Tragedia spettacolare in un mondo giusto: la forza di "Perché?"

Le bombe esplodono a Boston. Un'esplosione di una pianta fertilizzante fa tremare Waco. Un terremoto colpisce l'Iran.

"Perché è successo?" Le vittime chiederanno "e perché è successo a me?"

"Perché?" È enorme. Come ogni genitore che risponde alle domande di un bambino può dirti, rispondere a un "Perché?" Può portare a un altro dopo l'altro fino a quando non colpisci un muro di perché non puoi rispondere. Una spettacolare tragedia non richiede una spiegazione spettacolare – un solitario con rancore può davvero uccidere un presidente, sparare a un cortile della scuola, o schiantare un camion di benzina in una folla – eppure ci sentiamo come dovrebbe. Vogliamo che la causa trascenda l'effetto. Una semplice verità può farci sentire imbrogliati. La sofferenza per le risposte adeguate può portare alcuni ad assumere cospirazioni o la magia deve essere dietro a tutto. Abbiamo bisogno di credere nell'esistenza di risposte e scopi più potenti del nostro dolore, per ragioni e significato più grandi dei risultati.

Quando la tragedia sfida la tua visione del mondo, metti in discussione i tuoi obiettivi e le tue convinzioni. Per dare un senso all'ingiustizia, possiamo trarre una delle tre conclusioni globali: (1) Le persone otterranno la giustizia che meritano; (2) non c'è giustizia; oppure (3) la giustizia accade ma ha bisogno del nostro aiuto. La prima convinzione può darci la pace. Le persone che credono in un mondo giusto soffrono meno stress e depressione e godono la vita più delle persone che non lo fanno (Lipkus, Dalbert, & Siegler, 1996). Molte culture insegnano ai loro membri fin dall'infanzia a credere che il mondo operi con ordine naturale e giustizia – il fenomeno del mondo giusto che dice la psicologa Melvin Lerner ci conforta perché la maggior parte di noi, anche i peggiori di noi, si considera fondamentalmente brava e degna di trattamento equo (Lerner, 1980; Lerner & Miller, 1978). Il nostro bisogno di credere che il mondo sia giusto, tuttavia, può portarci a prendere decisioni ingiuste: più il destino è crudele, più duramente potremmo incolpare la sua vittima (Burger, 1981, Valor-Seguar, Exposito e Moya, 2011). "Quella ragazza stava chiedendo dei guai con un megafono." "Deve aver fatto qualcosa per meritarselo." "Questo è quello che quei tipi dell'alta società pensano di essere migliori di noi. Cosa stavano pensando, camminando lungo quella strada di notte? "Le persone che più hanno bisogno della nostra compassione possono invece ricevere le nostre critiche più crudeli (Lerner & Simmons, 1966).

Credere nella giustizia naturale rende alcune persone compiacenti, perché passivamente fanno affidamento sulla giustizia per accadere da solo. Le persone che credono che siamo in grado di creare giustizia sono più attive, tipi di persone in carico, più pronte a mettere da parte i loro interessi a breve termine e più capaci di rimanere motivati ​​mentre lavorano duramente per soddisfare obiettivi a lungo termine e meno egoistici. (Lipkus, 1991; Zuckerman e Gerbasi, 1977). Alcuni di coloro che perseguono più attivamente la giustizia, non credendo che possa accadere da soli, sentono il bisogno di vederlo da soli …

Chiedere "Perché?" Non dà conforto alle vittime. La risposta potrebbe. La ricerca di un significato può stressare il ricercatore e peggiorare i sintomi di PTSD prima che quella persona esca dall'altra parte. Trovare il significato prevede un aggiustamento migliore (Park, 2010). Le persone che segnalano una crescita post-traumatica (cambiamenti positivi risultanti da un trauma) sperimentano meno depressione e maggiore soddisfazione di vita non dimenticando il trauma ma piuttosto soffermandosi su di esso in modi costruttivi. Numbing i nostri sentimenti, rifiutando di riconoscere o pensare a cose brutte che sono accadute, tutti i trucchi dissociativi che giochiamo per proteggerci invece di affrontare attivamente prevederanno più stress post-traumatico, non meno (Ehlers, Mayou, & Bryant, 1998; Griffin, Resick , & Mechanic, 1997; Harvey, Bryant, & Dang, 1998). Sentendo le emozioni negative e ricordando gli eventi spiacevoli, potremmo imparare da loro. Le elucubrazioni indesiderate e indesiderate che corrono ramshod su altri pensieri possono evolversi in contemplazione intenzionale. Tale deliberazione, a sua volta, può aiutare una vittima ad affrontare il dolore senza annegarlo (Dekel, 2011, Helgeson, Reynolds e Tomich, 2006; Triplett, Tedeschi, Cann, Calhoun, & Reeve, 2011).

"Perché?" Va oltre la ricerca di una causa diretta. Significa fare , trovare valore in tragedia o forgiare i propri mezzi per farlo avere ripercussioni positive, aiuta molte persone a far fronte e può essere fondamentale per la crescita post-traumatica. Una ricomposizione della tua visione del mondo può segnare il punto di partenza per i risultati finali (Calhoun, Cann e Tedeschi, 2010). "La creazione di significati è molto personale e può coinvolgere la religione, un rinnovato apprezzamento per la vita o il servizio pubblico" (Wortmann, 2009) ….

La maggior parte delle persone fa fronte con successo ai loro traumi (Bonanno et al., 2011). Perché alcuni si riprendono dalle avversità nonostante l'educazione, l'ambiente e le grandi difficoltà (Wingo, Fani, Bradley e Ressler, 2010), non lo sappiamo davvero. Anche se possiamo identificare alcuni fattori correlati alla resilienza , la capacità di adattarsi rapidamente allo stress senza disturbi mentali o fisici duraturi, non abbiamo individuato le connessioni causali. Le persone altamente resilienti mostrano maggiore morale, autoefficacia, fiducia in se stessi, perseveranza e scopo nella vita (Caltabiano e Caltabiano, 2006, Nygren, Alex, Jonsen, Gustafson, Norberg e Lundman, 2005, Wagnild e Collins, 2009; Wagnild & Young, 1993). Gli individui psicologicamente resilienti rimbalzano dal soffermarsi sul dolore evocando emozioni positive (Ong, Zautra, & Reid, 2010; Zautra, Arewasikporn, & Davis, 2010). Si rinvigoriscono.

Il sostegno sociale aiuta la qualità rispetto alla quantità.

L'estratto sopra viene da Batman e Psychology: A Dark and Stormy Knight (Wiley & Sons, 2012), pagine 46-47 e 50, con i riferimenti ai fumetti stavolta. Presentato fuori dal contesto, il materiale dei fumetti sembrava in grado di distrarre dai punti chiave in questo caso.

Non possiamo fare abbastanza per aiutare e sostenere le vittime, le loro famiglie e tutti coloro che sono stati colpiti da queste e altre crisi. Ciò non significa che non dovremmo provare. C'è più di un modo per correre questa maratona.

Riferimenti

Bonanno, G., Westphal, M., & Mancini A. (2011). Resilienza alla perdita e potenziale trauma. Rassegna annuale di psicologia clinica, 7 , 511-535.

Burger, JM (1981). Pregiudizi motivazionali nell'attribuzione di responsabilità per un incidente: una meta-analisi dell'ipotesi di attribuzione difensiva. Bollettino psicologico, 90 , 496-512.

Calhoun, LG, Cann, A., e Tedeschi, RG (2010). Il modello di crescita post-traumatico: considerazioni socio-culturali. In T. Weiss e R. Berger (a cura di), Manuale di crescita post-traumatica: ricerca e pratica   (pp. 1-23). Mahwah, NJ: Erlbaum.

Caltabiano, M., & Caltabiano, N. (2006). Resilienza e risultati sanitari negli anziani. Articolo presentato alla 39 a Conferenza annuale dell'Associazione australiana di gerontologia, Sydney, New South Wales.

Dekel, S. (2011, 4 aprile). Crescita post-traumatica e disagio post-traumatico: uno studio longitudinale. Trauma psicologico: teoria, ricerca, pratica e politica. Pubblicazione online avanzata

Ehlers, A., Mayou, RA, & Bryant, B. (1998). Predittori psicologici di disturbi da stress post-traumatico cronici dopo incidenti automobilistici. Journal of Abnormal Psychology, 107 , 508-519.

Griffin, MG, Resick, PA, e Mechanic, MB (1997). Valutazione oggettiva della dissociazione peritraumatica: indicatori psicofisiologici. American Journal of Psychiatry, 154 , 1081-1088.

Harvey, AG, Bryant, RA, e Dang, ST (1998). Memoria autobiografica nel disturbo acuto da stress. Journal of Consulting and Clinical Psychology, 66 , 500-506.

Helgeson, VS, Reynolds, KA, & Tomich, PL (2006). Una revisione meta-analitica di individuazione e crescita dei benefici. Journal of Consulting and Clinical Psychology, 74 , 797-816.

Lerner, MJ (1980). La credenza in un mondo giusto: un delirio fondamentale. New York: Plenum Press.

Lerner, MJ e Miller, DT (1978). Solo la ricerca mondiale e il processo di attribuzione: guardare indietro e dirigersi. Bollettino psicologico, 85 , 1030-1051.

Lerner, MJ, & Simmons, CH (1966). La reazione degli osservatori alla "vittima innocente": compassione o rifiuto? Journal of Personality and Social Psychology, 4 , 203-210.

Lipkus, IM (1991). La costruzione e la convalida preliminare di un credo globale in una scala del mondo giusto e l'analisi esplorativa del credo multidimensionale in una scala del mondo giusto. Personalità e differenze individuali, 12 , 1171-1178.

Nygren, B., Alex, L., Jonsen, E., Gustafson, Y., Norberg, A., & Lundman, B. (2005). Resilienza, senso di coerenza, finalità nella vita e auto-trascendenza in relazione alla percezione della salute fisica e mentale tra i più anziani. Invecchiamento e salute mentale, 9 , 354-362.

Ong, AD, Zautra, AJ, & Reid, MC (2010). La resilienza psicologica predice la diminuzione del dolore catastrofico attraverso le emozioni positive. Psicologia e invecchiamento, 25 , 516-523.

Park, CL (2010). Rendere sensato il senso della letteratura: una revisione integrativa della creazione di significati e dei suoi effetti sull'adattamento a eventi di vita stressanti. Bollettino psicologico, 136 , 257-301.

Triplett, KN, Tedeschi, RG, Cann, A., Calhoun, LG, e Reeve, CL (2011, 4 luglio). Crescita post-traumatica, significato nella vita e soddisfazione della vita in risposta al trauma. Trauma psicologico: teoria, ricerca, pratica e politica. Pubblicazione online avanzata

Valor-Seguar, I., Exposito, F., & Moya, M. (2011). Vittima che incolpa e esonera l'autore della violenza domestica: il ruolo delle credenze nel sistema mondiale e ambivalente. Spanish Journal of Psychology, 14 , 195-206.

Wagnild, GM e Collins, JA (2009). Valutare la resilienza. Journal of Psychosocial Nursing, 47 , 28-33.

Wagnild, GM, & Young, HM (1993). Sviluppo e valutazione psicometrica della scala di resilienza. Journal of Nursing Measurement, 1 , 165-178.

Wingo, AP, Fani, N., Bradley, B., & Ressler, KJ (2010). Resilienza psicologica e prestazioni neurocognitive in un campione di comunità traumatizzate. Depressione e ansia, 27 , 768-774.

Wortmann, JH (2009). Religione / spiritualità e cambiamento di significato dopo il lutto: prova qualitativa del modello che costruisce il significato. Journal of Loss and Trauma, 14 , 17-34.

Zautra, AJ, Arewasikporn, A., & Davis, MC (2010). Resilienza: promozione del benessere attraverso il recupero, la sostenibilità e la crescita. Ricerca nello sviluppo umano, 7 , 221-238.

Zuckerman, M., & Gerbasi, KC (1977). Credere in un mondo giusto e fiducia. Journal of Research in Personality, 11 , 306-317.

  • Pensa a Pink for Girls
  • "Primo verbo" di You Are Your Child
  • "Je Suis Moath al-Kasasbeh"
  • The Emily Houser Hate Party
  • Trump and Gender Domination
  • Disturbo esplosivo intermittente: No, questo NON è tutto su Mel "Mad Max" Gibson!
  • Qual è il valore di salvare un matrimonio?
  • L'amore devozionale di Natalie Merchant
  • 13 motivi per cui
  • Quando l'amore diventa infiltrato dall'odio
  • Molestie sessuali e abusi da parte dei partner: la diagnosi precoce è la chiave
  • Politici dei ladri: funzionari pubblici che vivono in alto e proteggono i propri
  • 10 motivi per cui le persone continuano a usare droghe
  • Costruire la resilienza dopo il trauma: lezioni dal Cile
  • Quando l'amore diventa infiltrato dall'odio
  • 6 segni di dipendenza in bambini adulti di alcolisti
  • C'è una differenza tra privacy e segretezza
  • Sei emotivamente libero?
  • Perché continuiamo a sculacciare (colpire) i bambini? Il problema con la punizione fisica (corporale)
  • I social media possono aiutarti a guarire?
  • Cosa c'è di buono nell'uguaglianza?
  • Epigenetica, salvami dalla mia famiglia!
  • Che voti del matrimonio?
  • Perché alcuni uomini picchiano le loro mogli e fidanzate?
  • Polizia e dipendenze
  • I mass killers iniziano con gli animali domestici?
  • Quattro "What If's" di Segnalazione di abusi sui minori
  • Comunicare attraverso il conflitto
  • La tempesta perfetta: come contribuiamo inavvertitamente all'abuso familiare
  • Una recensione di "Big Little Lies" della HBO
  • Trauma e PTSD: più comune di quanto pensi
  • Forza di volontà
  • TNR chiede: Perché il matrimonio è meglio della vita singola?
  • Pistole o niente pistole per quelli con malattie mentali?
  • Sticks and Stones-Hurtful Words Danneggia il cervello
  • Una mascolinità positiva e raffinata