Trattamenti non farmacologici per il dolore cronico

Dolore cronico: soffrono milioni di persone, mancano opzioni non farmacologiche

Molte persone con dolore cronico sono terrorizzate dal fatto che se si muovono, si danneggeranno ulteriormente. Ma nulla potrebbe essere più lontano dalla verità.

Il dolore cronico colpisce 100 milioni di adulti statunitensi.

E costa oltre $ 635 miliardi all'anno alla nazione.

Esercizio, agopuntura e altri trattamenti non farmacologici mostrano una promessa.

Anche se il dolore cronico è spesso nascosto dalle prime pagine e dagli schermi televisivi degli Stati Uniti, è in realtà il più grande problema di salute degli americani. Il dolore cronico, in genere definito come un dolore che dura da più di tre a sei mesi, colpisce 100 milioni di americani adulti, secondo un rapporto del 2011 dell'Istituto di Medicina, parte dell'Accademia Nazionale delle Scienze. Nel 2010 era più del 40% della popolazione adulta. È la ragione principale per cui la gente va dai medici e costa oltre 635 miliardi di dollari all'anno, più di cancro, malattie cardiache e diabete messi insieme.

Nonostante la prevalenza del dolore cronico, molte persone, tra cui molti medici, non sono a conoscenza del crescente numero di trattamenti non narcotici, supportati da una considerevole ricerca.

Il principale tra questi è l'esercizio. Certo, molte persone con dolore cronico sono terrorizzate dal fatto che se si muovono, si danneggeranno ulteriormente, un problema tecnicamente chiamato kinesiofobia: paura del movimento. Ma nulla potrebbe essere più lontano dalla verità.

"Ad oggi, non ci sono prove scientifiche che l'attività e gli esercizi siano dannosi, o che l'attività inducente il dolore debba essere evitata", afferma James Rainville, specialista di riabilitazione e colonna vertebrale presso il New England Baptist Hospital di Boston.

L'esercizio è il più vicino possibile a una bacchetta magica per il dolore. Anche gli esercizi "aggressivi", dice Rainville, spesso non aumentano il rischio di ulteriori problemi alla schiena nelle persone con lombalgia cronica, come hanno dimostrato studi.

Infatti, dice, le persone con lombalgia dovrebbero uscire e "fare esercizio fisico, correre, sciare e praticare sport come desiderano".

Quando le persone che soffrono ottengono il coraggio di esercitare, sono spesso piacevolmente sorprese: in un sondaggio del 2008 di oltre 14.000 abbonati a Consumer Reports , la misura più votata per alleviare il mal di schiena era l'esercizio fisico.

L'esercizio fisico è anche un modo efficace per prevenire il dolore cronico. Tra i giovani e le persone di mezza età, la prevalenza del dolore cronico era inferiore del 10% al 12% per gli atleti, uno studio norvegese del 2011 condotto su 46.533 adulti adulti. Il vantaggio diventa ancora più sorprendente per le persone anziane. Per le donne di 65 anni e più, la prevalenza del dolore cronico era tra il 21% e il 38% più bassa tra i partecipanti; per gli uomini, gli atleti hanno avuto un vantaggio significativo, anche se leggermente più piccolo.

Altri trattamenti non farmacologici stanno anche guadagnando l'approvazione della medicina tradizionale.

L'agopuntura veniva dismessa poco più di un placebo, una convinzione sostenuta da alcuni studi che mostravano che l'agopuntura "finta" era quasi altrettanto efficace per alleviare il dolore come vera agopuntura (inserimento di veri aghi in punti noti di agopuntura).

Ma studi più recenti suggeriscono diversamente. Uno studio del 2010 sui topi (che, presumibilmente, non sono soggetti all'effetto placebo), ha dimostrato che l'agopuntura stimola l'adenosina, un potente antidolorifico prodotto naturalmente nel corpo. Uno studio del 2009 che ha utilizzato le scansioni cerebrali ha dimostrato che le persone diventano reali, ma non fasulle, l'agopuntura ha cambiamenti nei percorsi nervosi che scendono dal cervello al resto del corpo, un modo importante in cui il sistema nervoso può controllare il dolore. E uno studio del 2012 dal Memorial Sloan-Kettering Cancer Institute di New York su quasi 18.000 pazienti ha rilevato che per molti tipi di dolore cronico, l'agopuntura reale era migliore di quella sham o no dell'agopuntura.

L'agopuntura "è efficace per il trattamento del dolore cronico ed è quindi un'opzione di riferimento ragionevole", hanno concluso i ricercatori. È, hanno detto, "più di un placebo".

Altri approcci, inclusi il massaggio, la terapia cognitivo-comportamentale, la meditazione, il biofeedback e, in alcuni studi, la manipolazione chiropratica, tutto può essere utile per alleviare il dolore cronico. Allo stesso tempo, alcuni approcci non sono stati supportati dalla ricerca, compresi gli studi sulla magnetoterapia.

Il messaggio da portare a casa non è quello di rinunciare: non aver paura di provare i farmaci oppiacei se tu e il tuo medico pensate di averne bisogno e li potete prendere responsabilmente. Ma che tu lo faccia o no, segui pure i trattamenti non farmacologici. Un approccio multi-lungo è di gran lunga il più probabile per produrre i benefici desiderati.

(Judy Foreman è l'autrice del nuovo libro "A Nation In Pain – Healing Our Biggest Health Problem", pubblicato questa settimana dalla Oxford University Press).

Cos'è il dolore cronico?

Il dolore cronico non è solo dolore acuto che non va via.

Può letteralmente ridurre il cervello, riducendo il volume della materia grigia fino a 20 anni di invecchiamento, come hanno dimostrato i ricercatori della Northwestern University. Il dolore cronico può diventare non solo un sintomo di qualcos'altro, ma una trasformazione di un normale sistema nervoso in un treno merci ad alta velocità, in cui il corpo non ha più bisogno di una ferita per innescare i nervi accelerati dal dolore. da soli.

In un certo senso, il dolore cronico non è poi così diverso dall'imparare a suonare il piano o parlare francese. Più il corpo "pratica" l'elaborazione del dolore, meglio lo prende e più forti diventano le connessioni tra i nervi del dolore. Alla fine, anche il minimo tocco, come una piuma sulla pelle, arriva a sentirsi come la scottatura di una fiamma ossidrica, una condizione chiamata allodinia. Il dolore può diventare così inesorabile che, per alcune persone, il suicidio sembra l'unica via d'uscita; in effetti, il rischio di suicidio per le persone con dolore cronico è il doppio rispetto ad altre persone.

Questo blog è originariamente apparso in USA Today:

usatoday.com/chronic-pain-treatment

Solutions Collecting From Web of "Trattamenti non farmacologici per il dolore cronico"