Trattamento della malattia di Lyme: Mouse come arma di distruzione di massa?

Molti lettori di Psychology Today hanno espresso le loro preoccupazioni riguardo l'impatto negativo (l'infezione da dolore cronico, stanchezza cronica) con la malattia di Lyme ha avuto sulla loro vita. Un recente articolo su The New Yorker si è concentrato sulla possibilità di utilizzare tecnologie di editing genetico per affrontare il problema della malattia di Lyme.

La malattia di Lyme è una malattia trasmessa dalle zecche. Le zecche compiono questa trasmissione del batterio che causa la malattia di Lyme, la Borrelia burgdorferi (B burgdorferi), principalmente nutrendosi di piccoli mammiferi, come topi di cervo, che sono cronicamente infetti dal batterio della malattia di Lyme. Le zecche mordono le persone e le persone scendono con la malattia di Lyme.

Gli scienziati stanno ora sviluppando geni per produrre un'immunità significativa alla B burgdorferi (malattia di Lyme), pianificando di legarli in topi e allevare quella popolazione in modo che sia effettivamente immune alla malattia di Lyme. Quindi questi topi potrebbero essere rilasciati per riprodursi con topi nativi e quindi alla fine rendere l'intera popolazione di roditori libera da questa infezione. Le zecche si nutrono di topi che non hanno più la malattia di Lyme, quindi non lo trasmetteranno più efficacemente agli esseri umani.

Ma poi arriva quell'eco fastidiosa, che rimbalza dalla confezione di quel sacchetto di patatine senza OGM che abbiamo raccolto per la giornata di gioco: quando è buona cosa ingegnare la natura? Oppure, come affermerebbero i nostri amici nel settore della sanità pubblica, qual è il calcolo del rapporto rischio-beneficio qui?

Dopotutto, una volta raggiunta una certa struttura scientifica con il processo di ingegneria genetica, quale mente malvagia potrebbe prendere in considerazione l'arma di quella fastidiosa zanzara o quel simpatico topolino?

Poiché solo circa il 25-30% dei pazienti statunitensi con malattia di Lyme precoce ricorda la puntura di zecca, il medico che incontra il paziente che può presentare la malattia di Lyme deve indirizzare la storia verso la possibilità di una puntura di zecca, ipotizzando un potenziale Lyme la vittima della malattia ha la fortuna di incontrare un operatore sanitario che sta considerando la malattia di Lyme come una possibile diagnosi. (In Europa, il 64% non ricorda di essere stato morso.) I pazienti sono generalmente inconsapevoli di una puntura di zecca perché queste zecche sono estremamente piccole (le zecche Ixodes ninfali sono circa le dimensioni di un seme di papavero) e i loro morsi sono spesso indolori.

Non c'è da meravigliarsi che la diagnosi della malattia di Lyme sia spesso ritardata.

E quindi non sorprende che un'alternativa al lento processo diagnostico, come l'approccio di prevenzione dell'ingegneria genetica, sia di grande interesse per la comunità scientifica: come con molte infezioni, un pronto trattamento migliora notevolmente il successo di qualsiasi terapia scelta; forse un giorno non dovremo trattare.

Solutions Collecting From Web of "Trattamento della malattia di Lyme: Mouse come arma di distruzione di massa?"