Tribalismo e via verso il terreno comune

2017, Christine Hohlbaum
Fonte: 2017, Christine Hohlbaum

Una nazione. Indivisibile. Per la libertà e la giustizia per tutti. Eppure siamo maledettamente divisi. In ciò in cui crediamo. In chi supportiamo. Siamo così lacerati ideologicamente che molti di noi, me compreso, hanno dimenticato ciò che abbiamo in comune. Ci siamo sposati con la nostra miseria, cercando conforto in coloro che pensano come noi. E non stiamo andando da nessuna parte mentre forgiamo le distanze da quelli che non lo fanno.

In un recente articolo di Newsweek, Deepak Chopra ha parlato del cervello odioso in cui il tribalismo, il nostro intrinseco bisogno di appartenere a un gruppo, può offuscare la nostra capacità di empatia. Eppure l'empatia, quella grande emozione della connettività, è ciò che ci aiuta a sentire il dolore degli altri. Il nostro sistema di neuroni specchio umano (MNS) è la parte del nostro cervello che è responsabile di aiutarci a sperimentare il punto di vista di un'altra persona come se fosse la nostra. La compassione è una caratteristica umana preziosa, che può aiutarci a ritrovarci l'un l'altro.

Quello che abbiamo in comune è molto più di quanto pensi. E mentre ci pensavo, mi sono reso conto che vedere un terreno comune mi aiuta a vedere più possibilità. E vedere le possibilità mi fa sperare. Questo mi rende riconoscente. E dove c'è gratitudine, non c'è paura, che è alla radice del nostro problema collettivo. Vedi, abbiamo un problema collettivo. Io e te. Questa è una delle cose che condividiamo insieme. Il nostro problema è la separazione che sentiamo nei confronti di persone che non pensano come noi.

In ogni caso, è incomprensibile per me accettare una serie di credenze che escludono un'intera razza o gruppo etnico o un gruppo di esseri umani che amano in modo diverso da me. Eppure i neo-nazisti e i suprematisti bianchi credono davvero di essere migliori e detengono il diritto esclusivo all'esistenza. Desiderano cancellare l'"altro" e hanno letteralmente eliminato la loro capacità di compassione o di empatia per chiunque ritengano di minacciare le loro convinzioni. È ridicolo. È indietro. È il tribalismo nel suo peggio assoluto. E sembra essere prevalente oggi come lo era prima del movimento per i diritti civili.

Gli Stati Uniti sono nei guai. La sua leadership politica è nei guai. La società civile sta affrontando sfide che non ha visto dagli anni '60. Eppure una folla dieci volte più grande della manifestazione di destra a Charlottesville si è riunita sulla UVA Lawn per riprendersela dal vacuo vetriolo che l'alt-destra aveva spruzzato sul terreno pochi giorni prima e ha cantato "Love wins." Per riguadagnare la dignità della città in cui sono cresciuto. Dove ho visto per la prima volta il film Star Wars. Dove ho le orecchie forate al centro commerciale. Dove ho comprato il mio primo Levis. Dove risiede la mia famiglia fino ad oggi.

L'odio vive nel cervello di coloro che sono scollegati dal bene superiore. Come possiamo riportarli indietro nell'ovile per cercare la luce e l'amore che supererà gli atti deleteri dell'informe e dell'ira?

Inizia e finisce con una cosa semplice: l'amore. Quando possiamo vedere le comunanze con gli altri al di là delle loro convinzioni politiche o spirituali, abbiamo difficoltà a trovare odio nel nostro cuore per loro. Offre la possibilità di ripensare il nostro sistema di credenze radicato e aprire una porta per ascoltare un diverso punto di vista. Di seguito è riportato un breve elenco di cose che ognuno di noi condivide su questo pianeta.

Ossigeno Ne abbiamo tutti bisogno per sopravvivere. Ognuno di noi lo usa. Questo è qualcosa che condividiamo.

Un luogo di nascita Ognuno di noi è nato da qualche parte. Questo è qualcosa che condividiamo.

Pelle. È l'organo più grande che abbiamo. Ognuno di noi ha la pelle. Questo è qualcosa che condividiamo.

Tempo. Ognuno di noi ha tempo, anche se viviamo come noi no. Molti di noi lo misurano con l'orologio delle 24 ore, altri con il ritmo della Terra. In ogni caso, lo misuriamo. Questo è qualcosa che condividiamo.

Il pianeta. Se non sei un astronauta attualmente nello spazio, ci sei. Questo è qualcosa che condividiamo.

Tecnologia. Se stai leggendo questo, hai accesso alla tecnologia. Questo è qualcosa che condividiamo.

Morte. Potresti non averlo mai provato, ma lo farai un giorno. Questo è qualcosa che condividiamo.

Un sistema di credenze. Anche se non credi in una Potenza Superiore, credi in qualcosa, anche se non è nulla. Anche questo è un sistema di credenze. Questo è qualcosa che condividiamo.

Infanzia. Ognuno di noi ne ha (avuto) uno. Buono, cattivo o indifferente. Il fatto è che ognuno di noi è un bambino ad un certo punto, in genere cronologicamente dall'inizio della vita fino alla fine dei nostri anni dell'adolescenza. Questo è qualcosa che condividiamo.

La capacità di piangere. L'abbiamo fatto almeno una volta. C'è del sale in ognuna delle nostre lacrime. Questo è qualcosa che condividiamo.

Il bisogno di dormire Mentre la quantità può variare, ognuno di noi richiede il sonno per sopravvivere. Questo è qualcosa che condividiamo.

La necessità di bere acqua. È una forza vitale essenziale. Senza di essa, ognuno di noi perirebbe. Questo è qualcosa che condividiamo.

Sono per la squadra vincente. Sono per amore Tu sei?

Solutions Collecting From Web of "Tribalismo e via verso il terreno comune"