Trattamento della depressione con stimolazione cerebrale profonda

Un recente articolo dell'Archives of General Psychiatry, un importante giornale psichiatrico, descrive uno studio che studia la stimolazione cerebrale profonda (DBS) per il trattamento della depressione. Questo studio ha coinvolto la stimolazione elettrica di una specifica regione del cervello tramite elettrodi impiantati chirurgicamente in 17 persone affette da grave depressione resistente al trattamento. I partecipanti sono stati valutati per un periodo di due anni dopo l'intervento. La DBS che coinvolge una diversa localizzazione del cervello è stata utilizzata con successo per molti anni per aiutare i pazienti con malattia di Parkinson.

I 17 pazienti in questo studio erano tutti molto malati. In media, avevano 40 anni e avevano il loro primo episodio di depressione intorno ai 20 anni. La maggior parte era stata ricoverata in ospedale e tutti erano stati trattati con una varietà di farmaci e terapie. Molti non avevano risposto alla terapia elettroconvulsiva (ECT). Quasi la metà ha tentato il suicidio e la durata media dell'attuale episodio depressivo è durata oltre 5 anni. Dieci dei partecipanti allo studio non hanno mai avuto episodi di mania o di ipomania e quindi hanno sofferto di depressione "unipolare". Sette soffrivano di depressione associata a disturbo bipolare (cioè, avevano avuto precedenti episodi di ipomania). La maggior parte non era in grado di lavorare a causa della loro depressione.

Dopo sei mesi di DBS, sette persone hanno dimostrato un miglioramento clinicamente significativo e tre sono migliorate in modo così drammatico da essere ritenute in remissione (il che significa che avevano pochissimi o nessun sintomo residuo). Dopo due anni di stimolazione, il 92 percento era migliorato sostanzialmente e il 58 percento era classificato come in remissione. In particolare, i pazienti con depressione bipolare, che è spesso molto difficile da trattare, hanno risposto altrettanto bene alla stimolazione di quelli con depressione unipolare. Nessun paziente ha sviluppato sintomi maniacali o ipomaniacali a causa della DBS.

Il progetto di ricerca originale prevedeva un periodo di tempo programmato in cui la stimolazione elettrica veniva interrotta in alcuni dei partecipanti a loro insaputa. Questo è stato fatto per determinare se gli effetti osservati fossero veramente il risultato della stimolazione elettrica. Quando questa parte del protocollo di ricerca fu tentata in tre partecipanti, essi recidivarono rapidamente e divennero gravemente depressi. Questo era così drammatico che questa parte del protocollo fu eliminata per ragioni etiche. Quando la stimolazione è stata riavviata in queste tre persone, hanno risposto, ma ci sono voluti mesi per riconquistare il terreno perduto.

Un aspetto importante di questo studio è che aiuta a convalidare precedenti ricerche neuroscientifiche che definiscono percorsi cerebrali correlati alla depressione. L'area specifica del cervello è stata scelta per la DBS in questo progetto sulla base di una ricerca precedente che utilizza gli strumenti di neuroimaging e neuroanatomia per determinare i circuiti cerebrali coinvolti nella depressione. I risultati di questo studio sono molto incoraggianti e, a nostra conoscenza, questo segna il primo trattamento in psichiatria ad evolversi dalla ricerca di neuroimaging. Altre ricerche hanno fornito prove preliminari che stimolare una diversa regione del cervello può aiutare a trattare il disturbo ossessivo-compulsivo (OCD) grave. Queste sono dimostrazioni dirette che mirare a specifiche aree del cervello per trattare le malattie psichiatriche è sia possibile che efficace. Mentre i ricercatori continuano a mappare i circuiti cerebrali che sono anormali in specifiche malattie psichiatriche, si spera che si possano sviluppare metodi meno invasivi per influenzare questi circuiti cerebrali. L'impianto di elettrodi nel cervello di una persona è invasivo, costoso e può avere effetti collaterali; tuttavia, riteniamo che sarà solo questione di tempo prima che vengano sviluppati approcci meno invasivi per correggere circuiti che funzionano in modo anomalo.

Una volta che la DBS è approvata per l'uso in depressione, sarà molto importante che venga utilizzata solo per le persone con una malattia grave e chiaramente definita. Molti pazienti soffrono di forme di depressione complicate da disturbi della personalità e disturbi da abuso di sostanze. Fino a quando ea meno che questo trattamento invasivo non abbia dimostrato di funzionare in pazienti con queste diagnosi miste, dovrebbe essere riservato ai pazienti con depressione grave unipolare o bipolare chiaramente definita non complicata da altri disturbi psichiatrici.

La stimolazione cerebrale profonda rappresenta un passo significativo verso una migliore comprensione dei percorsi cerebrali e la disabilitazione dei disturbi cerebrali. È importante notare, tuttavia, che DBS è uno strumento sperimentale. Abbiamo ancora molto da imparare sui benefici e sui rischi di questo tipo di trattamento prima che diventi più ampiamente disponibile.

Questa colonna è stata co-scritta da Eugene Rubin MD, PhD e Charles Zorumski MD.

Solutions Collecting From Web of "Trattamento della depressione con stimolazione cerebrale profonda"