Trauma, Resilienza e Fantasia

Boris Cyrulnik, il famoso psichiatra francese, ha scritto in modo convincente sulle possibilità di resilienza tra i sopravvissuti di eventi traumatici di solito sofferti durante l'infanzia. Nel suo lavoro classico, " Resilienza ", descrive attraverso casi di studio e una revisione della letteratura su come i sopravvissuti al trauma che dimostrano la resilienza spesso usano la fantasia per farlo.

La fantasia crea ciò che il dottor Cyrulnik definisce un'identità auto-ossessiva: il sopravvissuto ha creato una fantasia ben organizzata e dettagliata di ciò che è accaduto, di chi lui o lei è, e di come si aspetta di essere considerato dagli altri. Il sopravvissuto ha anche una persona pubblica che si comporta in modi "normali" che non sono diversi dagli individui che non hanno una storia traumatica. Questa dualità o identità ossimorica è stressante, ma necessaria se il sopravvissuto deve andare avanti.

I sopravvissuti che sono malati di mente non fanno riferimento alle loro fantasie e invece agiscono su di loro, aspettandosi che gli altri rispondano a desideri e percezioni non realistiche. All'interno delle famiglie, queste persone creano atmosfere profondamente distruttive, spaventose ed emotivamente labili perché il comportamento che dimostrano ha basi insufficienti nella realtà.

Le famiglie malsane perpetuano la fantasia del sopravvissuto. Cyrulnik scrive: "Non è insolito che un bambino voglia salvare il suo aggressore o preservare la sua immagine. Così si trova per creare un'immagine socialmente accettabile nella mente degli altri. Inventa un padre ideale o una madre perfetta e lo dissocia dalla realtà in cui soffre in segreto … La menzogna protegge il bambino perché offre ad altre persone un'immagine idealizzata dei suoi genitori, e perché ciò gli permette di continuare a pensare che è, come tutti i bambini, e ha genitori che sono normali. "Quindi non sono il figlio di un mostro." La menzogna che preserva l'immagine dei genitori aiuta effettivamente a proteggere l'immagine di sé del bambino ".

I sopravvissuti più sani hanno una visione del ruolo della fantasia nelle loro vite: la sua importanza, il suo effetto sulle ferite. Le famiglie che vogliono essere di aiuto ai sopravvissuti al trauma che impiegano la fantasia come forma di resilienza possono anche ottenere loro un aiuto professionale con consulenza, psicoterapia e farmaci che possono stabilizzare gli stati d'animo e diminuire il pensiero psicotico. All'interno della casa, possono creare ambienti rispettosi e amorevoli che supportano la triste situazione del sopravvissuto non realistico mentre allo stesso tempo non partecipano alla fantasia. Piuttosto indirizzano la famiglia verso scelte che riconoscano l'integrità individuale di ogni membro della famiglia.

La ricca ironia del bambino che perpetua la fantasia è che non è pensato per aiutare il genitore malato, e blocca il bambino, a lungo attraverso l'età adulta, in una vita che ha significato principalmente in ciò che non è reale. La fantasia limita fortemente l'intuizione, le relazioni e la cognizione. Crea una malattia mentale che spesso richiede un trattamento, sebbene il trauma originale non gli sia accaduto.

Ma guai ai membri della famiglia che si liberano dal ciclo della fantasia.

Non solo stanno affrontando un sistema basato su un trauma passato, ma sono visti come un attacco ai bambini la cui identità si basa su quella fantasia. E quelli le cui identità sono basate su menzogne? Loro reagiranno.

Solutions Collecting From Web of "Trauma, Resilienza e Fantasia"