Trattamento del disturbo alimentare: nel supporto transitorio domestico

Aletia/BigStock
Fonte: Aletia / BigStock

I disturbi alimentari sono estremamente gravi. Di tutti i disturbi mentali, i tassi di mortalità sono più alti tra quelli che soffrono di disturbi alimentari – fino a 12 volte più alti rispetto all'anoressia nervosa rispetto ai tassi di mortalità associati a tutte le altre cause per le femmine di età compresa tra 15 e 24 anni. [1] Aggiungere elevati tassi di suicidio e cancro associati ai disturbi alimentari [2] e la necessità di un trattamento a lungo termine è chiara.

Storicamente, i tassi di recidiva sono ostinatamente alti tra quelli con disturbi alimentari. I tassi di ricaduta della bulimia entro i primi sei mesi sono del 30-50%. Per l'anoressia nervosa, la recidiva può raggiungere il 65% ed è massima durante i primi 4-12 mesi dopo il trattamento. [3]

Nonostante il trattamento di qualità e persino un sostegno familiare positivo al momento del ritorno a casa, il risultato per circa la metà dei pazienti post-trattamento è stato ricaduto. Tradizionalmente, la risposta alla ricaduta è stata riammessi in una struttura di trattamento residenziale. Le spese finanziarie e l'interruzione della vita – mettendo posti di lavoro, la scuola e le famiglie in attesa per altre 4-6 settimane – portano la propria angoscia mentale.

Ora, attraverso l'avvento della tecnologia e una rete nazionale di professionisti del trattamento dei disordini alimentari autorizzati e con licenza, è in atto una rivoluzione nell'ambiente post-trattamento. Recentemente, reti di specialisti del trattamento in quasi tutti gli stati hanno iniziato a connettersi con i clienti post-trattamento attraverso reti basate su Internet. Gli specialisti del disturbo alimentare transitorio incontrano i clienti nelle loro case, nei ristoranti locali, nei campus universitari o appena fuori dal campus per fornire assistenza e coaching ai pasti. I tassi di recidiva e le vite interrotte sono stati combattuti, con risultati importanti.

Ecco i 5 vantaggi di In the Home / On Campus Meal Support and Coaching:

  1. Riduzione dei tassi di recidive . La linea di fondo per il trattamento del disturbo alimentare è di renderlo duraturo. Le statistiche mostrano che il periodo più vulnerabile è il primo anno dopo il trattamento. [4] Iniziare a casa il supporto non appena un individuo torna a casa può aiutare a gestire gli stressanti della vita.
  2. Motivazione critica per continuare il recupero . Molti studiosi di disturbi alimentari hanno notato che una delle maggiori sfide inerenti al trattamento dei pazienti con anoressia nervosa è la marcata ambivalenza riguardo al recupero. [5] Fornendo un supporto transitorio personalizzato, il cliente mantiene l'ulteriore incentivo della terapia basata sulla relazione. Gli aspetti sociali e le componenti misurabili basate sui risultati del follow-up fungono da forti rinforzi dei benefici del mantenimento del recupero.
  3. Responsabilità Un partner fidato e un compagno di squadra in fase di recupero è potentemente efficace. Proprio come altri aspetti della vita – essendo un membro di una squadra sportiva, avendo un incarico di lavoro di gruppo, impegnandosi in un formatore di programmi di fitness – rispondiamo quando gli altri ci contano e ci supportano. Tenere un cliente post-trattamento responsabile di una sana routine funziona. Non esiste un modo migliore per farlo rispetto al sostanzioso sostegno alimentare di persona.
  4. Interrompere la routine e l'ambiente che hanno contribuito al disturbo iniziale . Il proprio ambiente può essere un potente fattore che contribuisce ad acquisire e mantenere un disturbo alimentare [6]. Ritornare a quell'ambiente, senza cambiamenti, può essere terreno fertile che può innescare una ricaduta. Nel supporto transitorio domestico fornisce un nuovo elemento chiave per quell'ambiente, con un differenziatore psicologico e uno sbocco che altrimenti non esisterebbe.

  5. Stile di vita e considerazioni finanziarie . Le persone che lottano con i disturbi dell'alimentazione vivono come tutti gli altri – lavori, lezioni, famiglie, bambini e importanti eventi della vita da preparare o frequentare. Prendendo 4-6 settimane ripetutamente dalla propria vita, lontano da questi importanti impegni, può essere seriamente distruttivo. Questo può causare stress e ansia. Se uno sta lottando con un disturbo alimentare, il ritorno al trattamento può essere estremamente sgonfiante. Inoltre, il trattamento può costare a una persona o alla sua famiglia decine di migliaia di dollari, mettendo ancora più stress sulla famiglia. Con il supporto a domicilio, l'interruzione della vita è minima o inesistente, e il costo di questa assistenza di transizione è una frazione di cure ospedaliere residenziali o parziali.

Per coloro che vivono nella comunità dei disordini alimentari, è un momento eccitante in quanto si osservano progressi. Le strutture di trattamento residenziali salvano vite e possono produrre risultati eccezionali. Una volta che il cliente lascia quell'ambiente controllato, è incoraggiante sapere che la nuova tecnologia è in grado di supportare la terapia e la terapia domiciliare, estendendo il valore ottenuto nel trattamento. L'obiettivo finale è estendere quei guadagni per sempre e ridurre i tassi di recidiva verso zero.

[1] Associazione nazionale di anoressia nervosa e disturbi associati

[2] https://www.nationaleatingdisorders.org/mortality-and-eating-disorders

[3] http://eatingdisordersreview.com/nl/nl_edr_24_1_4.html

[4] Primary Care: una pratica collaborativa, di Terry Mahan Buttaro, JoAnn Trybulski, Patricia Polgar Bailey, Joanne Sandberg-Cook

[5] International Journal of Eating Disorders. 2008; 41: 368

[6] http://eatingdisorder.org/eating-disorder-information/underlying-causes/

Greta Gleissner è la co-fondatrice di Eating Disorder Recovery Specialists, una rete nazionale di specialisti del trattamento dei disturbi alimentari che forniscono competenze di coaching e recupero come CBT, DBT, ACT, MI, ecc. Gli EDRS lavorano insieme a programmi di trattamento, team e famiglie per fornire supporto post-intervento transitorio per i clienti del trattamento post-residenziale.

Solutions Collecting From Web of "Trattamento del disturbo alimentare: nel supporto transitorio domestico"