Trattenimento dei reclami: il ruolo del potere relazionale

Chiunque abbia passato del tempo significativo con un'altra persona sa che, a volte, le persone possono essere noiose. Che si tratti di un amico, un familiare, un collega o un partner romantico, a volte questi individui ci disturbano. Una domanda logica che nasce da questo fastidio interno è se avvicinarsi o meno al soggetto con la persona amata su tali irritazioni. A volte ci avviciniamo a questo argomento, e altre volte tratteniamo la comunicazione. Cosa succede, però, quando ripetutamente evitiamo discussioni su comportamenti irritanti?

I ricercatori (ad esempio, Cloven, Roloff) hanno passato anni a studiare il motivo per cui evitiamo costantemente di comunicare le frustrazioni relazionali. Per chiarire, evitare un argomento non è necessariamente una cosa negativa (in effetti, ho scritto in altre voci come questo potrebbe aiutare a mantenere le relazioni). Tuttavia, qualsiasi cosa in eccesso può essere indicativa di un problema, in altre parole, evitando ripetutamente una conversazione sulla fonte delle vostre frustrazioni potrebbe essere problematico.

I ricercatori hanno ipotizzato che le dinamiche relazionali potrebbero causare un effetto agghiacciante, in cui i fattori che compongono la relazione si traducono nell'evitare la comunicazione delle irritazioni. Al centro di queste percezioni, sostengono, sono le dinamiche di potere. Propongono che queste dinamiche del potere si manifestino principalmente in due modi.

1. In primo luogo, la percezione che il proprio partner sia aggressivo può risultare nell'evitare l'espressione di lamentele sulla propria relazione o sul proprio / a partner. Cioè, se ritieni che il tuo partner sia aggressivo, (ad esempio, verbalmente e / o fisicamente) hai meno probabilità di esprimere le tue lamentele.

2. In secondo luogo, se credi che il tuo partner romantico sia a) meno impegnato di te, eb) abbia alternative relazionali migliori, allora hai meno probabilità di comunicare sulle frustrazioni relazionali. Ad esempio, Cory ritiene che Topanga sia meno impegnato di lui e, contemporaneamente, che Topanga abbia opzioni migliori per altre persone rispetto a Cory. Questa percezione è chiamata potere di dipendenza perché Cory, rispetto a Topanga, è più dipendente dalla relazione. Di conseguenza, Cory evita di comunicare le sue frustrazioni con Topanga perché crede che potrebbe andarsene.

Collettivamente, le percezioni del potere possono essere al centro della comprensione delle decisioni degli individui di avvicinarsi o evitare conversazioni sulle frustrazioni relazionali. Il potere è una percezione, ed è parzialmente formato quando si valuta l'impegno del partner e la sua aggressività.

Con l'avvicinarsi delle vacanze, è probabile che tu possa partecipare a funzioni sociali a tema festivo. Ciò che viene fornito è la garanzia di assistere a interazioni di coppia scomode e scomode. Questo pone la domanda se l'effetto agghiacciante è in gioco.

Il Dr. Sean M. Horan è un professore di comunicazione. Seguilo su Twitter @TheRealDrSean. La sua area di competenza è la comunicazione attraverso le relazioni, con argomenti quali l'inganno, l'affetto, l'amore sul posto di lavoro, il rischio / sicurezza sessuale, l'attrazione, l'affetto ingannevole e le impressioni iniziali. Il suo lavoro / commento è apparso su CNN, ABC, Fox, Wall Street Journal e altro ancora.

Per ulteriori letture, controlla:

Cloven, DH, & Roloff, ME (1993). L'effetto agghiacciante del potenziale aggressivo sull'espressione dei reclami nelle relazioni intime. Monografie di comunicazione, 60 , 199-219.

Solutions Collecting From Web of "Trattenimento dei reclami: il ruolo del potere relazionale"