Trasforma la tua voce interiore critica e di controllo in un MO CALM

Una delle fonti più comuni di problemi psicologici per gli individui è il modo in cui si riferiscono ai loro sentimenti negativi. Per capire come si sviluppa questo disturbo, è prima importante capire che gli umani hanno due flussi di coscienza, uno che è un flusso esperienziale che consiste in percezioni non verbali e le prime reazioni emotive, e in secondo luogo un flusso autoriflessivo che può narrare e valutare le cose che stanno accadendo, sia dentro che fuori. La relazione interna tra il flusso emotivo primario e il narratore riflessivo è cruciale. Spesso, la parte narrante della psiche è molto frustrata dalla sensibilità o dalla negatività della porzione dell'esperienza. Inoltre, per alcune persone il narratore interpreta i sentimenti negativi come la fonte di un problema piuttosto che segnalare un problema, e la soluzione che viene sviluppata è quella in cui il sé narrante sta punendo o criticando o controllando il sé esperienziale. Pertanto, l'individuo spesso ritiene che i sentimenti stessi siano problematici e cerca di evitare o controllare i sentimenti ("Non voglio andare lì"; "Non ha senso sentirlo"; "Roteare nel mio dolore non fa nulla" sono i tipi di giustificazioni che legittimano la repressione e l'elusione). Inoltre, come un genitore critico, l'individuo spesso si attacca per i propri sentimenti, chiedendosi perché non possono semplicemente lasciarlo andare o semplicemente essere felici o perché sono così deboli. Il problema con questo è che questo atteggiamento crea grovigli intrapsichici e cicli viziosi perché se si sentono male nel sentirsi male probabilmente si sentiranno sempre peggio. Qual'è la soluzione? Sostengo un approccio integrato alla consapevolezza psicologica catturato dall'acronimo CALM MO. Questo si riferisce ad un "Osservatore Meta-cognitivo" che coltiva un atteggiamento interiore di Curiosità, Accettazione, Amorevole compassione e che è motivato ad imparare e crescere.

Un esempio di caso può aiutare a chiarire che aspetto ha e come può essere utilizzato un intervento CALM MO:

Ashley * ha riferito che i suoi sentimenti di ansia e depressione sono peggiorati quando era in terza media. Aveva sempre sentito di essere un po 'sensibile e non le piaceva l'idea di gravare sui suoi genitori i suoi sentimenti negativi, poiché erano spesso stressati da soli. Poi quando divorziarono, tutto andò in overdrive. Aveva a che fare con sentimenti sempre più negativi dentro, la sua famiglia si stava dividendo all'esterno, e non aveva davvero nessuno con cui parlarne. Desiderava poter essere forte, così ha cercato di non pensare ai suoi sentimenti e concentrarsi sul suo lavoro scolastico. Nel corso del tempo, tuttavia, è diventata sempre più esausta e in calo. Suo padre si trasferì e le cose si sistemarono in famiglia, ma lei non riuscì a scuotere il suo stato d'animo negativo. Sua madre notò che non stava uscendo con i suoi amici così tanto ed era nella sua stanza molto più di una volta. Alla fine, sua madre ha chiesto ad Ashley in un modo che Ashley ha parlato e ha detto che si sentiva giù. Sua madre ha preso un appuntamento con il loro medico di famiglia e Ashley è stata messa sul Prozac che sembrava aiutare alcuni.

Gli anni delle scuole medie e superiori di Ashley erano migliori. Ha fatto alcuni nuovi amici e ha avuto un ragazzo serio per la prima volta. Ha anche apprezzato le sue lezioni di più e ha fatto abbastanza bene per entrare nel suo "sperato per il college". Tuttavia, il lancio da casa all'università non era andato bene e ora era ancora una volta in prima fila. Aveva sperato che sarebbe stata libera dai suoi sentimenti negativi e depressivi per sempre, ma ora si chiedeva se avrebbe sempre avuto a che fare con loro. La difficoltà è iniziata subito dopo il college. Non andava d'accordo con la sua compagna di stanza. E la sua coinquilina aveva fatto amicizia con le ragazze della sua suite, quindi si sentì subito isolata. Ha pensato a se stessa come "pre-med" quindi si era iscritta a prendere il calcolo, la biologia e la chimica e, ora, 8 settimane nel semestre, era completamente sbattuta con un lavoro che non le piaceva o non capiva. Si ritrovò sempre più ansiosa e frustrata mentre cercava di fare il suo lavoro al college. Inoltre, aveva appreso che suo padre aveva avuto una relazione prima del divorzio. Questo l'ha davvero infastidita.

Non solo stava succedendo tutto questo, era anche chiaro che Ashley non elaborava le sue emozioni nel modo più sano. Come tanti individui, considerava spesso i suoi sentimenti negativi come un problema da controllare, da gestire o da evitare piuttosto che da esperienza. Ecco un esempio:

"Quindi," dissi, "sembra che tu abbia avuto un momento difficile ultimamente."

"Sì, fa schifo", si lamentò. "Odio sentirmi in questo modo. Cerco di non pensarci e mi costringo a fare il mio lavoro. So che devo fare questa cosa, e qui sono preoccupato e mi dispiace per me stesso ".

"Qualcuno sa che ti senti in questo modo?"

"No. Normalmente, vorrei parlare con mia madre, ma non voglio preoccuparla. Inoltre, lei è a tre ore di distanza. Cosa può fare lei? E so che ha a che fare molto. Sta ancora insistendo molto sulle finanze e ha a che fare con mio fratello [suo fratello è un diabetico di tipo I]. "

"E i tuoi amici?"

"Beh, il mio migliore amico della scuola sa che non sto andando molto bene, ma lei è in un college diverso e si sta divertendo molto, quindi non parlo così tanto con lei."

"Allora cosa pensi che devi fare?"

"Non lo so. Penso di aver solo bisogno di capire come smettere di sentirmi in questo modo. Voglio dire, sempre di più, mi sento sia ansioso o frustrato o giù. E fa schifo e mi impedisce di fare il mio lavoro. Ho solo bisogno di succhiarlo, allontanarmelo dalla mente e tornare al lavoro. Se rovino i miei voti il ​​mio primo anno, non sarò mai premiato e questo mi farà davvero schifo. Forse ho bisogno di tornare sui farmaci. Sembravano aiutare. "

"Potrebbe avere senso, Ashley. Ma voglio anche suggerirti che penso che il modo in cui ti rapportano ai tuoi sentimenti sta generando alcuni problemi ".

"Cosa intendi?"

"Beh, mi sembra che tu cerchi di controllare i tuoi sentimenti negativi, cercare di farli scendere dal palco della tua coscienza."

"Beh, fanno schifo e mi impediscono di fare ciò che devo fare. Quindi sì, cerco solo di impedirgli di ribollire. "

"Ha senso che tu cerchi di controllarli. Inoltre, sembra che tu possa abbatterti per sentirli. Ti dai la colpa per l'ansia o altri sentimenti negativi. "

"Questo è vero. Non mi piace di me che mi arrabbio tanto. A volte penso di essere solo ipersensibile. "

"Mi sto chiedendo, Ashley, se alcune delle tue difficoltà sono il modo in cui ti rapporti ai tuoi sentimenti, che potrebbero creare alcuni problemi aggiuntivi per te."

"Cosa intendi?"

"Bene, credo che un sano funzionamento emotivo si verifichi quando gli individui sono in grado di trattenere le proprie emozioni in quello che io chiamo" il punto debole emotivo ". Questo è lo spazio tra l'essere consapevoli e in sintonia con i propri sentimenti, da un lato, e l'essere in grado di regolare adattivamente i sentimenti dall'altro, in modo che non siano completamente sopraffatti. Le persone che operano al di fuori del punto debole tendono a evitare spesso i loro sentimenti e ad avere pensieri critici sui loro sentimenti. E, non di rado, a volte "perdono la battaglia" e poi diventano completamente allagati, sconvolti e sopraffatti ".

"Sembra proprio come me. Provo tutto il tempo per evitare i miei sentimenti. E costruirà e costruirà, e poi come una diga si romperà. Questo è quello che è successo lo scorso martedì sera, quando ho dato di matto e piangevo per due ore ".

"Giusto, quindi sei spesso fuori dal punto debole, cercando di evitare o negare invece di essere consapevole e sintonizzato, e dall'altra parte, essere completamente sopraffatto invece di regolare adattivamente."

"Allora, cosa faccio?"

"Penso che abbiamo bisogno di regolare l'atteggiamento del narratore interiore da uno che enfatizza il controllo e la colpa di un CALM MO. Lasciatemi spiegare. Quindi adesso, il tuo sé narrante è arrabbiato o frustrato con il tuo sentimento di sé per tutti i sentimenti negativi. Questo ha senso perché i sentimenti negativi fanno schifo. Ma facciamolo. Cosa pensi che accada ai tuoi sentimenti negativi se cerchi di negarli o ti incolpi di averli? "

"Non lo so. Non ci ho davvero pensato in questo modo. "

"Beh, la mia ipotesi è che spesso finisci per sentirti peggio, il che a sua volta rende la tua voce narrante ancora più angosciante. Lascia che ti chieda questo, Ashley, perché pensi che noi umani siamo attrezzati per provare sentimenti negativi? "

"Non sono sicuro. Ci sentiamo felici quando accadono cose buone e cattive quando accadono cose cattive. "

"Sì, lo facciamo. E i nostri sentimenti portano importanti informazioni su ciò che ci sta accadendo. Ti stanno dicendo cose importanti sui tuoi bisogni e obiettivi e su ciò che almeno una parte di te sente di essere buona o cattiva per te. Questa è una delle ragioni per cui attaccare i tuoi sentimenti crea problemi. Non ti permette di essere chiaro sulle informazioni che i sentimenti stanno comunicando. "

"Penso di seguirlo."

"Bene, è bello lavorare con qualcuno che raccoglie cose velocemente. Quindi, se i nostri sentimenti stanno comunicando informazioni chiave, abbiamo bisogno di capire un quadro per ascoltarli. La struttura a cui sono attratto è ben descritta con l'acronimo CALMMO Ciò che spero per te è che col tempo tu possa coltivare un modo CALM di relazionarti con i tuoi sentimenti. Lasciatemi iniziare con il MO Questo in realtà sta per due cose. Uno è MO, come in "Modalità di funzionamento", in secondo luogo, MO si riferisce all'osservatore meta-cognitivo, che si riferisce all'osservazione e alla riflessione sui pensieri, i sentimenti e la situazione. Quindi, CALM descrive il modus operandi del tuo osservatore meta-cognitivo. Ora lascia che ti spieghi cosa rappresenta.

"La C rappresenta la curiosità. Ricordando che i sentimenti sono informazioni, il C ci ricorda di porre prima di tutto domande come: "Quali sono questi sentimenti e cosa mi stanno dicendo? Perché li sento ora? A quali importanti ricordi potrebbero essere legati? Come si relazionano alle mie attuali relazioni o risultati? Come mi sento nei miei sentimenti? ' Fermarsi e fare queste domande ti fornisce un modo per capire profondamente cosa sta succedendo e da dove queste sensazioni provengono.

"L'A sta per accettazione. Uno dei primi principi della filosofia buddista è che "La vita è sofferenza", e il Buddha si è reso conto che una grande chiave per la vita è essere in grado di accettare la sofferenza piuttosto che cercare di scappare ed evitarlo. Che aspetto ha? Significa essere in grado di sostenere i sentimenti e dire, sì, questo è doloroso. Questo è ciò che il dolore è e questa è una parte della vita. Non è facile e richiede pratica, ma imparare a inclinarsi nei tuoi sentimenti ed essere in grado di stare con loro è un'abilità psicologica potentemente importante.

"La L sta per amorevole compassione. Questo si riferisce alla convinzione di base che gli esseri umani siano creature dignitose che generalmente cercano di fare del loro meglio e, come tali, meritano un atteggiamento di gentilezza e compassione. Questo vale sia per gli altri che per te.

"Infine, la sigla M è motivata a imparare e crescere da una posizione di sicurezza. Io credo che possiamo vivere vite più appaganti, e se stiamo soffrendo dovremmo guardare per vedere quali cambiamenti possiamo apportare per adattarci e per cercare di trovare percorsi verso la vita adattiva e la realizzazione. Vedo accettazione e motivazione per il cambiamento come esistenti in tensione l'uno con l'altro.

"Ha senso per te, Ashley?"

"In realtà, lo fa. Riesco totalmente a vedere che non ho un atteggiamento calmo perché sento i miei sentimenti negativi. Ed ha senso per me perché questo mi coinvolge in nodi dentro. Non sono sicuro di poterlo fare subito, ma posso vedere chiaramente la differenza tra avere un atteggiamento critico e di controllo e avere un MO CALM. "

"È grandioso. E, naturalmente, questo è qualcosa che non è facile e richiede sicuramente la pratica. La cosa principale ora è che puoi vedere la differenza tra come sei stato e un atteggiamento CALM. E sembra che tu possa immaginare come potresti prendere dei provvedimenti per coltivare un MO CALM in un modo che potrebbe essere utile. Attendo con ansia il nostro viaggio lavorando insieme su questo. "

Ho trovato questo un quadro utile per aiutare le persone a trasformare il loro critico interiore in un CALM MO, e così facendo, trovano che le loro vite siano, beh, molto più calme e più pacifiche.

Gregg Henriques
Fonte: Gregg Henriques

* Ashley è rappresentante di molti clienti con i quali i miei studenti e io lavoriamo.

Solutions Collecting From Web of "Trasforma la tua voce interiore critica e di controllo in un MO CALM"