transizioni

Chiesa Tibilisi

Hai mai avuto la sensazione di lasciare un posto in cui non tornerai mai più? Sei andato avanti nel presente, poi all'improvviso: il futuro! È qui! Non si può tornare indietro, non importa quanto tu voglia.

Esci dall'appartamento e chiudi la porta per l'ultima volta. Si lascia il campus universitario dopo anni di studio. Si cambia lavoro e si dice addio allo spazio di lavoro.

Quel posto era così importante per te, ma ora non fa più parte della tua vita.

Se mai tornerai indietro, non sarà mai più lo stesso. Potresti sentirti un guerriero conquistatore ("Ricordo quando sono arrivato qui e ora guardami!") Potresti sentirti triste o dispiaciuto ("Vorrei averlo …"), o potresti avere solo bei ricordi. Ad ogni modo, il cambiamento è la costante e le cose saranno diverse da ora in poi.

***

A volte non lo vedi nemmeno arrivare. Ti colpisce all'improvviso: il cambiamento è avanti! Sii consapevole che questo momento sta passando presto e la tua vita non sarà più la stessa. Ci dispiace, ma di solito non hai scelta in queste materie.

Quando si saluta una persona o un luogo, alcuni pensano che sia meglio lasciare le cose non dette o andare via senza riflettere. Ho imparato che questo è di solito un errore, almeno per me.

Dico: aggrappati al momento il più a lungo possibile . Combatti per questo se devi. Alzati presto e rimani alzato fino a tardi. Sii coraggioso. Scegli l'emozione pura, anche l'imbarazzo se necessario. Se dobbiamo andare avanti su qualcos'altro, pensiamo almeno a cosa fosse e cosa avrebbe potuto essere.

Più intenso è il sentimento, meglio è. Se la sincronicità e la sensazione di essere parte di qualcosa di significativo arriva con tristezza, solitudine e delusione, così sia. So solo che non voglio l'alternativa: mediocrità, routine, sicurezza e comodità.

***

Ho spesso questa sensazione quando mi preparo a lasciare i posti mentre vagano per il pianeta, anche se non ero così affezionato a loro mentre ero lì. Due anni fa sono andato all'Isola di Pasqua , a migliaia di chilometri fuori e sei ore in aereo dal Sud America. Mi è piaciuta la visita, ma come destinazione turistica, è una lunga strada da percorrere per un'isoletta con poco da fare.

In altre parole, non sto comprando una seconda casa nell'Isola di Pasqua. Ma poi, alla vigilia della mia partenza, alzai gli occhi al cielo e mi resi conto di quanto fossi lontano da ogni altra parte del mondo. Ho anche capito che probabilmente non tornerò più e ho pensato, è meglio che me lo ricordi.

Scherzo su come si raccolgono i paesi come alcune persone collezionano cartoline, ma in realtà sto raccogliendo esperienze come queste. "Vale la pena spendere così tanti soldi per viaggiare?" A volte mi viene chiesto. Non penso davvero che paghi per il viaggio stesso. Sto pagando per i ricordi, e quando si tratta di spendere per i ricordi, dico di sì. Sicuramente. Non ho limiti di credito per i ricordi.

Mi sono sentito così mentre lasciavo Tbilisi, in Georgia, qualche mese fa. È davvero una città bellissima, e una delle migliori in Europa, senza dubbio. L'intensità di tutto questo era quasi travolgente per me.

Non ero pronto per dire addio, ma sapevo anche che restare un altro giorno non sarebbe migliorato. Ho corso dieci chilometri la sera prima di partire, cercando di elaborare l'esperienza. Il mattino seguente, ho guidato il mini-bus in Armenia , la mia prossima fermata, e ci ho pensato per altre sei ore circa.

Stavo leggendo il nuovo libro di Don Miller su questo viaggio. Tra le altre cose, Don dice che le vite significative non si verificano solo per caso. Richiedono conflitti, rischi, sforzi e superamento. Un buon personaggio in una storia deve lottare, e così è con tutti noi.

Ecco perché penso che sia bello abbracciare i punti di transizione. Non andare a dormire per sognare. Puoi sognare tutto il giorno senza mai chiudere gli occhi.

Dopo averlo fatto al prossimo hotel, però, mi sono sdraiato sul letto per fare un pisolino alle 16:00. Mi sono svegliato 10 ore dopo, sentendomi ancora disorientato. Ho fatto il caffè e ho scritto qualcosa.

Inevitabilmente, so che tutti dobbiamo guardare avanti invece che all'indietro. Nel perseguire la crescita, è meglio scegliere il nuovo rispetto al vecchio. Ma a volte è anche un bene aggrapparsi a qualcosa per un po ', e poi puoi apprezzarlo come il ricordo che diventa.

Abbracciare la realtà può essere estenuante, ma non posso immaginare l'alternativa di evitarlo.

###

Immagine di Dariva

Solutions Collecting From Web of "transizioni"