Transizioni: dal dipendente aziendale all'imprenditore

Transizioni: dal dipendente aziendale all'imprenditore

Nel mio ufficio di Union Street vedo molte persone di successo che stanno lottando per trovare significato e valore nel loro lavoro. Alcuni desiderano una maggiore creatività e libertà, e questo pezzo è di qualcuno che registra la sua transizione di successo:

È davvero difficile rompere?

Sono appena uscito da una relazione di quattro anni e mezzo.

E 'stato un bel generale nel complesso. Mi ha tenuto duro, aperto alcuni nuovi orizzonti davvero interessanti, a volte mi ha persino sfidato. Sono stato esposto a nuove idee e ad alcune persone molto interessanti (alcuni potrebbero restare in contatto).

Aveva i suoi momenti, però. Ero annoiato … molto. A volte ero geloso di come questo particolare "partner" trattasse gli altri, mostrasse favoritismi e conferisse ingiustamente ciò che potrebbe essere affine all'affetto. A volte c'erano errori di comunicazione e argomenti. A volte eravamo semplicemente non sulla stessa pagina di quello che volevamo dalla relazione, ea volte era solo un piccolo litigio che se ne andò il mattino dopo.

Per un po 'ci siamo visti ogni giorno. Più tardi, è diventato più di una relazione a distanza, ma abbiamo inventato alcuni modi piuttosto interessanti per mantenerlo vivo e vibrante. Gli alti e bassi erano praticamente gli stessi in entrambi i casi, quindi avrei concluso che la cosa a lunga distanza funzionava piuttosto bene, soprattutto.

Anche se spesso mi chiedevo dove andasse tutto. Sapevo che non era un affare che durava tutta la vita (il mio "partner" avrebbe potuto provare a far credere che lo fosse, ma nessuno di noi avrebbe mai pensato che sarebbe stato così). Non mi aspettavo che durasse più di due, forse tre, anni, quindi il quattro e mezzo era un bel bonus; o guardato in modo diverso, io mi aggiravo troppo a lungo quando sapevo che avevo bisogno di uscire.

Nel complesso, sono contento di averlo preso, sono contento di aver passato il tempo, e sono contento di esserne fuori. Abbiamo finito col volere cose molto diverse dalla relazione, e una volta che abbiamo capito entrambi, siamo stati in grado di trovare un modo per porvi fine.

E ha finito esattamente come mi aspettavo. Nessun dramma, nessun nome che chiama o colpa. Solo una conversazione piacevole a te e al meglio della fortuna esattamente quando, dove e come me l'aspettavo.

Questo suona come una storia piuttosto tipica di una buona relazione che non è del tutto "quella?" Penso che sia così, e mi è sembrato quasi tutto il tempo. C'è un po 'di informazioni che ho tralasciato, però, che dovrai conoscere per capire il senso di questa storia:

Il mio "partner" in questa relazione non era una persona (all'attuale atteggiamento politico a parte). Né era un animale domestico.

Era una compagnia. Una società Fortune 500 a questo. E io ero un impiegato.

Sono arrivato a credere che, anche se le corporazioni non sono in realtà persone, molti, se non la maggior parte degli aspetti di come le persone si relazionano alle corporazioni (e come le corporazioni si relazionano tra loro) sono molto simili al modo in cui le persone si relazionano ad altre persone.

Ho trascorso la maggior parte della mia carriera di 25 anni lavorando alla gestione e al miglioramento delle relazioni tra le aziende e tra le aziende e i loro clienti, partner, dipendenti e vari altri gruppi.

Quando guardo a quell'esperienza, trovo le stesse cose che fanno funzionare (o falliscono) le relazioni personali: valori condivisi, prospettive condivise, comunicazione aperta e onesta, gestione delle aspettative, comprensione e soddisfazione reciproca, andando oltre ogni altro spesso, e un impegno reciproco a farlo funzionare bene.

Come dipendente di questa grande azienda, avevo speranze e sogni per cui la mia carriera potesse condurre. Avevo aspettative su come sarei stato trattato e premiato. Ho avuto momenti in cui la società era la cosa migliore mai inventata sul pianeta, e il momento in cui ero certo che sarebbero stati fuori dal mercato ogni giorno.

Ho pensato la stessa cosa per la maggior parte delle aziende con cui ho lavorato, e scommetto che lo farai anche tu. Quando è stata l'ultima volta che hai deciso di odiare davvero il tuo iPhone? O non vedeva l'ora di parlare con gli agenti del servizio clienti della tua compagnia aerea (o del fornitore di servizi via cavo)?

Posso andare avanti con i paralleli, ma penso di aver raggiunto il mio punto.

Con così tante persone (secondo alcune stime, fino al 16% della forza lavoro degli Stati Uniti) senza lavoro, e con così tanti altri sottoccupati o semplicemente insoddisfatti del loro lavoro, devo porre la domanda: ottieni ciò di cui hai bisogno dal tuo rapporto con il tuo datore di lavoro? La relazione è buona? Può essere migliorato (e come)? O dovresti andartene (o sarà il tuo datore di lavoro)?

E se tu (o il tuo datore di lavoro) decidessi di andartene, come gestirai la rottura? Non posso rispondere a questa domanda per te più di quanto possa suggerire come gestire la rottura con il tuo ultimo ragazzo / ragazza, ma posso suggerire che ti ricordi che sarà emozionalmente stimolante e quanto bene lo gestirai aiuterà a determinare quanto presto ti riprendi e vai avanti.

Forse la domanda più importante è come assicurarsi che tu e il tuo prossimo datore di lavoro state ottenendo ciò che entrambi avete bisogno dalla relazione. L'intervista è come una relazione vorticosa in molti modi – non solo che accade rapidamente ed è importante mettere il meglio di sé, ma c'è una danza che tutti ci aspettiamo e impariamo come tu e il tuo partner (leggi: potenziale datore di lavoro) ballate insieme fa avanzare la relazione. E come sappiamo, una buona relazione inizia con una comunicazione aperta e onesta.

E quando il processo di intervista non funziona, se sei come molti dei miei amici, ti viene chiesto perché. Sapere perché può aiutare, ma mentre può esserci una buona ragione, spesso è più un'impressione. È più come chiedere dopo una pausa "Ti amo, perché non mi ami?"

Quindi, quando andrò alla mia prossima intervista, cercherò come sviluppare una relazione buona, forte, a lungo termine con il datore di lavoro, e farò in modo che il datore di lavoro sia uno con cui voglio entrare in una relazione . Ti incoraggio a fare lo stesso.

Dopo tutto, vuoi davvero essere "quella ragazza / ragazzo" che dice di sì a chiunque lo chieda?

Il tuo turno: quando hai lasciato una compagnia o un lavoro (sia per tua scelta che per loro) ti è sembrata una rottura? Ci sono voluti alcuni aggiustamenti per trovare il lavoro successivo giusto? Raccontaci la tua storia!

L'autore di questo pezzo, Jeff Weinberger, può essere contattato all'indirizzo: http://posterous.jeffweinberger.com

Solutions Collecting From Web of "Transizioni: dal dipendente aziendale all'imprenditore"