Torna al tuo paese

Quando guardi l'immagine del giovane che viene usato in congiunzione con questo articolo, quali pensieri vengono in mente, se ce ne sono, in merito alla sua nazionalità? Se inizialmente non ti vengono in mente tali pensieri, per favore guarda l'immagine e prova a valutare la nazionalità dell'uomo.

Se in qualche modo ti sei perso nei notiziari, ti consiglio vivamente di digitare la seguente ricerca su Internet: "torna nel tuo paese".

"[La scorsa estate,] William Lee, un socio di Wilmer Cutler Pickering Hale e Dorr e uno dei principali litiganti della proprietà intellettuale del paese, era stato invitato a" tornare nel proprio paese "da un uomo nella sua città natale fuori Boston ….

Lee stava riempiendo il suo SUV Mercedes-Benz in una stazione di servizio di Wellesley quando un uomo chiese come poteva avere una macchina del genere e poi disse che non era il benvenuto negli Stati Uniti

Lee, che è etnicamente cinese ma la cui famiglia è nel paese dal 1948, ha detto all'uomo che non capiva.

"Intendi, non capisci l'inglese," disse l'uomo.

"Non capisco l'ignoranza," rispose Lee …

Non è l'unico.

Cyndie Chang, managing partner dell'ufficio di Los Angeles di Duane Morris e presidente della National Asian Pacific American Bar Association, ha detto che era in piedi sui gradini del Campidoglio a Washington, DC, a maggio, quando un uomo più anziano del Caucaso le ha detto la stessa cosa : Torna nel tuo paese.

Chang, la cui famiglia è arrivata nel paese dalla Cina cinque generazioni fa, ha detto di aver sentito storie simili da altri durante la corsa presidenziale di quest'anno e le sue conseguenze, inclusi resoconti di minacce di violenza ".

L'11 novembre 2016, il Consiglio di amministrazione della California Psychological Association ha rilasciato una dichiarazione sulle elezioni presidenziali in cui ha riconosciuto che molti dei suoi membri "hanno continuato a lavorare con clienti che sono spaventati e sconvolti anche se possibilmente hanno a che fare con i propri sentimenti. ”

Cinque giorni dopo, Wayne Kao, PsyD., Presidente della Diversity dell'associazione psicologica della San Gabriel Valley, ha inviato una e-mail ai membri di tale organizzazione, che ha dichiarato in parte quanto segue:

"Indipendentemente dalle vostre inclinazioni politiche, questa elezione, più che mai, mi ha ricordato il nostro bisogno di comprendere meglio le convinzioni e le necessità degli altri. Ancora più importante, la mia preoccupazione principale è per la sicurezza pubblica e il nostro bisogno di difendere coloro che lottano per difendersi.

Nelle prossime settimane, si prega di essere alla ricerca di messaggi riguardanti riunioni ed eventi che affrontano il nostro ruolo di professionisti della salute mentale nel promuovere la sicurezza della comunità ".

Lo stesso giorno, i membri sono stati invitati a una discussione aperta dal titolo Post-Election Reflections Collaborative Event. Sono stati considerati i seguenti argomenti:

  • Impatto delle elezioni su noi stessi, i nostri clienti e la nostra comunità
  • Modi che possiamo sostenere noi stessi, l'un l'altro e i pazienti che possono esprimere stress, paura, conflitti familiari, ecc
  • Ruolo della psicologia / potenziali contributi in questo momento

Il 1 ° febbraio 2017, l'American Psychological Association ha rilasciato la seguente dichiarazione: "Gli ordini dell'amministrazione Trump pongono danno ai rifugiati, agli immigrati, alla ricerca accademica e allo scambio internazionale, secondo gli psicologi".

Poi, il 10 marzo 2017, il tema del pranzo mensile dell'Associazione Psichica San Gabriel Valley è stato Quando The Political diventa Personal And The Personal Becical Political: Panel discussion on the impact of the election . Il programma è stato moderato da Larry Brooks Ph.D. e il pannello era composto da Richard LaBrie, Psy.D., Indhushree Rajan, Ph.D. e Wayne Kao, Psy.D. È stato un incontro molto partecipato e i relatori sono rimasti in seguito per una discussione in corso con quelli di noi che erano interessati e in grado di continuare la discussione.

È diventato abbondantemente chiaro sulla base delle informazioni trasmesse dai relatori e dagli psicologi presenti che a seguito delle elezioni presidenziali del 2016 e di quello che è accaduto politicamente dopo le elezioni, le persone stanno letteralmente soffrendo di problemi di salute mentale, il che non si vedeva mai. dalle elezioni precedenti.

Durante il programma, tra le altre cose, hanno attirato distinzioni da molti per quanto riguarda gli americani, i cittadini degli Stati Uniti e gli immigrati. Apparentemente, nel 2017, molte persone definiscono gli "americani" come quei cittadini statunitensi che sembrano come se fossero o potrebbero essere i discendenti diretti dei primi coloni europei.

Con questa definizione, Cyndie Chang, di cui sopra, non è un americano, nonostante il fatto che la sua famiglia sia arrivata negli Stati Uniti cinque generazioni fa. Come quadro di riferimento, una generazione ha circa trent'anni. Come tale, la famiglia di Chang è negli Stati Uniti da circa 150 anni. Eppure, per alcuni, non è americana perché è di origine cinese.

Secondo Merriam-Webster, American è definito come segue:

"1: un indiano americano del Nord America o del Sud America

2: un nativo o abitante del Nord America o del Sud America

3: un cittadino degli Stati Uniti "

È vero che Chang non è "un indiano americano del Nord America o del Sud America", ma nemmeno i primi coloni europei oi loro discendenti. Considerando che è nata negli Stati Uniti d'America, è originaria del paese e cittadina statunitense.

Dal momento che la sua famiglia è arrivata negli Stati Uniti dalla Cina, è forse meno americana dei discendenti dei primi coloni europei? Che ne dici se paragonati ai discendenti dei coloni europei che sono arrivati ​​negli Stati Uniti meno di 150 anni fa? Che ne dite di un canadese di discendenza europea che da allora si è trasferito negli Stati Uniti, ha ottenuto la cittadinanza americana, e sembra come se fosse un discendente dei primi coloni europei?

Secondo William Lee, anche menzionato sopra, "Nel più blu degli Stati Uniti, nel Massachusetts, a un miglio dal Wellesley College, se qualcuno ti dice di tornare nel tuo paese, questo può accadere ovunque. Se questo può accadere al socio di gestione di un'azienda Am Law 200, cosa sta succedendo nel resto del paese? "

"Lee ha detto di non aver sentito un commento come questo per 40 anni. Attribuisce l'incontro all'ambiente politico che ha incoraggiato l'ostilità verso gli immigrati ….

"Sono preoccupato che se ciò può accadere a Wellesley, è indicativo di persone che hanno opinioni simili, sia espresse che inespresse", ha affermato. "È qualcosa che dobbiamo affrontare come paese e come avvocati. Chi sa cosa succederà? Forse sarà meglio di quanto speriamo. In caso contrario, è importante che gli avvocati siano ascoltati e alzati in piedi ".

Ritornando ora alla foto che ho scelto di usare insieme a questo articolo, è un'immagine di un uomo di discendenza hawaiano-polinesiana.

Domanda: Quando le Hawaii divennero il 50 ° stato il 21 agosto 1959, i suoi cittadini e discendenti divennero americani, cittadini statunitensi o immigrati?

Permettimi di aiutarti con la tua risposta.

"L'Hawaiian Organic Act, emanato il 30 aprile 1900, era un atto organico emanato dal Congresso degli Stati Uniti per stabilire il territorio delle Hawaii e per fornire una Costituzione e un governo per il territorio. La legge era in vigore fino al 21 agosto 1959, quando il territorio fu ammesso nell'Unione come Stato ….

La legge stabiliva che chiunque fosse cittadino della Repubblica di Hawaii il 12 agosto 1898 o prima del 1298 sarebbe anche cittadino degli Stati Uniti e qualsiasi cittadino degli Stati Uniti che risiedesse nell'isola a partire dal 12 agosto 1898 dovrebbe vivere lì per diventare un cittadino del Territorio delle Hawaii ".

In altre parole, l'uomo di discendenza hawaiano-polinesiana in quella foto è chiaramente un cittadino statunitense, a meno che non si sia trasferito altrove e abbia riacquistato la sua cittadinanza. Capita anche di essere un americano e non è affatto un immigrato.

I tuoi pregiudizi, credenze, supposizioni e valori ti hanno portato a concludere che l'uomo nell'immagine era un cittadino americano o statunitense meno di qualcuno che sembra essere di discendenza europea? Se gli fosse stato detto "torna nel tuo paese", dove potrebbe essere esattamente?

Se i tuoi pregiudizi hanno il meglio di te, la buona notizia è che l'empatia ha indebolito le percezioni distorte.

Nel frattempo, i tuoi pregiudizi provocano letteralmente altre persone a soffrire di problemi di salute mentale? Se è così, come ti fa sentire?

Solutions Collecting From Web of "Torna al tuo paese"