Trovare l'equilibrio

Alex Lickerman
Fonte: Alex Lickerman

Ogni tanto (o forse più frequentemente di quanto vorrei ammettere) mi trovo sopraffatto dalla mia stessa vita. Prendersi cura dei pazienti, scrivere blog, mantenere relazioni (con mia moglie, figlio, famiglia, amici e colleghi), esercitare, praticare il buddismo, commercializzare la mia scrittura, rispondere alle pagine, rispondere alle e-mail, gestire crisi impreviste, pulire il nostro lettiere per gatti – basti dire che una delle mie più grandi sfide è non solo ottenere tutte queste cose giorno dopo giorno, ma anche trovare il tempo per godermi anche qualche attività di svago. Spesso mi sento come se fossi su un tapis roulant che non mi permette mai di assaporare in realtà nessuno dei momenti che sto passando a fare queste cose perché nel momento in cui ho finito con una – anche mentre lo sto facendo – la mia mente è già passando alla prossima cosa. Certamente, per realizzare qualcosa di grande devi essere solo un po 'ossessionato da esso. Ma se un po 'di ossessività è altamente adattabile, troppo ti impedisce di condurre una vita equilibrata.

Perché l'equilibrio è importante? Per me, la risposta risulta essere la stessa metaforicamente come letteralmente: quindi non cado. "Equilibrato" descrive immediatamente la sensazione di avere il controllo di molteplici responsabilità, nonché la sensazione che diverse aree importanti della propria vita non vengano trascurate in favore di pochi. Una vita equilibrata, la maggior parte sarebbe d'accordo, si sente vissuta meno stressante di una vita non equilibrata, che sembra travolgente e insoddisfacente. Quindi, come possiamo catturare la sensazione della prima ed evitare la sensazione di quest'ultima?

STATO DI VITA INTERIORE

La vera risposta ha a che fare con la nostra condizione di vita, che cambia di momento in momento. Al mattino potrei sentirmi sopraffatto perché il mio stato di vita interiore è debole e mi sento scoraggiato, ma a pranzo forse ho recuperato parte dello spirito combattivo, e compiti che si profilavano come montagne si riducono bruscamente a cumuli di talpa. I compiti, ovviamente, non sono cambiati, io ho. Ovviamente, sia come medico che come buddista, credo che il proprio stato di vita interiore possa essere reso più forte in un modo molto reale, ma richiede un vero lavoro, avviene lentamente nel tempo e rimane un processo che non finisce mai. Il modo in cui si tenta di farlo varia da persona a persona. Sinceramente, penso che il solo riconoscere e provare a rafforzare la propria forza interiore sia un ottimo primo passo. Oltre a cercare di farlo, tuttavia, si applicano alcune considerazioni pratiche …

I PERICOLI DEL MULTITASKING

Potremmo pensare al multitasking che siamo in grado di fare più cose in modo più rapido e ottenere così un migliore equilibrio, ma questa è un'illusione. Possiamo solo prestare veramente attenzione cosciente a una cosa alla volta. Altre parti del nostro cervello possono essere in costante movimento dirigendo attività che non richiedono la nostra attenzione cosciente come respirare, camminare e persino guidare un'auto lungo un percorso familiare, e farle bene finché rimangono semplici. Ma nel momento in cui questi compiti diventano complessi (ad esempio, qualcuno ci interrompe nel traffico), la nostra attenzione cosciente viene requisita per garantire il miglior risultato (cioè, evitare un incidente).

Quindi quando facciamo il multitasking, per definizione, possiamo solo fare l'unica cosa a cui stiamo partecipando direttamente (e anche questo non tanto: come possiamo, ad esempio, ricordare quello che stiamo leggendo quando qualcuno ci sta intercettando a intermittenza la spalla per farci domande?). Pensiamo che lavorare in questo modo, facendo più di una cosa alla volta, sia efficiente, ma non per diversi motivi:

  1. Il multitasking compromette il richiamo futuro . La memoria è una funzione di attenzione e concentrazione. Perché pensi di poter entrare in una stanza e dimenticare perché l'hai fatto? Perché tra il momento in cui hai pensato alla ragione per inserirla (ad esempio, per trovare le tue chiavi) e il tempo in cui l'hai effettivamente inserito, hai permesso alla tua mente di concentrarsi su altre questioni.
  2. Il multitasking rischia di scarso rendimento . Compiti complessi come la scrittura o la conversazione richiedono la nostra piena attenzione. Se permetti a te stesso di fare altre cose (ad esempio, leggere i messaggi di posta elettronica), il prodotto di lavoro che produci potrebbe essere così scadente che dovrai dedicare più tempo a rielaborarlo in un secondo momento.
  3. Il multitasking ti impedisce di goderti quello che stai facendo mentre lo stai facendo . Il godimento richiede anche la nostra piena attenzione (ciò che è diventato popolarmente noto come "consapevolezza"). Se mentre guardi tuo figlio giocare in un parco giochi stai pensando al tuo prossimo post sul blog, potresti anche non ricordarlo mentre ride per la prima volta.

Questo non vuol dire che ciò che ci rende efficienti sta assumendo compiti in sequenza. Ciò che ci rende efficienti è evitare le distrazioni mentre le eseguiamo . Messaggi di posta elettronica, messaggi di testo, messaggi vocali, Twitter, Facebook: non siamo mai stati più accessibili l'uno con l'altro in qualsiasi momento della nostra storia di quanto lo siamo ora. PDA, smartphone, browser Internet (la nuova televisione) – non abbiamo mai avuto così tante potenziali distrazioni che ci cinguettano tutti per attirare l'attenzione.

Poco tempo fa ho avuto un'epifania minore: il fatto di avere uno smartphone che inviava e-mail e messaggi di testo automaticamente mi stava interferendo in modo significativo con la mia produttività. È come avere del cibo spazzatura in casa: una volta lì, è quasi inevitabile che lo mangi (la migliore strategia per evitare di non comprarlo in primo luogo). Per me, quando arriva un messaggio e-mail, non riesco a resistere alla lettura. Così ho spento la mia e-mail sullo smartphone e ora mi permetto di controllare la posta elettronica solo a intermittenza, quando decido che ho bisogno di una pausa da quello che sto facendo.

DEFINIRE COSA È IMPORTANTE

A meno che tu non sappia cosa è importante per te, non saprai cosa dare la priorità e, cosa ancora più importante, cosa non dare la priorità (o addirittura accettare di fare). Conoscere la tua missione di base nella vita è fondamentale. Se ti viene chiesto di dedicare tempo ed energie significative a qualcosa, in quale altro modo puoi decidere se lo vuoi anche tu ? Ho sempre rifiutato progetti interessanti perché non rientrano nella cerchia ben definita di cose che ritengo più importanti. Spesso mi ritrovo a desiderare più di 24 ore al giorno e la possibilità di essere due posti contemporaneamente, ma poiché nessuno dei due è possibile, spesso non faccio cose alle quali mi ritrovo solo moderatamente attratto. Se conducete una vita frenetica, dovete essere spietati nel rifiutare di essere coinvolti in cose che non risuonano nella vostra missione principale.

IMPOSTAZIONE DEI CONFINI

Questo mi porta a quello che credo sia il principio fondamentale del mantenimento di una vita equilibrata: imparare a dire di no. L'ho toccato in un post precedente, The Good Guy Contract, e aggiungerò solo due ulteriori punti. Innanzitutto, non devi solo imparare a dire di no una volta. Spesso devi imparare come continuare a dirlo. In secondo luogo, dire no implica che consideri i tuoi bisogni più dei bisogni degli altri quando lo dici, il che rende molte persone a disagio. Ma nessuno ha risorse infinite e scegliere i propri bisogni spesso non è né egoistico né immorale. Essere intimamente consapevoli, come tutti noi, delle nostre mancanze mentre allo stesso tempo rimanere beatamente inconsapevoli delle debolezze e dei fallimenti degli altri spesso ci porta erroneamente a concludere che in realtà non valiamo quanto le persone che ci stanno attorno. Ma questo è un argomento più basato sui sentimenti di inadeguatezza piuttosto che su un ragionevole ragionamento. Tutte le vite sono ugualmente preziose nel loro nucleo. Come ci lasciamo ingannare nel pensare che i nostri siano in qualche modo meno semplicemente perché sappiamo che noi stessi il meglio è stato il soggetto non solo dei libri ma dell'intero paradigma terapeutico.

Raggiungere l'equilibrio, quindi, a mio avviso, si basa in definitiva sul coraggio: il coraggio di fare scelte difficili; escludere altre possibilità per scegliere quello più adatto a te; lasciarsi andare temendo la disapprovazione o la delusione degli altri. La corretta pratica del Buddismo di Nichiren richiede di mirare alla propria felicità e allo stesso tempo di aiutare gli altri a diventare felici. Ma "simultaneamente" non intende implicare "in ogni momento". Piuttosto significa impegnarsi a sviluppare la compassione per preoccuparsi degli altri. Tuttavia, sforzandoci di prenderci cura degli altri, spesso dimentichiamo di prenderci cura di noi stessi. Spesso è difficile raggiungere un equilibrio, a volte richiede calcoli complessi per arrivare alla migliore risposta in qualsiasi situazione. Ma quando riconosciamo di aver permesso alle nostre vite di cadere seriamente in disequilibrio, dobbiamo agire coraggiosamente per ristabilirlo. Non puoi aiutare nessun altro a diventare felice se tu stesso sei infelice. Come scrisse Nichiren Daishonin, "Una spada è inutile nelle mani di un vigliacco".

Solutions Collecting From Web of "Trovare l'equilibrio"