Trauma Nation

Ora è consuetudine per ogni programma di trattamento delle dipendenze e della psicologia – anche per coloro che affermano di essere CBT – di annunciare che si occupano di traumi. Il trauma è l'ondata psicologica / terapeutica del momento, che assomiglia alla mania della psicoanalisi degli anni '50 -'60, con alcune somiglianze chiave, ma il meme traumatico è molto più diffuso nella cultura.

Quindi è affascinante vedere che un gruppo ben piazzato di psicologi, guidati da una delle figure psicologiche leader americane, Martin Seligman, ha assunto questo meme. Solo, nonostante la loro importanza e il loro distinto pedigree (Seligman è stato il pioniere dell'impotenza appresa), non avranno alcun impatto sul modello del trauma. Né sembra che loro lo intendano particolarmente, appollaiato all'interno di una nicchia accademica protetta a Penn.

Seligman è il direttore del Penn Positive Psychology Center. L'avvento di questo blogpost è il suo annuncio: "Lo scopo principale delle emozioni è guidare il comportamento futuro e i giudizi morali, secondo i ricercatori in un nuovo campo chiamato psicologia prospettica".

Questa ricerca chiarisce che:

Mentre la maggior parte delle persone tende ad essere ottimista, chi soffre di depressione e ansia ha una vista desolante del futuro – e in effetti sembra essere la causa principale dei loro problemi, non i loro traumi passati né la loro visione del presente. Mentre i traumi hanno un impatto duraturo, molte persone in realtà emergono più forti in seguito. Altri continuano a lottare perché troppo sopravvalutano il fallimento e il rifiuto.

La terapia del trauma si basa sull'ipotesi assunta, promossa dalla psicoanalisi freudiana, che l'obiettivo primario della psicologia è quello di portare alla ribalta i ricordi infantili rimossi del trauma. Questo è stato ampliato all'idea che affrontare e affrontare eventi spiacevoli, negativi o disastrosi sia essenziale per la salute mentale.

Testimone due esempi di questo principio:

Elaborazione della psicologia dei disastri . Ora è pro forma di entrare in un corpo di terapeuti e consiglieri ogni volta che si verifica una tragedia o un disastro per permettere alle persone di "elaborare" lo shock che hanno vissuto. Tuttavia, nessuna ricerca ritiene che ciò contribuisca ai risultati di salute mentale di un gruppo, e piuttosto l'impatto di tali interventi è più spesso negativo:

"Le persone che hanno ricevuto un debriefing psicologico hanno mostrato sintomi più gravi di disturbo da stress post-traumatico rispetto ai controlli; l'intervento ha aumentato il rischio di disturbo da stress e, in particolare, il debriefing di stress da incidente critico è stato potenzialmente dannoso ".

PSTD . Sebastian Junger (un giornalista di guerra che si è confrontato con gli attacchi di panico post-battaglia) ha fatto una revisione completa della letteratura sul DPTS. Più volte, la ricerca rileva, la gravità del DPTS non è correlata allo stress sperimentato sul campo di battaglia:

  • "Non esiste una relazione statistica tra suicidio e combattimento, secondo uno studio pubblicato ad aprile sul Journal of American Medical Association Psychiatry".
  • "Durante la Guerra Yom Kippur del 1973, quando Israele fu invaso simultaneamente dall'Egitto e dalla Siria, le truppe di base dell'esercito israeliano avevano crolli psicologici a tre volte il tasso di truppe di prima linea d'élite, relative alle loro vittime."
  • "Decennio dopo decennio e guerra dopo guerra, le morti per combattimenti americani sono diminuite costantemente mentre le dichiarazioni di trauma e disabilità hanno continuato a salire … in una relazione quasi inversa tra loro".

Nel frattempo, i soldati si riprendono in modo schiacciante da esso (si noti la somiglianza dell'analisi di Junger con quella di Seligman):

Terribili come tali esperienze sono, tuttavia, circa l'80 per cento delle persone esposte a loro alla fine recuperare, secondo uno studio del 2008 nel Journal of Behavioral Medicine. Se si considerano le estreme difficoltà e la violenza della preistoria, è logico che gli umani siano in grado di sostenere enormi danni psichici e continuare a funzionare; altrimenti la nostra specie si sarebbe estinta molto tempo fa. "È possibile che i nostri comuni disturbi d'ansia generalizzati siano l'eredità evolutiva di un mondo in cui la leggera paura ricorrente è adattiva", scrive l'antropologo e neuroscienziato Melvin Konner, in una raccolta chiamata Understanding Trauma. "Lo stress è l'essenza dell'evoluzione per selezione naturale e vicino all'essenza della vita stessa."

I benefici del disastro . È possibile che tali esperienze abbiano dei benefici? Perché le persone sono nostalgiche per le esperienze di guerra che sopravvivono? "Ciò che tutte queste persone sembrano perdere non è il pericolo o la perdita, di per sé, ma la vicinanza e la cooperazione che il pericolo e la perdita spesso generano. Gli esseri umani si sono evoluti per sopravvivere in ambienti estremamente difficili e la nostra capacità di cooperazione e condivisione ci ha chiaramente aiutato a farlo. "

Junger procede:

E la guerra che è mancata non deve nemmeno essere una guerra sparatoria: "Io sono un sopravvissuto dell'epidemia di AIDS", un uomo ha scritto sulla bacheca di un discorso online che ho fatto sulla guerra. "Ora che l'AIDS non è più una condanna a morte, devo ammettere che mi mancano quei giorni di fraternità estrema … che hanno portato a profonde emozioni e intese che sono al di sopra di qualsiasi cosa abbia provato sin dagli anni della peste".

Cosa sta succedendo? Le persone affrontano esperienze spiacevoli a modo loro, spesso comportando evitamento e lenta assimilazione, ma procedono principalmente a prendere tutti i possibili passi che possono per evitare future tali miserie. Per Seligman (e John Tierney):

La memoria a lungo termine del cervello è stata spesso paragonata a un archivio, ma questo non è il suo scopo principale. Invece di registrare fedelmente il passato, continua a riscrivere la storia. Ricordare un evento in un nuovo contesto può portare a nuove informazioni che vengono inserite nella memoria. Il coaching di testimoni oculari può indurre le persone a ricostruire la loro memoria in modo che non rimanga alcuna traccia dell'originale.

La fluidità della memoria può sembrare un difetto, soprattutto per una giuria, ma ha uno scopo più ampio. È una caratteristica, non un bug, perché il punto della memoria è migliorare la nostra capacità di affrontare il presente e il futuro. Per sfruttare il passato, lo metabolizziamo estraendo e ricombinando le informazioni rilevanti per adattarle a nuove situazioni.

Cosa dovremmo fare? Questa pianificazione anticipata è un processo da incoraggiare in terapia, non sconfitto o neutralizzato. La malleabilità della memoria e il nostro coping orientato al futuro dovrebbero essere enfatizzati e incoraggiati: "I ricercatori hanno iniziato con successo test di terapie progettate per rompere questo schema addestrando i pazienti a prevedere risultati positivi e a vedere i rischi futuri in modo più realistico." (Naturalmente, questo ha è stato l'approccio della CBT per la depressione e l'ansia da sempre.)

Comunità, comunità, comunità . La comunità è il fattore fondamentale per la sopravvivenza e la soddisfazione umana. Infatti, Junger scopre, è la comunità a cui la gente restituisce che determina i risultati PTSD, e non gli eventi che la attivano:

Molti soldati ti diranno che una delle cose più difficili del tornare a casa è imparare a dormire senza la sicurezza di un gruppo di uomini armati pesantemente intorno a loro. In questo senso, essere in una zona di guerra con il tuo plotone è più sicuro di essere in un sobborgo americano da solo. . . Questa è un'esperienza radicalmente diversa da ciò che i guerrieri di altre società attraversano, come gli Yanomami, i bacini dell'Orinoco e dell'Amazzonia, che vanno in guerra con la loro intera fascia di età e tornano a confrontarsi, insieme, a prescindere dalle conseguenze psicologiche. Come un antropologo mi ha fatto notare, il trauma è di solito un'esperienza di gruppo, quindi il recupero dal trauma dovrebbe essere anche un'esperienza di gruppo. Ma nella nostra società non lo è.

"Il nostro intero approccio alla salute mentale è stato dirottato dalla logica farmaceutica", mi ha detto Gary Barker, un antropologo il cui gruppo, Promundo, si dedica alla comprensione e alla prevenzione della violenza. "Il PTSD è una crisi di connessione e interruzione, non una malattia che porti dentro di te."

E stiamo rispondendo al PTSD, al trauma e alla dipendenza ricostruendo le nostre comunità? No, stiamo andando nella direzione opposta:

Questa individualizzazione della salute mentale non è solo un problema americano, o un problema veterano; colpisce tutti. Un antropologo britannico di nome Bill West mi ha detto che l'estrema povertà degli anni '30 e il trauma collettivo del Blitz servivano a unificare un'intera generazione di inglesi. "Collego l'esperienza del Blitz al voto nel Partito Laburista nel 1945 e alla creazione del Servizio Sanitario Nazionale e di un forte stato sociale", ha affermato. "Quelle politiche sono state sostenute fino agli anni '60 da tutti i partiti politici. Questo tipo di coesione culturale, insieme al cristianesimo, è stato molto utile dopo la guerra. È una questione aperta se i problemi delle persone si trovano nell'individuo. Se un numero sufficiente di persone nella società è malato, è necessario chiedersi se non sia effettivamente la società a essere malata ".

Non so voi, ma non vedo l'ora che arrivi il film Dunkirk , dove i cittadini della Gran Bretagna, come una squadra, hanno preso le loro piccole e pesche barche da pesca per salvare le truppe britanniche e alleate dai nazisti sotto il bombardamento tedesco aerei:

Nel maggio 1940, la Germania avanzò in Francia, intrappolando le truppe alleate sulle spiagge di Dunkerque. Sotto la copertura aerea e terrestre delle forze britanniche e francesi, le truppe furono lentamente e metodicamente evacuate dalla spiaggia usando ogni nave navale e civile utile che potesse essere trovata. Alla fine di questa eroica missione, 330.000 soldati francesi, britannici, belgi e olandesi furono evacuati in sicurezza.

Non è così elettrizzante?

Ma chi si iscriverà a una miseria condivisa come questa? Non io e te, signor e signora America. Non offriamo volontari per il pericolo e la privazione per noi stessi o per i nostri figli, o anche per condividere ricordi orribili con coloro che tornano da esso – o che vivono in ambienti traumatizzanti al momento. Facciamo tutto il possibile per separarci da tali impostazioni, il che è comprensibile.

Non lo fanno in Israele.

Israele è probabilmente l'unico paese moderno che conserva un senso di comunità sufficiente a mitigare gli effetti del combattimento su vasta scala. Nonostante decenni di guerra intermittente, le Forze di Difesa Israeliane hanno un tasso di PTSD inferiore all'1 per cento. Due dei motivi principali hanno a che fare con il servizio militare nazionale e la vicinanza al combattimento: la guerra è praticamente alle porte. "Essere nell'esercito è qualcosa che la maggior parte delle persone ha fatto", mi è stato detto dal Dr. Arieh Shalev, che ha dedicato gli ultimi 20 anni allo studio del DPTS. "Coloro che tornano dal combattimento vengono reintegrati in una società in cui quelle esperienze sono molto ben comprese. Abbiamo fatto uno studio sui diciassettenni che avevano perso il padre nell'esercito, rispetto a quelli che avevano perso i loro padri per incidenti. Quelli i cui padri morirono in combattimento fecero molto meglio di quelli che i loro padri non avevano ".

Secondo Shalev, più il pubblico è vicino al combattimento reale, migliore sarà la guerra compresa e minore sarà la difficoltà dei soldati quando torneranno a casa. Gli israeliani stanno traendo beneficio da quello che si potrebbe chiamare il significato pubblico condiviso di una guerra. Tale significato pubblico, che spesso si verifica in più società tribali e comunali, sembra aiutare i soldati anche in una società completamente moderna come Israele. Probabilmente non è generato da frasi vuote e riflessive – come "Grazie per il tuo servizio" – che molti americani si sentono in dovere di offrire soldati e veterinari. Semmai, questi commenti servono solo a sottolineare l'enorme divario tra la società civile e militare in questo paese.

E così, come con la dipendenza in generale, ci stiamo imbarcando in un'illusione culturale – l'individualizzazione, la medicalizzazione e la reificazione delle tragiche prove – che in realtà perpetra, piuttosto che risolve, il trauma umano. Per quanto riguarda le conseguenze del nostro approccio al trauma, le sue manifestazioni – come con la dipendenza – continuano solo a peggiorare. Per Yunger:

Trentacinque anni dopo aver riconosciuto il problema nella sua forma attuale, l'esercito americano ora ha il più alto tasso di PTSD nella sua storia e probabilmente nel mondo.

E proseguiamo, "felicemente", sempre più in questa direzione.

Solutions Collecting From Web of "Trauma Nation"