Trappola per frammentazione della psicologia

Qual è lo stato della psicologia oggi? In qualche modo il campo è fiorente. Secondo il Princeton Review, si classifica come il secondo più popolare studente universitario. Si stanno facendo progressi nello studio del cervello, della coscienza e delle relazioni umane. La metodologia quantitativa ha fatto passi da gigante attraverso i computer permettendo ai ricercatori di impiegare complesse analisi statistiche, come l'equazione strutturale e la modellazione multilivello. E la salute mentale sta sicuramente ricevendo molta attenzione, con più persone che utilizzano i servizi di salute mentale che mai, e ora sappiamo che la psicoterapia (in generale) è un intervento efficace. Quindi va tutto bene?

Sebbene nella nostra cultura di ADD questo sguardo superficiale possa portare a conclusioni positive per il nostro campo, un'analisi più ponderata porta a gravi motivi di preoccupazione. Perché? Perché la psicologia soffre di ciò che Charles Knudsen chiama "una trappola di frammentazione".

Knudsen sosteneva che le scienze sociali funzionano meglio quando operano in un fruttuoso punto dolce tra gli estremi di una unificazione rigida (la trappola dell'unificazione) e un pluralismo frammentato (la trappola della frammentazione). La trappola dell'unificazione si verifica quando c'è un processo di auto-rafforzamento in cui lo sfruttamento di un programma di ricerca esistente arriva completamente a dominare l'esplorazione di nuovi paradigmi. Sosteneva che l'economia del secondo dopoguerra è un buon esempio di scienze sociali cadute nella trappola dell'unificazione. Durante quel periodo, la modellizzazione matematica dell'utilità razionale era la modalità di pensiero pienamente dominante sull'economia, in modo tale che tutte le sfide a questo approccio fossero schiacciate prima di vedere la luce del giorno.

In contrasto con la trappola dell'unificazione in cui una concezione è eccessivamente dominante, la trappola della frammentazione si verifica quando vengono introdotte nuove teorie e paradigmi di ricerca senza sostituire le teorie più vecchie, in modo tale che vi sia una massiccia proliferazione di idee. Il valore nel campo è posto sulla novità e l'unicità e i ricercatori in tali settori vedono il loro ruolo quasi esclusivamente generando nuovi contributi, anziché testare e sviluppare idee esistenti. Quando questo si diffonde non c'è catena di coerenza nel tempo; quindi, nessun autentico accumulo di conoscenza. Invece, ciò che predomina è una mentalità di "moda e moda" che si traduce in nuovi approcci introdotti in un campo a una velocità sempre più veloce. Questo porta al problema del "sovraccarico di informazioni" e porta gli studenti del campo a confrontarsi con una sconcertante varietà di teorie che non avranno alcuna possibilità di digerire completamente.

Inoltre, la trappola della frammentazione comporta la perdita della dimensione storica del campo e una difficoltà generale nel discernere un corpo di conoscenza generale digeribile. Invece, è vissuto come una palude. Il problema si autoalimenta perché i nuovi contributi vengono introdotti nel campo senza affrontare alcuna richiesta che in qualche modo debbano risolvere problemi che i precedenti contributi non erano stati in grado di risolvere. Recentemente ho trovato l'articolo di Knudsen e ciò che è stato così interessante per me è stato il modo in cui ha caratterizzato il campo della psicologia umana, anche se non menziona affatto la psicologia.

I teorici della psicologia sono da tempo a conoscenza del problema della frammentazione. È intimamente legato a ciò che chiamo il "Problema della psicologia". Per ottenere un apprezzamento per ciò che la trappola della frammentazione significa per lo stato profondo della conoscenza psicologica, finirò questo blog con alcune citazioni che ne fanno il punto. È un punto che ricordo spesso ai miei studenti di questo, quando accenno crudelmente che "Nessuno sa quale sia la psicologia f # @ k".

Alcune citazioni sulla frammentazione della psicologia

È semplicemente un fatto triste che nella psicologia [umana] le teorie aumentino e diminuiscano, vadano e vengano, più come una funzione di noia sconcertata che altro; e l'impresa mostra un'assenza inquietante di quel carattere cumulativo che è così impressionante nelle discipline come l'astronomia, la biologia molecolare e la genetica. (Paul Meehl, 1978/1992, p 524)

Abbiamo un eccesso di fatti. Quello che non abbiamo, e la maggior parte di noi nella quiete delle nostre notti lo sappiamo, è una concezione globale del contesto in cui possiamo mettere questi fatti e, dopo averlo fatto, la verità ha quindi una possibilità di emergere. (Seymour Sarason, 1989, pag 279)

La credenza del diciannovesimo secolo secondo cui la psicologia può essere una disciplina integrale, che ha portato alla sua istituzionalizzazione come scienza indipendente, è stata ribadita in ogni giorno dei 112 anni dalla sua presunta fondazione. Quando i dettagli di quella storia sono curati, la tendenza dei brevetti è stata verso il frazionamento teorico e sostanziale (e l'aumento dell'insularità tra le "specialità"), non verso l'integrazione. (Sigmund Koch, 1992)

La psicologia ha così tanti elementi di conoscenza non correlati con tanta discrepanza reciproca, incoerenza, ridondanza e controversie che astrarre il significato generale è un grande problema. C'è una crisi, inoltre, perché la disunificazione si alimenta su se stessa e, lasciata invariata, continuerà a crescere. (Arthur Staats, 1991, pagina 899)

Continuiamo a guardare piccole domande invece di grandi e la nostra visione della foresta è oscurata per sempre dagli alberi … Nel corso degli anni ho trovato una proporzione preoccupante delle carte che ho letto per essere banale, alcune persino artificiose. I processi intellettuali alle loro spalle troppo spesso mancano di chiarezza e nitidezza; i manoscritti sono stati contrassegnati da una recitazione priva di mente e di routine nei dettagli, più spesso sommergendo piuttosto che elevando la comprensione. (William Bevan, 1992).

La psicologia semplicemente non può essere definita; anzi, non può nemmeno essere facilmente caratterizzato … La psicologia è ciò che scienziati e filosofi di varie persuasioni hanno creato per soddisfare il bisogno di comprendere le menti ei comportamenti di vari organismi dal più primitivo al più complesso … È un tentativo di capire ciò che è finora sfuggito alla comprensione, e ogni sforzo per circoscriverlo o inscatolarlo è implicare che qualcosa è noto ai margini della nostra conoscenza, e questo deve essere sbagliato. (Reber, 1995, pag 617)

Solutions Collecting From Web of "Trappola per frammentazione della psicologia"