezzi probabilmente un anno prima del resto, e loro corsero su Slate ; e quindi probabilmente ho passato un buon anno alla prima stesura. Forse di più, forse di meno? Tutto quello che so per certo è che avrei dovuto scrivere una sceneggiatura. O sottoponendo a terapia.

Per quanto riguarda se sto ancora scrivendo di mostri, beh, pensavo di averlo estratto dal mio sistema con il libro, ma in realtà sto sviluppando una commedia televisiva con alcuni elementi mostruosi. Sarò vago qui, quindi potrò in seguito rivendicare tutte le commedie a tema mostro come imbrogli.

Mark: Ho immaginato che la cosa del mostro si sia evoluta, molto simile a un clone in una tana sotterranea. Per me, questa è la cosa più divertente della scrittura: capire le ossessioni che non sapevi nemmeno fossero ossessioni. Buona fortuna con lo show televisivo monster-y. Non vedo l'ora di saperne di più in futuro.

Scrivere commedie per Stephen Colbert deve essere come imparare a combattere il crimine da Batman. Che cosa hai imparato della commedia da Colbert? (Forse qualcosa sulla psicologia della commedia, dato che questo è per Psychology Today ).

Frank: Beh, è ​​come imparare a combattere il crimine da Batman quando hai un'altra dozzina di Robin in giro. È una benedizione e una maledizione: da un lato, sai che il ragazzo che taglia le tue battute è un genio comico (e probabilmente anche un genio regolare), quindi non puoi essere come, "Non gli piaceva la mia battuta? Beh, quel cretino non sa niente! "Invece, sei tipo," Aw, a Stephen Colbert non piaceva quella battuta? Mannnnnn, io suuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuu

Penso che la cosa più importante che ho imparato – e questo fosse dovuto all'ambiente di lavoro – è che devi scrivere quello che pensi sia divertente. Se lo stai fingendo, se stai scrivendo uno scherzo perché qualcuno ti ha detto di scriverlo, o se non sei onesto con la tua sensibilità, non funzionerà altrettanto bene. E ovviamente, un sacco di volte dovremmo scrivere di argomenti che ci sono stati assegnati, ma ci hanno lasciato scrivere le battute che volevamo scrivere su di loro. Stephen e gli altri sceneggiatori avrebbero scelto e scelto quali battute l'avessero portato naturalmente, ma non mi sono mai sentito come se stavo scrivendo uno scherzo che è stato disonesto, se questo ha senso.

Mark: È fantastico che tu sia stato incoraggiato ad essere così originale, anche quando scrivi per un personaggio così specifico. A parte il tuo mostro, come descriveresti la tua sensibilità? E chi sono gli scrittori o interpreti della commedia che hanno influenzato la tua sensibilità?

Frank: Penso di avere una sensibilità insolita, strana. Buio, ma non troppo scuro. Come, tra l'oscurità e l'arrosto leggero. Half-caf umorismo oscuro? Penso che l'umorismo scaturisca dall'inaspettato (la battuta a sorpresa, il colpo di scena che non hai visto arrivare), così tendo a preferire le idee che sono davvero inaspettate, possibilmente a un livello quasi commerciale. A parte l'influenza di Colbert – che risale a molto prima che lavorassi per lui, quando era al Daily Show e scriveva gli Strangers con Candy – Direi che The Kids in the Hall ha avuto una grande influenza, così come SNL da la fine degli anni '80 / primi anni '90. Dal punto di vista cinematografico, beh, immagino che questo diventi solo una lista dei miei film preferiti, ma darò credito a Ghostbusters, Shaun of the Dead, Election, Being John Malkovich . Per quanto riguarda la narrativa, amo George Saunders. Scritto umorismo, Simon Rich. E nella mia tarda adolescenza sono entrato davvero a far parte di Woody Allen, che suppongo sia giusto dal momento che è davvero adolescente.

Mark: Essere John Malkovich è un mio grande fave. Quello era molto più strano e più pazzo di altri film in quel momento. Totalmente inaspettato.

Forse per un pensiero finale potresti condividere uno scherzo preferito.

Frank: Ho visto Essere John Malkovich due volte nei cinema. L'ho fatto solo con Election (che è uscito nello stesso periodo, quindi forse ho avuto un sacco di tempo da perdere). Beh, non è giusto, ho avuto la pressione dei coetanei nel vedere l'orribile remake del pianeta delle scimmie di Tim Burton dopo che l'avevo già visto. L'ultima scena di Ape-raham Lincoln ha avuto ancora meno senso la seconda volta.

Sarò onesto, non so che AMO battute particolari (almeno non in maiuscolo). Mi piacciono le idee divertenti o le situazioni e, sicuramente, mi affezionerò molto alle linee di dialogo. Ma – e ci ho pensato prima, quando si tratta del mio faticoso sforzo su Twitter di uno scherzo al giorno – non sono uno scrittore di battute. Sono uno scrittore di commedie. Comprendo perfettamente quanto sia pretenzioso quel suono – dopotutto, sono uno scrittore di commedie, dovremmo fingere di fingere – ma preferisco le barzellette che sono al servizio di qualcosa di più grande.

Detto questo, dopo aver analizzato rapidamente la mia timeline di Twitter, direi che questa è una delle mie battute preferite, almeno di quelle che ho scritto per Twitter: "Gli eschimesi hanno più di 70 parole per" Preferiamo essere chiamati Inuit . '”

Oppure aspetta, forse: "È morto facendo ciò che amava: cercare di non morire".

Erin Whitis, used with permission
Fonte: Erin Whitis, usato con permesso

Solutions Collecting From Web of "Trovare l'umorismo nella tristezza (e nei mostri)"