Trovare l'equilibrio: affrontare il dolore durante le vacanze

C'è un tempo per piangere e un tempo per ballare. Persino l'antico scrittore di Ecclesiaste ha riconosciuto un'importante verità: anche nel dolore abbiamo bisogno di equilibrio. Anche questo è sottolineato in una delle nostre attuali teorie sul dolore chiamato il Modello a doppio processo. Lì, due ricercatori olandesi, dott. Margret Stroebe e Henk Schut suggeriscono che il lutto sano comporta oscillare, o muoversi tra due processi complementari, riconoscendo e affliggendo la perdita e costruendo una nuova vita nonostante la perdita.

Questa nozione di trovare un equilibrio è fondamentale mentre affrontiamo le vacanze. Abbiamo bisogno sia di piangere e di ballare, di riconoscere il nostro dolore anche quando riconosciamo e celebriamo la festa.

È comprensibile che piangiamo, specialmente durante le vacanze. Le vacanze sono momenti centrali nella nostra vita che sono pieni di ricordi. In questi momenti l'assenza della presenza di qualcuno che abbiamo amato, qualcuno che fa così tanto parte delle vacanze, è profondamente sentito. Durante questo periodo potremmo vedere molti promemoria dei nostri doni di perdita che sembrano così perfetti per la persona che è morta o le carte di amici o colleghi remoti non informate della perdita. In lutto, siamo meno in grado di tollerare lo stress inevitabilmente associato al tempo impegnato delle vacanze. Infine, l'oscurità fredda e avanzante in molte parti del paese, aggiunge un senso di tristezza e isolamento.

In questo momento è naturale voler semplicemente ritirarsi.

Eppure, abbiamo bisogno di equilibrio.

Abbiamo bisogno di questo equilibrio per molte ragioni. Uno potrebbe essere altri nella nostra famiglia. Julia lo ha riconosciuto. Quando suo marito morì dopo una lunga malattia, si rese conto che i suoi figli avevano bisogno delle vacanze. Avevano bisogno di essere rassicurati sul fatto che, anche se le cose fossero cambiate, avrebbero potuto trovare il tempo per stare insieme e per festeggiare.

Non sono solo gli altri. Ne abbiamo bisogno noi stessi. Il dolore è un lavoro molto duro e, come ogni arduo compito, abbiamo bisogno di momenti di tregua.

Questo non significa che le vacanze saranno le stesse. Sono inevitabilmente cambiati dalla nostra perdita. Quindi dobbiamo trovare quell'equilibrio mentre piangiamo e festeggiamo entrambi.

Dobbiamo riconoscere ciò che possiamo fare e ciò che non possiamo fare. Il dolore esaurisce la nostra energia e ci scarica. Semplicemente non possiamo fare quello che abbiamo sempre fatto. Dobbiamo dare la priorità a ciò che sentiamo veramente di dover fare con cose che sono meno importanti. Se lo shopping è stressante possiamo dare una carta regalo. Se l'invio di carte è scoraggiante, salta quest'anno.

Dobbiamo trovare un equilibrio in ciò che cambierà e cosa rimarrà lo stesso. Le vacanze sono inevitabilmente diverse quando muore una persona che è stata una parte così importante della giornata. Non possiamo fingere che le vacanze saranno le stesse di una volta. A volte aiuta persino a riconoscere la perdita della celebrazione, sia nell'accensione di una candela, nel brindare alla vita di qualcuno che abbiamo amato, o semplicemente nel menzionare il nome. Possiamo mantenere alcune tradizioni anche quando iniziamo a cambiare le altre.

Abbiamo bisogno di ridere e piangere. Non c'è niente di sbagliato nel nostro dolore. È una risposta naturale al nostro amore e alla nostra perdita. Nello stesso punto in cui ci riuniamo con coloro che amiamo, non dobbiamo sentirci in colpa per i momenti di gioia che sperimentiamo.

Infine, naturalmente, dobbiamo prenderci cura di noi stessi: mangiare bene e bere con moderazione, ottenendo sia il riposo che l'esercizio di cui abbiamo bisogno. Di nuovo, mantenendoci in equilibrio.

Solutions Collecting From Web of "Trovare l'equilibrio: affrontare il dolore durante le vacanze"