Tre modi sottili e subcoscienti che procrastiniamo

Kichigin/Shutterstock
Fonte: Kichigin / Shutterstock

Sappiamo che aspetto ha la tipica procrastinazione: siamo sui social media, controlliamo le e-mail per la decima volta in un'ora, tagliamo le unghie dei piedi, caricando la lavastoviglie, rivisitando la sala snack, trascinando i piedi in altri modi sfacciati, tutto di svolgere il compito necessario e importante a portata di mano.

Molti considerano la procrastinazione come un processo cosciente se non intenzionale, un insuccesso non controllato di autocontrollo. George Loewenstein, professore di economia e psicologia alla Carnegie Melon University, descrive i procrastinatori come "portati fuori strada dalle ricompense" viscerali "del presente." La ricerca conferma che, al momento, i procrastinatori tendono a preferire il piacere al progresso.

Ma secondo una stima, solo il 18 per cento della procrastinazione potrebbe essere attribuito alla "avversione al compito", cioè semplicemente non voler fare qualcosa. Quindi, molti di noi non stanno rinunciando a lavori importanti semplicemente perché non ne abbiamo voglia – e tuttavia la procrastinazione affligge la nostra forza lavoro.

Se non ci dispiace fare [riempire lo spazio vuoto], perché non lo facciamo e basta?

La mia ricerca mi porta a credere che siamo preda di una forma più insidiosa di procrastinazione: pensiamo di essere produttivi . In questo momento, ci sentiamo come se stessimo facendo del nostro meglio; guardando indietro, eravamo preoccupati della cosa sbagliata o abbiamo rinviato inutilmente la parte più importante.

Se ti senti come se fossi costantemente occupato ma non ottenendo nulla, questi tre metodi poco conosciuti, ma ben stabiliti di procrastinazione potrebbero essere il problema:

1. Incolpare

Diversi studi indicano che la procrastinazione è significativamente correlata alla dipendenza dagli altri. La colpa della dipendenza unidirezionale è la colpa: "XYZ non può essere fatto senza il mio capo / collaboratore." "Ho fatto il mio lavoro; Sto aspettando che gli altri facciano il loro. "La procrastinazione è anche associata ad aggressività passiva e impazienza. Una volta che ci rendiamo conto che la carriera di nessuno consiste in un singolare compito strozzato, vediamo incolpare gli altri per quello che è: una forma di procrastinazione.

La procrastinazione è anche legata all'autocombustione e alla bassa autostima. I procrastinatori hanno livelli più elevati di autoapprigionamento e pensieri negativi su se stessi e sugli altri rispetto ai non procrastinatori.

Contrariamente, essere duri con noi stessi ostacola sia la motivazione che le prestazioni. In uno studio, gli studenti che hanno riportato alti livelli di auto-perdono per aver procrastinato nello studio per un esame più tardi hanno procrastinato meno in un secondo esame. Al contrario, i procrastinatori degli esami che hanno accettato dichiarazioni come "Non mi piacciono per procrastinare" e "Mi critico a causa della mia tendenza a procrastinare" non hanno mostrato un comportamento migliore prima del prossimo test. Ciò potrebbe essere dovuto al fatto che il senso di colpa prodotto dall'auto-colpa scatena ulteriori procrastinazione, affermano i ricercatori.

Il McGraw Center for Teaching & Learning di Princeton consiglia:

"Nota come stai pensando e parlando con te stesso. Parla a te stesso in un modo che ti ricordi i tuoi obiettivi e sostituisci le vecchie abitudini controproducenti dell'auto-conversazione. Invece di dire: "Vorrei non aver …", dire, "lo farò …" "

2. Perfezione

Contrariamente al pensiero popolare, il perfezionismo non ci rende migliori. Invece, il perfezionismo è associato al binge eating, al conflitto interpersonale e all'elusione del compito. Inoltre, perfezionismo e procrastinazione insieme sono associati a preoccupazioni e depressione.

Diversi studi suggeriscono che la procrastinazione perfezionista potrebbe essere radicata nella paura di commettere errori. La paura di fallire è, infatti, "molto adatta a servire come spiegazione per comportamenti procrastinatori". Ad esempio, gli studenti che dubitavano della loro capacità di successo e vedevano i loro errori come segni di insuccesso erano più propensi a soffrire di procrastinazione.

Sebbene alti standard e obiettivi ambiziosi siano sani, il perfezionismo può causare deliberazioni dannose. Le persone che procrastinano a prendere decisioni, ad esempio, cercano più informazioni sulle alternative e spesso usano criteri più ristretti, più rigidi e meno razionali per le loro scelte. Come disse Winston Churchill: "La massima," Nulla si avvale della perfezione "può essere scritto" paralisi "."

Le persone produttive sono soddisfatte abbastanza bene . Invece di rimproverare te stesso quando non raggiungi obiettivi sfidanti, l'Institute of Education Sciences suggerisce: "Concediti una pausa, impara a essere soddisfatto di ciò che sei e impara a goderti la sana ricerca dell'eccellenza." Oppure, come una semplice risorsa, "Renditi conto che il progresso è meglio della perfezione".

3. Waffling

A volte procrastiniamo a prendere decisioni semplicemente perché non abbiamo risposto alla domanda "Perché?" Questa supervisione fondamentale oscura i nostri obiettivi, confonde i compiti necessari per farli accadere e ostacola i nostri progressi.

L'impegno, d'altra parte, richiede comprensione. Quando le persone si impegnano a sposarsi, è spesso perché sentono di sapere pienamente cosa – e chi – si "stanno facendo" e possono anticipare correttamente sia i rischi che i benefici. Allo stesso modo, possiamo ridurre i nostri piedi freddi in altri aspetti della nostra vita capendo perché stiamo facendo qualcosa. Se non lo sappiamo, probabilmente non lo faremo mai e probabilmente non dovremmo farlo comunque.

Mentre la mezza cuore è fortemente correlata alla procrastinazione, l'azione commessa è correlata negativamente con essa. Uno studio definisce l'azione impegnata come la "persistenza flessibile nelle azioni che sono collegate ai valori e agli obiettivi prescelti anche nel verificarsi di ostacoli psicologici, come sentimenti difficili, pensieri e impulsi." L'azione vincolata, in parole diverse, richiede di collegare consapevolmente i valori personali a obiettivi a lungo ea breve termine, e poi a seguire nonostante il disagio. McGraw consiglia:

"… segui attraverso qualunque cosa. Facendo così, lentamente ricostruirai la fiducia in te stesso che farai davvero quello che dici di volere, che tanti procrastinatori hanno perso ".

Andando avanti

Purtroppo, queste sottili abitudini di procrastinazione possono scivolare per anni senza che ce ne accorgiamo. Ma c'è un lato positivo: una volta che li riconosciamo per quello che sono – i metodi subcoscienti che fanno deragliare la nostra produttività – siamo liberi di tornare al nostro vero lavoro. L'obiettivo è allenare la nostra consapevolezza ed energia verso le cose che sappiamo essere importanti.

E, a proposito, questa soluzione non solo suona bene: la ricerca suggerisce che coloro che erano "più in contatto con i loro sé futuri" sia due mesi sia 10 anni dopo hanno riportato meno comportamenti di procrastinazione. Quando definiamo i nostri valori, ci impegniamo a raggiungere i nostri obiettivi, ci prendiamo la responsabilità del nostro lavoro e facciamo pace con il nostro prodotto, possiamo chiudere i modi furbi che sabotiamo il nostro potenziale.

Una versione di questo articolo è stata originariamente pubblicata su Forbes. Iscriviti alla mia newsletter per ricevere i miei articoli direttamente nella tua casella di posta.

Solutions Collecting From Web of "Tre modi sottili e subcoscienti che procrastiniamo"