Trauma e Sonno I

Ho fatto il mio internato in un ospedale della Veterans Administration in un'epoca in cui i veterani del Vietnam stavano entrando in un sistema a cui molti avevano poca fiducia. Erano affetti da effetti che sembravano correlati al loro servizio durante la guerra ma non era sempre chiaro quale aiuto fosse davvero disponibile Negli anni '70 fu riconosciuto dai servizi medici e di salute mentale nel VA che i veterani stavano subendo gli effetti psicologici e fisici del combattimento in una lunga e difficile guerra. In effetti, molti dei veterani con cui ho lavorato sentivano ancora gli effetti psicologici delle loro esperienze nella seconda guerra mondiale e in Corea.

Fin dalla fine del 1600 una costellazione di sintomi, tra cui umore basso, pensieri ripetitivi, perdita di appetito, ansia e insonnia, erano identificati dai medici militari come legati alla partecipazione al combattimento. Più tardi i medici militari hanno notato sintomi simili nei veterani della guerra civile americana. La guerra divenne sempre più brutale e industrializzata durante la prima guerra mondiale e questi sintomi divennero comuni tra i soldati in combattimento. Il disturbo era noto come "shock shell". I sintomi furono inizialmente attribuiti all'effetto di commozioni cerebrali causate dalle massicce esplosioni di proiettili di artiglieria, che erano usati da milioni di persone. Alcuni medici, tuttavia, ne dubitarono e iniziarono ad attribuire "shock shell" a fattori psicologici. I trattamenti precoci prevedevano il supporto e il ritorno alla battaglia, ma molte vittime erano considerate vigliacche e venivano trattate duramente. Col tempo fu ampiamente riconosciuto che questi sintomi erano, in realtà, causati da stress psicologico. Con la seconda guerra mondiale i professionisti medici e psichiatrici attribuirono la condizione di "shock shell" allo stress psicologico delle condizioni estreme del combattimento. Termini come "fatica da combattimento" sono stati usati e gli interventi psicologici precoci hanno avuto successo nel riportare molti soldati in guerra, ma non era chiaro quale sarebbe stato l'impatto a lungo termine di queste esperienze. Dopo gli orrori della guerra del Vietnam, fu stabilita una connessione chiara tra lo stress psicologico e la sindrome ora chiamata disturbo da stress post-traumatico (PTSD).

Questo era il nome usato dall'American Psychiatric Association nel suo Manuale Diagnostico e Statistico del 1980, terza edizione, per descrivere i sintomi precedentemente noti come "shock shell" o "combat fatigue". È stato riconosciuto che i civili che hanno subito eventi terrificanti e potenzialmente letali come assalti, stupri o disastri naturali come la distruzione di una città da parte di un tornado, potrebbero anche sperimentare questi effetti traumatici. Sia il personale militare che i civili erano potenziali malati di PTSD. Negli ultimi decenni c'è stato un crescente riconoscimento dell'impatto del trauma psicologico sullo sviluppo di disturbi psicologici e psichiatrici.

Il trauma psicologico è stato purtroppo abbastanza comune nel corso della storia umana. Un elenco parziale di cause includerebbe guerra, aggressione, abuso sessuale, violenza domestica, pedofilia, disastri naturali, tortura e bullismo di bambini e adulti. I disturbi correlati al trauma possono assumere diverse forme. Il Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali, quinta edizione, elenca i seguenti traumi e disturbi legati allo stress: disturbo dell'attaccamento reattivo, disturbo di impegno sociale disinibito, disturbo da stress post-traumatico, disturbo da stress acuto e disturbi dell'adattamento. Disturbi del sonno, tipicamente insonnia, sono tra i criteri diagnostici per il disturbo da stress post-traumatico e il disturbo da stress acuto.

Ci sono molti cambiamenti neuronali e fisiologici che seguono l'esposizione a stress grave (Stahl, 2013). Ad esempio, la perdita neuronale e le diminuite connessioni sinaptiche sono state notate in disturbi depressivi e ansiosi come il DPTS. L'amigdala è un centro cerebrale importante che è coinvolto nella regolazione della paura e nella risposta al combattimento o al volo. Le risposte motorie di volo, combattimento e congelamento sono, almeno in parte, regolate dall'attivazione dell'amigdala. La risposta al combattimento o al volo porta ad un aumento del rilascio di ormoni dello stress tra cui cortisolo e adrenalina. Nel disturbo da stress post-traumatico questi livelli di ormone dello stress possono essere cronicamente elevati rendendo l'individuo più suscettibile a futuri episodi di stress. Il sistema della serotonina è coinvolto nella regolazione di una serie di importanti circuiti cerebrali come la corteccia prefrontale, lo striato e il talamo, che sono tutti coinvolti nell'esperienza della paura e della preoccupazione. Un ridotto livello di serotonina, derivante da stress prolungato e / o intenso, è un fattore nello sviluppo dei sintomi dello stress post-traumatico. Anche il condizionamento della paura gioca un ruolo importante. Ad esempio, dopo un'esperienza di guerra di estrema paura e stress, l'esposizione a ricordi di stress come l'odore di gomma bruciata, l'esplosione di fuochi d'artificio o la visione di immagini di atrocità possono scatenare ricordi intensi e ansiogeni dello stress da combattimento iniziale .

L'epigenetica è un'area di studio che ha a che fare con i cambiamenti che avvengono negli organismi a causa di alterazioni nell'espressione genica piuttosto che da modifiche della genetica sottostante di quegli organismi. È un'area di ricerca complessa e controversa, ma sembra che gli effetti dello stress traumatico possano indurre cambiamenti di lunga durata che portano ad alterazioni degli ormoni dello stress che possono persistere per decenni, non solo in coloro che hanno realmente sperimentato lo stress estremo, ma possono anche influenzare i loro figli. Esempi di questo sarebbero accresciute risposte di stress nei bambini di sopravvissuti a eventi come il bombardamento atomico di Hiroshima o l'Olocausto. L'impatto di uno stress grave può quindi estendersi anche oltre la generazione direttamente traumatizzata.

È chiaro che molte caratteristiche di stress traumatico incidono e interferiscono con il sonno. La grave ansia e lo stress associati a traumi psicologici contribuiscono a un eccesso di eccitazione che persiste nella notte e causa insonnia. La depressione è un disturbo comune dopo il trauma e provoca difficoltà nel cadere e nel rimanere addormentati. Gli incubi frequenti e terrificanti interrompono il sonno. Anche la paura di avere incubi può rendere difficile addormentarsi. I farmaci usati per trattare la depressione e l'ansia possono, in alcuni casi, influenzare negativamente il sonno. Nel prossimo post prenderò in maggiore considerazione l'interazione tra stress traumatico e disturbi del sonno.

American Psychiatric Association, (2013). Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali, quinto Ed. American Psychiatric Publishing: Washington, DC

Stahl, SM, (2013). Stahl's Essential Psychopharmacology 4th Ed. Cambridge University Press: New York.

Fonte: http://commons.wikimedia.org/wiki/File:Yin_and_Yang.svg#/media/File:Yin_…

Solutions Collecting From Web of "Trauma e Sonno I"