Transizioni di vita: giocoleria passato, presente, futuro

"Tradition!" Celebra una famosa canzone di Fiddler on the Roof. Che dire della transizione !? Anche le transizioni sono momenti di festa. L'adolescenza tende in particolare a invitare le transizioni: dalla scuola media alla scuola superiore, dalla scuola superiore a quella che viene dopo, dal vivere in casa al vivere fuori dal bozzolo della famiglia, e ancora dalla sicurezza di un campus universitario nel mondo della vita indipendente E lavoro.

Mentre le transizioni possono essere celebrate con lauree e le feste, possono anche essere emotivamente impegnative: a volte decisamente dolorose, indolenti al dolore, ma anche sperabilmente eccitanti e importanti.

Paradossalmente, una transizione di vita richiede l'adozione di due sfide: lasciare andare il passato e abbracciare il futuro.

Quali sono le transizioni?

Le transizioni sono momenti di lasciare un passato che è stato ragionevolmente stabile e familiare per un futuro che sarà diverso. In tempi di transizione, ora è il ponte tra un passato di vecchia data e un futuro discontinuo, strano e imprevedibile. Il ponte può essere corto e scabro, lungo e arduo, o in qualsiasi altra via di mezzo. Transizioni di ogni genere richiedono tuttavia di lasciare elementi del passato alle spalle e di andare avanti verso un nuovo futuro.

Le transizioni di vita avvengono in molti momenti della vita oltre alle graduazioni che segnano i fini delle fasi dell'adolescenza basate sulla scuola. Le transizioni possono arrivare come cambiamenti di posti di lavoro, matrimoni, nascite di bambini, morti di genitori e altre persone care, problemi matrimoniali, divorzio, guerra, disastri naturali, cambiamenti improvvisi dentro o fuori dalla ricchezza o fama o, come nel caso delle brevi riflessioni in basso, una mossa in una nuova città.

Alyssa Kapnik, autrice del blog For a Day, ha scritto le seguenti riflessioni autobiografiche poco prima del suo recente trasferimento a un lavoro in una città lontana.

Grazie Alyssa per il tuo permesso di condividere la tua scrittura sensibile con i miei lettori.

(Sotto i commenti di Alyssa riprenderò con le prospettive psicologiche sulle transizioni e cosa fare se il tuo passato è troppo presente nel tuo ora .)

Westward Ho! Sull'ambivalenza su una transizione di vita
Di Alyssa Kapnik, dal suo blog For a Day

Ho quasi finito il tubetto di dentifricio che ho comprato il mese scorso mentre stavo viaggiando in Vietnam. Non è un dentifricio particolarmente vietnamita, solo Colgate con qualche lingua vietnamita. L'ho comprato per il bizzarro prezzo gonfiato di 20.000 dong vietnamiti. 1 $. Ho smesso di usarlo, francamente, e mi sono trasferito al dentifricio di Denver. Ho una strana resistenza a finire il Colgate, come se fosse un grande libro, e potrei in qualche modo, attraverso i miei poteri di autocontrollo, allungare il finale. E allo stesso tempo l'esperienza appartiene al mio passato, non al mio presente. Devo lasciarlo alle spalle.

Mi trasferirò in California in 12 giorni, iniziando il mio percorso per un giorno di lavoro a tempo pieno per la National Public Radio. Comincerò (felicissimo, nervoso, pieno di speranza) un giorno o due dopo il mio arrivo. Finora non ho confezionato nulla. Immagino che prenderò piumini e i miei nuovi stivali di pelle, tre paia di pantaloni lunghi e la mia bicicletta. Non sono sicuro di cos'altro portare.

Come si muove attraverso il paese? Sembra sia scoraggiante e completamente comune. Ho dieci o dodici amici trapiantati del Colorado che vivono già nella Bay Area, per non parlare degli amici del Maine, New York, North Carolina, Ohio.

A che punto una persona inizia a dire che viene dalla California?

Il mio amico UA, nonostante il suo particolare accento newyorkese e il suo amore per tutte le cose yankee, ha dichiarato l'altra sera dopo cena che è un occidentale. 28 anni a New York dovrebbero difficilmente paragonarsi a 39 anni non a New York, eppure sono rimasto scioccato nel sentirlo dire.

Lasciare andare una così grande parte della propria identità in favore di una nuova è una vera rivoluzione: una rivoluzione lenta e riflessiva, forse, che coinvolge nuova famiglia, matrimoni, amicizie, riunioni del consiglio di quartiere e mutui, e comunque una rivoluzione .

Sono riluttante a cambiare. Sono incredibilmente orgoglioso di essere un Coloradan, al punto che ho comprato gli stivali da cowboy ieri. Sono diventato eccessivamente sentimentale su Denver ultimamente, sentendomi fortunato ad essere preso nel traffico se solo per avere più tempo per stare fermo nella mia città natale. È tempo di pensare al riflettore del sole che è l'edificio per uffici in rame sul Colorado Boulevard, i razzi che spruzzano infiniti flussi d'acqua in strada perché nessuno può stare al passo con ogni testa sprinkler sprinkler nei parchi della città di Denver, la crescita tutto intorno la città, e la relativamente breve (e in qualche modo infinita) spinta verso Boulder dove vive la mia sorella appena sposata.

Mia madre ha detto che quando stava crescendo, una guida notturna a Boulder era completamente nera. Quasi inquietante. Solo la luce che emana dai fari della propria auto.

Le cose cambiano lentamente qui – la maggior parte delle volte quando torno a casa, anche dopo mesi e mesi di distanza, sono scioccato da quanto siano completamente le stesse cose.

Le cose piccole cambiano, come il tipo di fiori che la mamma sta piantando nel suo giardino. Occasionalmente ci sono nuovi segnali di stop agli incroci dei quartieri, i ristoranti del quartiere prendono uno spremiagrumi, i negozi di alimentari locali aprono un mercato di carne. Nuovi edifici spuntano, vecchie case vengono demolite per McMansions, la strada precedentemente boscosa di Boulder ora è fiancheggiata da un sobborgo di biscotti. È difficile uscire quando mi concentro sulla realtà che le cose cambieranno. Cambierò.

E allo stesso tempo, generalmente le cose rimangono le stesse. Conto su di esso.

Sono entusiasta di iniziare la mia nuova vita in California. Eccitato per vedere l'oceano dove una volta ho visto le montagne. Entusiasta di sentire la nebbia al mattino e al sole nel pomeriggio, entusiasta di una nuova scena musicale e di fare nuove e riaccendere vecchie amicizie. Sento il desiderio di rinfrescarmi la vita come se aggiornassimo siti web che non rispondessero.

Quando inizierò a dire che vengo dalla California?

Finirò definitivamente il mio dentifricio vietnamita prima di trasferirmi in Occidente. Ho ritardato il finale abbastanza a lungo e sono pronto ad andare avanti. Nuove avventure Nuove colline da scalare. Forse riuscirò a scartare anche il mio dentifricio Denver, a favore di qualcosa di completamente nuovo.

* * * *

Cosa fare con il passato?

Ci sono aspetti positivi e negativi da aggrapparsi al passato.

Il passato può contenere momenti preziosi che vogliamo poter continuare a mantenere. Questo è il caso quando ci aggrappiamo ai ricordi dopo la perdita di una persona cara. Nei tempi bui, i ricordi di precedenti momenti più felici possono darci energia per andare avanti verso un futuro quando il sole splenderà di nuovo. La nostalgia può permetterci di ri-sperimentare ripetutamente momenti preziosi del passato.

Allo stesso modo, il passato può contenere lezioni preziose. La storia ci insegna che se non impariamo dal passato, siamo condannati a ripeterlo. Gli psicoterapeuti spesso incoraggiano i clienti a guardare indietro in modo produttivo al loro passato personale per trovare le fonti di alcuni dei loro travagli attuali. Un nuovo sguardo al nostro passato a volte può davvero liberarci.

Allo stesso tempo, la vita è destinata ad essere vissuta come succede. Troppo guardare all'indietro è come guidare una macchina con gli occhi concentrati eccessivamente sullo specchietto retrovisore.

Cosa può spingere le persone a bloccare i propri pensieri troppo spesso sugli eventi passati?

Eventi passati emotivamente iper-intensi come le esperienze traumatiche (un rapporto coniugale, una malattia dolorosa o un errore vergognoso) o estatiche (vincendo l'oro alle Olimpiadi) possono diventare intrusi o preoccupanti intrusi sul presente.

Visioni di esperienze emozionali super-intense del passato possono rimanere di fronte a noi molto tempo dopo che l'evento è passato molto come guardare una luce intensa che ci lascia vedere punti luminosi di luce dopo che la luce reale si è oscurata. Quando queste esperienze sono state dolorose piuttosto che gioiose, ci riferiamo al post-luce come ptsd.

Le persone che hanno sofferto qualcosa di doloroso o iniquo possono essere particolarmente tentate di portare mentalmente il risentimento di fronte a loro fino a quando non si verifica un modo per correggere il risentimento. Di solito la loro speranza è che il ricordo del passato li proteggerà, ad esempio, dal lasciarsi fidare abbastanza da essere feriti di nuovo, o spingerli a fare in modo di " ottenere pari".

Alcune transizioni dal passato al presente sono incomplete.

Quando le transizioni sono incomplete, a volte ciò significa che una persona sta continuando le relazioni con persone e attività che possono essere significative e arricchenti sia nel vecchio che nel nuovo mondo. Questo tipo di continuità rende la transizione meno assoluta e può favorire la crescita e l'espansione piuttosto che un allontanamento totale dal vecchio.

Allo stesso tempo, le persone a volte tengono troppo il loro passato davanti a loro, bloccando la loro capacità di godersi il presente e costruire per un futuro positivo.

I coniugi che portano risentimento per qualcosa che il loro partner ha fatto si sentiranno bloccati di fronte ad accettare le attuali azioni amorevoli del loro partner e costruire insieme un futuro migliore.

Oggi, il giorno in cui pubblicherò questo articolo, è l'11 settembre, quindi penso anche al motivo per cui il leader islamista (l'Islam politico) Bin Laden ha inviato aeroplani per distruggere il World Trade Center. Gli islamisti che commettono atti di terrore in tutto il mondo stanno cercando vendetta per le sconfitte islamiche a partire dal 1600, quando hanno iniziato a perdere le parti europee del loro impero nella battaglia di Vienna. Il loro obiettivo è quello di riconquistare le antiche ambizioni jihadiste (dominio del mondo) invece di contribuire con le loro energie a costruire successi per i musulmani che vivono ora.

Allo stesso modo, i soldati che continuano a rivivere gli orrori del passato scoprono che il loro ptsd (disturbo post traumatico da stress) li blocca dal godimento rilassato della normalità una volta tornati dalla zona di guerra. E mentre la nostalgia per i cari del passato può offrire momenti di dolcezza, troppo guardare indietro può impedire alla gente di costruire un regalo e un futuro gratificante.

Cosa può aiutare le persone a passare dal tenere il passato davanti a loro per metterlo alle spalle?

Una tecnica terapeutica che ho imparato da Dale Petterson, il mio collega di terapia energetica, è chiedere alle persone se il loro passato è davanti o dietro di loro. Dale utilizza i test muscolari per aiutare i clienti a rispondere a questa domanda. Trovo che chiedere ai clienti di chiudere gli occhi e visualizzare il loro passato ottenga gli stessi dati.

Potresti voler chiudere i tuoi occhi per un momento per visualizzare dove si trova attualmente il tuo passato. È di fronte a te o correttamente riposto dietro di te?

Quando i clienti della terapia vedono il loro passato davanti a loro, la visualizzazione può aiutarli a mettere il passato alle spalle.

Per fare questo suggerisco ai clienti di visualizzare raccogliendo il passato da davanti a loro e mettendolo tutto in una sorta di scatola. Chiedo come appare la scatola. Potrebbe essere una piccola scatola, come una scatola di gioielli, o, come in un caso con cui ho lavorato solo ieri, una grande scatola di acciaio con un lucchetto e una chiave.

Una volta che i loro ricordi sono stati raccolti nella scatola, chiedo dove dietro di loro vorrebbero conservare la scatola. Possono scegliere un posto su uno scaffale dietro a dove sono seduti nel mio ufficio, un posto particolare nella loro casa, un posto lontano dietro di loro o appena dietro la schiena.

Con il passato ora correttamente riposizionato dietro invece di di fronte a loro, disponibile per il check-in di volta in volta, ma non più bloccando la loro strada, i clienti in genere sperimentano un senso di leggerezza, sollievo e prontezza ad andare avanti. La loro transizione verso un nuovo presente e futuro è stata completata.

Che ne dici di contemplare il futuro?

Il nuovo può evocare l'ansia. Ricordo di recente sentirmi ansioso solo perché stavo provando una marca diversa di caffè istantaneo. Avrebbe un sapore buono come il vecchio? Potrebbe generare acido nello stomaco?

Anche la novità può evocare l'eccitazione. Ecco perché le persone vanno in vacanza in luoghi esotici. Il nuovo è energizzante. Nuovo fa scattare i nostri prodotti chimici felici, un termine usato da Loretta Graziano Breuning nel suo libro Meet your Happy Chemicals .

Pensare al futuro è particolarmente importante in tempi di transizione. Quel tipo di pensiero che chiamiamo pianificazione. La pianificazione ci consente di essere sicuri che almeno le basi di ciò di cui avremo bisogno nella nostra situazione futura saranno lì per noi.

Chiavi per una transizione di successo

Con un po 'di pianificazione, oltre a un passato che è stato sufficientemente mentalmente situato dietro di te, puoi affrontare le transizioni in modo positivo. Fai tesoro dei pensieri e dei sentimenti che provi ora mentre attraversi il tuo ponte per abbracciare le sfide e le benedizioni che si trovano nel nuovo futuro.

————

La psicologa clinica di Denver, Susan Heitler, Ph.D, laureata ad Harvard e NYU, è autrice di Power of Two , un libro, un libro di esercizi e un sito web che insegna le capacità comunicative che sostengono relazioni positive.

Il libro più recente del dott. Heitler, Prescrizioni senza pillole: Per il sollievo dalla depressione, dalla rabbia, dall'ansia e altro, offre esercizi utili per le emozioni che sorgono di fronte alle transizioni della vita.

Solutions Collecting From Web of "Transizioni di vita: giocoleria passato, presente, futuro"