Tradimento e abbandono in terapia

"Il trauma ha detto: 'Non scrivere queste poesie.
Nessuno vuole sentirti piangere per il dolore dentro le tue ossa. "
– Andrea Gibson, The Madness Vase

La scrittura è stata fondamentale per il processo di guarigione di Robin A. Deutsch, il cui terapeuta è morto tragicamente durante il trattamento. La sua coraggiosa antologia esamina varie rotture traumatiche tra paziente e terapeuta: relazioni cliniche lacerate da morte, suicidio e violazione sessuale. ( Rotture traumatiche: abbandono e tradimento nella relazione analitica , New York, Routledge, 2014). La maggior parte delle pagine rivela racconti di prima mano sinceri dal punto di vista della vittima come raramente fatto in letteratura.

Wikimedia, used with permission
Fonte: Wikimedia, usato con permesso

"The Long Shadow of Rupture", un sottotitolo per una sezione cruciale del libro, esamina le violazioni sessuali all'interno della diade clinica. Uno studio di Pope, Keith-Spiegel e Tabachnick stima che il contatto sessuale tra un terapeuta e il loro paziente avvenga con il 2,5% di terapeuti femminili e il 9,4% di quelli maschi; Il 9,4% è quasi 1 su 10 terapeuti maschi (citato in Blechner).

In un saggio dominante dell'antologia di Deutsch, Elizabeth Wallace racconta la sua esperienza come candidato psicoanalitico il cui analista di formazione è stato indagato per trasgressioni di confine sessuale con un altro paziente. Cosa succede a questi candidati emotivamente e professionalmente? Abbandonano l'allenamento? Possono mantenere fede nel loro istituto, nella scelta della loro carriera?

"Al buio" è il modo in cui Wallace descrive la sua irrequieta attesa mentre il comitato etico del suo istituto ha condotto le indagini sul suo terapeuta. A causa della riservatezza, le è stato proibito di comunicare con chiunque, eccetto i membri del comitato, circa l'eventuale violazione, come porre domande sul presunto autore, i ricorrenti o l'accusa. Lei sottolinea le sfumature incestuose di questo sondaggio interno. Il suo stato emotivo era analogo al peso di un bambino di essere fatto per portare un segreto inenarrabile.

Gli autori di questa raccolta che hanno subito simili maltrattamenti esprimono un enorme isolamento durante questa fase dell'inchiesta interna. L'isolamento scolpito si divide nel pensiero dello studente. La situazione di Wallace era talmente contorta che a un certo punto fu in grado di confidarsi solo con la sua terapeuta, la persona precisa al centro delle sue sconcertanti speculazioni. Secondo lei, "ho sperimentato il doppio legame di slealtà verso l'istituto quando ho parlato con il mio analista dell'inchiesta e della slealtà verso il mio analista quando ho parlato con i rappresentanti dell'istituto" (96). L'aderenza alla riservatezza sulla trasparenza ha prodotto una cultura istituzionale di tensione, ansia e sfiducia. Questo "velo di segretezza" destabilizzò il programma di allenamento stesso (147).

"L'annuncio" ha trasmesso i risultati a Wallace e ai membri dell'istituto. La pubblica disgrazia della sua terapeuta e il suo congedo sono rapidamente seguiti, il che ha catalizzato il suo processo di dolore in pieno. Una sospensione forzata dalla commissione medica fu vissuta come un'altra punizione per la vittima. Guardando indietro, Wallace ammette di essere rimasta delusa per quanto ha effettivamente appreso di quello che era successo. Molti particolari dell'infrazione rimangono avvolti in tabù. "Avevo mantenuto la fantasia che alla fine avrei ricevuto dettagli che mi avrebbero permesso di giudicare la colpevolezza o l'innocenza del mio analista per me stesso" (98). Eviscerato dalla totalità degli eventi, Wallace tornò a sedersi in sedute di terapia nel tentativo irritabile di discernere qualche inafferrabile verità.

"Eye of the storm" racchiude le dinamiche di gruppo regressive che Wallace ha osservato all'indomani della rottura etica. I suoi compagni di classe erano il suo "contenitore di contenimento", mentre l'istituto era un "leaky" (100). Dopo l'espulsione del suo terapeuta, Wallace ha assistito al timore di un contagio che circolava nel suo programma di allenamento, essendo lei la più tossica di tutte.

Nella fantasia del gruppo, aveva "raccolto" qualcosa come il paziente di un terapeuta contaminato "come i punti ciechi che rispecchiavano quelli del mio analista, che potevano predispormi a problemi con i miei pazienti" (102). L'esposizione dell'istituto al crollo dei confini ha mobilitato la paura tangibile "simile all'invasione microbica" (101).

L'esperienza straziante del tradimento ha avuto un impatto indelebile su Wallace. Comprensibilmente ha inscritto la sua carriera e la sua identità professionale con effetti duraturi. Tuttavia i depositi interni di resilienza le hanno permesso di trasformare il trauma e la disillusione in attività di valore sociale e consapevolezza culturale. Ora insegna sulle infrazioni al confine, tenendo conferenze sul tema con i tirocinanti in una gamma di professioni e riabilitando i trasgressori nella sua pratica clinica.

___________________

Riferimenti:

Blechner, M. (2014) "Dissociazione tra psicoanalisti sulle violazioni del confine sessuale." Psicoanalisi contemporanea , 50: 23-33.

Deutsch, Robin A., (Ed.), (2014). Rotture traumatiche: abbandono e tradimento nella relazione analitica , New York e Londra, Routledge.

Seguimi: www.twitter.com/mollycastelloe

Solutions Collecting From Web of "Tradimento e abbandono in terapia"