Troppe cattive droghe per gli anziani

https://www.flickr.com/photos/63546268@N07/
Fonte: https://www.flickr.com/photos/63546268@N07/

Le droghe funzionano in modi misteriosi. A volte ci avvantaggiano, altre volte ci sono effetti collaterali negativi. La metà di tutte le reazioni avverse al farmaco si verifica quando vengono assunti cinque o più farmaci ed è quasi certo che ci sarà una reazione quando verranno presi otto o più farmaci. Quanto può essere pericoloso?

A volte i farmaci prescritti causano la morte. Il medico e ricercatore danese Peter C. Gøtzsche del Nordic Cochrane Center, stima che ci siano 15 volte più suicidi tra le persone che assumono antidepressivi rispetto a quelle riportate dalla Food and Drug Administration statunitense. Analizzando le statistiche di prescrizione danese per gli antipsicotici, le benzodiazepine e gli antidepressivi, ha stimato che il tasso di mortalità per gli anziani era compreso tra l'1 e il 2%. Sulla base di questi tassi di mortalità danese, stima che per gli Stati Uniti e l'Unione europea si stima che circa 539.000 anziani muoiano da questi farmaci ogni anno. Ma non sono solo gli antidepressivi che possono causare una reazione avversa. Soprattutto con gli anziani perché il nostro metabolismo cambia con l'età, il filtraggio del farmaco nel nostro corpo è compromesso e diventa meno efficiente. I farmaci rimangono nel nostro sangue più a lungo. Di conseguenza, l'effetto delle droghe cambia con l'avanzare dell'età.

Ogni pochi anni l'American Geriatrics Society (AGS) pubblica un aggiornato e ampliato Criteri Beers (dopo il creatore del primo elenco, Mark Beers), un elenco di farmaci potenzialmente inappropriati per gli anziani che viene sviluppato dalla revisione di oltre 6.700 studi clinici. Il rapporto è complesso, tecnico e dettagliato e deve essere esaminato con il vostro medico. Tuttavia, come riassunto, è importante rendersi conto dei comuni effetti collaterali negativi per la maggior parte dei farmaci che assumiamo.

Ad esempio, tra i pazienti di età pari o superiore a 65 anni, l'insulina o il warfarin (Coumadin®) è stata la causa di una su tre reazioni ai farmaci che ha portato a una visita ospedaliera di emergenza ed è stata responsabile di quasi la metà di tutti i ricoveri per reazione ai farmaci. Gli analgesici per il dolore cronico rallentano la respirazione e causano stitichezza. I FANS, come l'ibuprofene (Advil®) e il naprossene (Aleve®), non sono generalmente raccomandati per gli anziani a causa dell'irritazione dello stomaco e dell'intestino e probabilmente per l'innalzamento della pressione sanguigna. Mentre il paracetamolo (Tylenol®) ha aumentato il rischio di ipertensione di un terzo. Alcuni farmaci prescritti per la schizofrenia e il disturbo bipolare Aripiprazolo (Abilify®), clozapina (Clozaril®) e risperidone (Risperdal®) possono aumentare il livello di zucchero nel sangue indirettamente a causa dell'aumento di peso. Decongestionanti e altri anticolinergici che possiamo ottenere in farmacia senza prescrizione medica possono causare confusione, ritenzione urinaria e altri problemi. Ad esempio, la pseudoefedrina (Sudafed®) può aumentare la pressione sanguigna. I ricercatori hanno scoperto che la metà di tutti gli anziani che assumevano anticolinergici mostrava un declino mentale. I beta-bloccanti come Atenololo (Tenormin®), sotalolo (Betapace®) prescritto per ipertensione, aritmie e diuretici tiazidici, come il clorotiazide (Diuril®) e l'indapamide (Lozol®) prescritti per l'ipertensione e l'insufficienza cardiaca congestizia possono aumentare il rischio di diabete. I corticosteroidi come il prednisone e il metilprednisone (Medrol®) prescritti per l'artrite o l'asma aumentano lo zucchero nel sangue e possono portare al diabete di tipo 2. Farmaci per la disfunzione erettile come il sildenafil (Viagra®), il tadalafil (Cialis®) e altri farmaci possono causare disturbi visivi e dell'udito. La più grande categoria di farmaci assunti da un adulto più anziano è statine per il colesterolo, dove atorvastatina (Lipitor®), simvastatina (Zocor®) e altre statine possono creare livelli molto bassi di colesterolo che possono portare a depressione, perdita di memoria e confusione. Alcune statine possono causare danni al fegato. Farmaci dell'insufficienza cardiaca congestizia come digossina (Lanoxin®) e diuretici sono a rischio di squilibri elettrolitici e quindi rischiano di avvelenare il corpo attraverso una maggiore tossicità. La frattura dell'anca è aumentata nei pazienti anziani che assumono inibitori della pompa protonica come lansoprazolo (Prevacid®), esomeprazolo (Nexium®) e omeprazolo (Prilosec®) e in misura minore da H2-bloccanti come cimetidina (Tagamet®) e famotidina ( Pepcid®).

Poiché così tanti farmaci vengono escreti per via renale, è importante che i pazienti anziani abbiano una funzionalità renale valutata regolarmente. La funzionalità renale compromessa può richiedere un aggiustamento dei dosaggi del farmaco. Ciò che mangiamo può anche influenzare il modo in cui questi farmaci reagiscono nel nostro corpo. Alcuni farmaci hanno implicazioni dietetiche, inclusi alimenti da evitare e nutrienti essenziali. Alcuni farmaci dovrebbero essere assunti a stomaco vuoto, alcuni con il cibo.

Gli anziani usano anche i farmaci che acquistano dal dispensario senza ottenere la prescrizione del medico. Questi farmaci "da banco" sono prontamente disponibili e le persone si sentono di nuovo al sicuro. Quasi la metà degli utenti di prescrizione prende anche almeno un farmaco da banco. Inoltre, vi è un maggiore uso di integratori a base di erbe o dietetici (ad es. Ginseng, estratto di ginkgo biloba e glucosamina) da parte degli adulti più anziani. Quasi i tre quarti degli adulti più anziani usano almeno un farmaco con obbligo di prescrizione medica e un integratore alimentare. A volte non diciamo al nostro medico che stiamo assumendo questi supplementi perché pensiamo che non siano importanti. Ma i medicinali a base di erbe possono interagire con i farmaci prescritti e portare a eventi avversi. Tali eventi avversi come quando l'estratto di ginkgo biloba viene assunto con warfarin, causando un aumento del rischio di sanguinamento o quando l'erba di San Giovanni viene assunta con inibitori della ricaptazione della serotonina, aumentando il rischio di troppa serotonina causando sintomi che vanno da lieve (brividi e diarrea ) a grave (rigidità muscolare, febbre e convulsioni). La grave sindrome serotoninergica può essere fatale se non trattata. Uno studio sull'uso di 22 integratori ha trovato potenziali interazioni tra integratori e farmaci nella metà di questi supplementi.

Non conosciamo tutti gli effetti negativi dei farmaci sugli anziani, soprattutto tra le donne anziane, perché questi farmaci sono raramente, se mai, testati tra gli adulti più anziani. Le interazioni farmaco-farmaco, gli effetti collaterali, il costo dei farmaci, i farmaci che avrebbero dovuto essere interrotti da tempo e i farmaci inappropriati per gli adulti più anziani suggeriscono che meno farmaci prendi sono più sicuri. Alcune persone non possono ridurre i loro farmaci, ma discutendo i tuoi farmaci con il tuo medico, puoi iniziare la discussione per cercare di ridurre e possibilmente eliminare alcuni dei tuoi farmaci. In alcuni casi, la sostituzione di farmaci con altri trattamenti, come la psicoterapia, l'esercizio fisico, attività sociali o qualche allenamento di modificazione comportamentale potrebbe valere la pena di essere esplorata, specialmente per problemi comportamentali. Per alcuni che hanno trovato un equilibrio, il loro regime terapeutico sta sostenendo la vita. Ma sembra che ci siano molti altri che stanno lottando per trovare questo equilibrio.

© USA Copyrighted 2016 Mario D. Garrett

Solutions Collecting From Web of "Troppe cattive droghe per gli anziani"